espansioni

Too Good To Go, l’app anti spreco alimentare più grande d’Europa ora punta agli Usa

Nel 2019 ha portato più di 33mila partner a bordo, ha accolto 18 milioni di utenti e «salvato» più di 28 milioni di pasti

di Silvia Marzialetti


default onloading pic

2' di lettura

Espansione verso il mercato Usa - con il lancio di una campagna assunzioni a New York e Boston - e ottenimento della certificazione B Corp. Cresce oltre i confini europei Too Good To Go, l'app anti spreco alimentare più grande d'Europa. Ilaria Ricotti, pr Manager della start up danese che coinvolge 20 milioni di utenti in Europa e 800mila in Italia, fa il punto su quattro anni di attività.

Trenta milioni di magic box vendute in Europa e 370mila in Italia: a fine 2019 Too Good To Go ha portato più di 33mila partners a bordo, ha accolto 18 milioni di utenti e “salvato” più di 28 milioni di pasti. In Europa la app opera in quattordici Paesi, con 4mila store attivi in Italia, dislocati in venti città: Milano, Roma, Napoli, Palermo, Torino, Bologna, Firenze, Verona, Trieste, Genova, Bergamo, Perugia, Piacenza, Reggio Emilia, Lecco, Varese, Como, Arona, Prato, Padova.

Ora l'azienda annuncia la sua espansione verso il mercato Usa (primo Paese extra-europeo coinvolto e quindicesimo del mercato), con il lancio di una campagna di assunzioni a New York e Boston. Altro traguardo è la certificazione B-Corp, network globale di 2600 aziende (di cui 500 in Europa), che operano in diversi ambiti, ma secondo standard ambientali e sociali comuni, incentrati su un nuovo approccio di fare business.

«L’anno scorso durante una tavola rotonda con 200 amministratori delegati americani sono state ridefinite le linee guida sulla sostenibilità sociale, che antepone la solidarietà al valore per gli azionisti», ha commentato nei giorni scorsi la ceo di Too Good To Go, Mette Lykke.

La campagna anti-spreco sostenuta dalla start up prevede l'acquisto da parte del piccolo consumatore di prodotti inevasi da ristoranti, bar, forni, pasticcerie, supermercati, hotel. Attraverso una mappatura - quartiere per quartiere - degli esercizi commerciali coinvolti, l'utente verifica le giacenze, acquista online a prezzo ridotto e ritira secondo la disponibilità oraria fornita dall'esercizio commerciale.Il cibo venduto è veicolato dalla magic box, busta di carta con selezione a sorpresa di prodotti e piatti freschi, destinati – diversamente - al macero.

Nella giornata di oggi l'azienda è impegnata in una call to action che invita utenti, aziende, associazioni, scuole e cittadini a condividere e raccontare sui social networks le proprie azioni contro lo spreco, piccole o grandi che siano, accompagnate dall'hashtag dedicato #IlCiboNonSiButta, per entrare a far parte della rete sempre più estesa dei cosiddetti Waste Warriors. «Ogni anno in Italia 15 miliardi di euro di cibo vengono sprecati: una catastrofe in termini economici, etici e ambientali», ricorda Eugenio Sapora, country manager di Too Good To Go.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...