auto

Toyota, utili e liquidità in cassa a livelli record. Stime confermate

Il periodo aprile-settembre è stato il miglior primo semestre della storia di Toyota sia per l'utile netto che per i ricavi ottenuto grazie a un taglio dei costi e all’attività commerciale


default onloading pic

1' di lettura

Toyota, numero uno dell'auto giapponese ma soprattutto primo costruttore del mondo davanti a Volkswagen con oltre 10 milioni di vetture prodotte, ha chiuso il semestre aprile-settembre con un utile di 1.274,9 miliardi di yen (circa 10,6 miliardi di euro) in crescita del 2,6 per cento. Migliora anche il risultato operativo a 1.404,3 miliardi di yen e i ricavi salgono a 15.285,5 miliardi (+4,2%). Si tratta del miglior primo semestre della storia di Toyota sia per l'utile netto che per i ricavi ottenuto grazie a un taglio dei costi e all’attività commerciale. Toyota ha quindi confermato le stime per l’esercizio 2019/2020 che prevedono un utile di 2.150 miliardi, in rialzo rispetto all'anno fiscale precedente e ricavi in lieve calo per le difficoltà del mercato mondiale dell’auto a 29.500 miliardi di yen.

La cassa di Toyota è cresciuta a un record di 3,98 trilioni di yen (36,6 miliardi di dollari) alla fine di settembre, dopo che il gigante nipponico ha ridimensionato i suoi investimenti in titoli. La liquidità e gli equivalenti sono aumentati di 405,1 miliardi di yen nei primi sei mesi dell'anno fiscale, ovvero l'11% in più rispetto alla fine dello scorso anno fiscale, ha dichiarato la casa automobilistica.

Gli investimenti della Toyota in titoli si sono ridotti di 510 miliardi di yen, pari al 5,9%. Circa la metà di questi erano titoli negoziabili a breve termine, crollati del 22% a un minimo a 10 anni di 876,4 miliardi di yen. (Al.An.)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...