programma italiano

Torna la Notte europea dei ricercatori

di Francesca Cerati

default onloading pic


1' di lettura

Venerdì 28 settembre - nell’ambito dell'iniziativa promossa dalla Commissione europea che coinvolge ogni anno migliaia di ricercatori e istituzioni di ricerca in tutti i paesi europei per diffondere la cultura scientifica - torna la Notte europea dei ricercatori. In Italia saranno 116 le città coinvolte con eventi di ogni tipo, destinati a ogni pubblico, ogni età, ogni cittadino. Si possono selezionare eventi per località, per organizzatore, per data e per target.

Le iniziative da vivere quest’anno con i ricercatori di ogni scienza vanno dai temi “caldi” della salute (vaccini, rischi pandemie, zanzare, farmaci e antibiotici) a quelli dell'ingegneria (vulnerabilità delle città ai terremoti), e dell'ambiente (con biodiversità, ecosistemi, plastiche, diete varie, diete mediterranee, grassi e diete che proteggono, produzioni sostenibili, alghe speciali); dalla chimica allo spazio, dalla biologia alla musica, dalla matematica alla genetica, fino all’industria 4.0 e sul suo potenziale impatto in termini di sostenibilità.

Si fa il punto scientifico sul presente: fake news, cyberterrorismo industriale e in ospedale, cyberbullismo, e cybersecurity, social network, robot in medicina e anche a scuola. Si gioca la matematica, la linguistica, la finanza e la statistica, passando per la biologia, l'entomologia, la geologia, surfando tra algebra, onde sonore, onde gravitazionali e coefficienti di drag, indagando sulle scienze di Star Wars, saltando su elettroni, protoni e anche neuroni, e osservando da vicino virus letali e insetti preziosi, alieni e particelle nucleari.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti