immobiliare

Tonino Lamborghini firma nuovo progetto residenziale di lusso in Brasile

Il building di lusso sorgerà nella cosiddetta Dubai Brasiliana di Balneario Camboriù: su una superficie di 25mila metri quadrati

di Adriano Lovera


default onloading pic

2' di lettura

Dopo la Cina e Dubai, Tonino Lamborghini allarga le sue attività real estate anche in Brasile. È di questi giorni l'accordo tra il marchio italiano e lo sviluppatore carioca Embraed, grazie a cui sorgerà un polo residenziale di alta gamma in una delle porzioni più suggestive dello Stato, Balneário Camboriú, non a caso conosciuta come la “Dubai Brasiliana” grazie alle sue spiagge, una nightlife vivace, uno stile di vita sofisticato e il suo particolare skyline.

Il building, con un'altezza di 168 metri e una superficie totale di 25mila mq, conterrà 67 unità abitative dal design iconico. Tutti gli interni saranno arredati con le soluzioni per casa e ufficio di Tonino Lamborghini Casa, rivestimenti in ceramica della linea Luxury Surfaces e rubinetterie della collezione Water Design. Il valore dell'investimento è di 150 milioni di real brasiliani (circa 34 milioni di euro) e sarà lanciato ufficialmente a dicembre. «Svilupperemo un concept abitativo con una forte personalità e di grande espressione culturale e artistica. L'obiettivo è soddisfare la richiesta della clientela più esigente» ha dichiarato Tonino Lamborghini. «Embraed e Tonino Lamborghini condividono gli stessi valori ed obiettivi: una forte tradizione familiare, attenzione ai dettagli e volontà di garantire alla propria clientela uno stile di vita premium» secondo Tatiana Rosa Cequinel, presidente del sodalizio brasiliano.

Balneário Camboriù è una zona in forte espansione perché attrae sia una clientela in cerca di immobili a scopo residenziale sia chi è alla ricerca di investimenti a basso rischio. I valori immobiliari sono al top e hanno giù superato i livelli di una città come San Paolo. Secondo l'indice Iph (Índice Properati Hiperdados), nella capitale paulista il prezzo medio al metro quadrato è intorno agli 8mila real (poco meno di 1.800 euro), mentre qui siamo già a 9.400 real (circa 2.000 euro).

Dubai rappresenta solo l'ultima delle tappe di Lamborghini nel settore del real estate. A fare da apripista sono stati gli avveniristici hotel in Cina, il primo dei quali è stato inaugurato nel 2012. nel 2018, invece, c'è stata la posa della prima pietra di un progetto d'eccezione negli Emirati arabi. Si tratta del maxi complesso “Tonino Lamborghini Residences Dubai”, che offrirà un perfetto mix tra design contemporaneo italiano, domotica avanzata e un 40% di spazi verdi. Sono previste 10mila unità immobiliari, più ristoranti e café a marchio, palestre, spa, negozi flagship o mono-brand, luoghi di culto, scuole, cliniche e servizi per un totale di 43 ettari di spazio. La community è inserita all'interno dell'iniziativa “The Smart Dubai”. Lo sviluppatore è Oriental Pearls, uno dei principali developer immobiliari cinesi che operano negli Emirati Arabi Uniti, e dovrebbe essere pronto entro il 2024 nel quartiere di Meydan One.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...