la prova

Toyota C-HR restyling 2020: nuovo motore ibrido 2 litri da 184 cavalli

A tre anni dal lancio, Toyota CH-R si fa qualche ritocco aggiornando lo stile e, soprattutto, portando in dote una nuova motorizzazione (sempre) ibrida 2 litri benzina da 184 cv

di Giulia Paganoni


Toyota C-HR: ecco come cambia con il restyling

3' di lettura

Progetto che vince, non si cambia. Si aggiorna. Tre anni fa, C-HR aveva creato scaldalo il suo design rivoluzionario, a diamante, come lo chiamavano i tecnici Toyota. Ora, il C-suv ibrido Toyota si aggiorna, con un aggiornamento di metà carriera, per mantenere l'appeal che ha generato in questi anni con oltre 50.000 unità vendute solo in Italia. Le principali aree di miglioramento del restyling sono tre: esterni, performance e connettività. Siamo stati a Lisbona per provarla su strada.

Toyota C-HR, le foto del model year 2020

Toyota C-HR, le foto del model year 2020

Photogallery20 foto

Visualizza

Stile mantenuto ma con tecnologia Led
La base è sempre lei: la nota piattaforma Tnga che permette di montare un'unità ibrida mantenendo bilanciati i pesi e senza limitare l'abitabilità di bordo. La vettura, lunga 4.395 mm e lunga 1.795 mm ha mantenuto un passo di 2.640 mm e una capacità del bagagliai di 358 litri, estendibile fino a 1.102 litri.
Dal punto di vista stilistico si tratta di un leggero restyling, dunque sono state mantenute le linee da coupé, si notano solo alcune modifiche nell'anteriore, dove anche i gruppi ottici sono stati ridisegnati adottando la tecnologia a Led. Da notare che nel posteriore, i fari sono collegati tra loro da un nuovo spoiler. Sono tre gli equipaggiamenti e sono stati introdotti nuovi colori, tra cui anche la possibilità del bicolor.

Performance: due unità propulsive da 1.8 e 2.0 litri
Sono due le motorizzazioni disponibili per l'aggiornamento di C-HR: l'ormai classico 1.8 litri da 122 cv con batteria agli ioni di litio e l'inedito Hybrid con powertrain Full Hybrid Electric 2 litri da 184 cv con batteria da 216 V al Nichel. Quest'ultimo powertrain è in grado di assicurare divertimento di guida e consumi ai vertici della categoria: tutto questo è stato ottenuto grazie all'eccezionale rendimento del motore termico del 41% e al miglioramento degli altri componenti del sistema Hybrid. Tutto questo si traduce in performance entusiasmanti, con un'accelerazione 0-100 km/h in 8.2 secondi e un consumo a partire da 25 km/l ed emissioni soli 92 g/CO2 per km (Nedc correlato).
La trasmissione è sempre la classica a variazione continua Cvt e la trazione è solo anteriore.

Connettività: aggiornati i sistemi di bordo
Il nuovo sistema multimediale consente ora la piena integrazione dello smartphone sia per gli utenti Apple CarPlay che Android Auto. Il cliente sarà ora in grado di utilizzare le principali app presenti sugli smartphone direttamente sul display touch della vettura. Inoltre, il nuovo Toyota C-HR è dotato di un nuovo modulo di trasmissione dati che offre la possibilità di usufruire dei servizi connessi grazie all'utilizzo dell'app MyT: è possibile visualizzare la posizione dove l'auto è parcheggiata, pianificare un itinerario e condividerlo con il sistema di navigazione oppure verificare lo stato della propria vettura attraverso il controllo di diversi indicatori.

L'auto ti aiuta a consumare meno e ridurre le collisioni
Novità assoluta è la funzione di Hybrid Coach che permette di avere una panoramica del viaggio effettuato con il dettaglio del funzionamento della vettura in elettrico, del consumo di carburante, ed indicazioni contestualizzate con suggerimenti per migliorare il proprio stile di guida Hybrid.
Su tutta la gamma è di serie il Toyota Safety Sense, un pacchetto di tecnologie studiate per prevenire e ridurre le collisioni a diverse velocità di marcia e che aiutano a rendere più sicuro il viaggio e a ridurre l'a aticamento del guidatore.

Prova su strada: come va il 2 litri

Abbiamo provato il nuovo powertrain benzina 2 litri da 184 cv, lo stesso che viene montato sulla Corolla. Questo ha un buono spunto in partenza e i tecnici giapponesi hanno lavorato molto sull'insonorizzazione dell'abitacolo ottenendo un buon risultato. I consumi nel misto sono di circa 5 litri per 100 km grazie all'azione del motore elettrico.
Alla guida è piacevole, la seduta è ben regolabile e resta abbastanza alta anche abbassando tutto il sedile, le cui regolazioni elettricamente sono già di serie a parte nell'allestimento trend, l'entry level. Non ci ha convinto molto il display, posizionato molto in alto oscurando un po' la vista della strada e mostrando un'interfaccia poco immediata.

    Brand connect

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...