LA REGINA DELL’IBRIDO

Toyota rinnova la Prius e guarda verso lo sport

di M.Mam.

default onloading pic
La nuova Prius a trazione integrale che porta in dote anche un leggero maquillage


3' di lettura

Si dice Toyota e si pensa ai powertrain ibridi. In effetti, l’impegno che il brand giapponese propone da ormai oltre vent’anni verso la mobilità a basso impatto ambientale è dominante, ma non è tale da prevaricare completamente altri elementi del suo Dna. Fra questo c’è anche quello nei confronti dello sport. Un contesto in cui negli ultimi tempi la Toyota ha raccolto grandi soddisfazioni: la vittoria alla 24 Ore di le Mans con la Ts010 ibrida, il campionato costruttori rally con la piccola Yaris e la Dakar con il pick-up Hilux. Un triplete, per usare un termine tanto in voga nel mondo del calcio, di tutto rispetto che in questo periodo viene festeggiato simbolicamente non solo con il debutto a livello europeo della Gr Supra, ma anche con l’esordio assoluto della concept Gt4 che prefigura la variante destinata alle corse in pista. La quinta generazione della sportiva per eccellenza di casa Toyota è il risultato della collaborazione con Bmw dal quale è scaturita anche la Z4. La nuova coupé giapponese con abitacolo a due posti, sebbene basata sulla stessa architettura e condividendo i motori con quella tedesca, ha una personalità propria e ben marcata. In Europa la Gr Supra, la cui forma atletica è stata definita dal reparto Gazoo Racing di Toyota come rammenta l’acronimo presente nella denominazione, arriva solo nella versione più potente spinta da un 6 cilindri sovralimentato da 340 cv. Questa unità, di origine bavarese, la proietta sino a una velocità autolimitata di 250 all’ora e le consente di raggiungere i 100 orari in 4”3. In Italia la Gr Supra è in vendita 67.900 euro.

Il ritorno della sportiva super-prestazionale non distoglie, tuttavia, l’attenzione della Toyota su modelli portanti della sua produzione. Parliamo, quindi, di un best seller a livello globale, ovvero della Prius che in questi giorni si presenta con una nuova collezione.

È il risultato di un aggiornamento estetico che riguarda essenzialmente il frontale, della rivisitazione dell’abitacolo e dell’arricchimento del capitolo tecnologie. In questo contesto arrivano l’head up display, un sistema d’infotainment con display touch da 7”, la piattaforma di ricarica wireless per smartphone e una suite di Adas ancora più completa rispetto al passato. Ma non è tutto. Infatti, nella famiglia della rinnovata Prius arriva anche una versione a trazione integrale, mai vista in precedenza. Si chiama Awd-i proprio come l’analoga Rav4, anch’essa basata sull’architettura Tnga, che l’ha portata al debutto qualche mese fa. Si tratta di un sistema attivo sino a 70 all’ora gestito dall’elettronica, che sfrutta un motore elettrico piazzato sul retrotreno per dare motricità alle ruote posteriori e che entra in campo nelle partenze e tutte le volte che si presentano variazioni d’aderenza.

La trazione integrale elettrica consente alla Prius Awd-i di offrire consumi ed emissioni allineati a quelli della versione a due ruote motrici, anch’essa equipaggiata con un powertrain che integra un motore a benzina di 1,8 litri e che, complessivamente, sviluppa 122 cv.

Questo sistema propulsivo insieme a quello formato da un motore di 2 litri che offre 150 cv sono quelli previsti per la nuova versione Trek della Corolla Touring Sports, che sarà commercializzata verso fine anno. Si tratta di una variazione sul tema sviluppata con Trek Bicycle e pensata per l’outdoor. Quindi, è abbigliata in stile cross country e ha un assetto rialzato di 20 mm rispetto a quello delle altre versioni. Nello schieramento della Corolla arriva anche un’altra novità: la Gr realizzata dal reparto corse della Toyota. Questa Corolla è basata sulla hatchback con powertrain da 150 cv, ha lineamenti fortemente caratterizzati in chiave sportiva e sarà venduta a partire dall’inizio del 2020.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti