Mobilità elettrica

Tra le 100 invenzioni di Time il sistema di ricarica wireless sperimentato in Italia

L’azienda israeliana ElectReon sta testando un metodo di ricarica a induzione dei veicoli in Svezia, in Germania e con la Brebemi

di Carlo Andrea Finotto

Auto elettriche: 55% italiani interessati,ma pesano costi elevati

2' di lettura

C’è anche un po’ di Italia in una delle cento invenzioni del 2021 messe in fila nella classifica per categorie stilata dal settimanale Time. È quella dell’azienda israeliana ElectReon che ha sviluppato un sistema di ricarica a induzione per i veicoli elettrici.

A descriverlo il sistema è molto semplice: i veicoli (auto private, mezzi pubblici, camion) si ricaricano viaggiando. O anche stando fermi, purché in aree apposite cablate con il sistema ideato dalla startup. Già, perché strade ed eventuali parcheggi devono prevedere un circuito installato sotto l’asfalto, alimentato a distanze regolari tramite colonnine di connessione. L’energia necessaria ai mezzi per viaggiare e ricaricarsi arriva quindi per induzione, senza una connessione diretta.

Loading...

I primi passi con la sua invenzione ElectReon li ha mossi ovviamente in Israele, in particolare a Tel Aviv dove ha sperimentato un tratto di diverse centinaia di metri e dedicato al trasporto pubblico e poche settimane fa l’azienda ha siglato un contratto da 9,4 milioni di dollari.

E l’Italia? L’idea di ElectReon non è rimasta confinata a lungo all’interno dello stato ebraico. Sperimentazioni su tratti stradali sono infatti in corso in Svezia, in Germania e anche in Italia. A siglare una partnership per verificare la fattibilità del sistema è stata Brebemi, la società autostradale che gestisce il tratto della A35 tra Brescia, Bergamo e Milano (parallelo e alternativo alla A4). Qui, è stata allestita la cosiddetta “Arena del futuro”, un anello di circa un chilometro, per effettuare la sperimentazione sul campo in partnership con Stellantis, Iveco, Abb, Mapei, Tim, Prysmian, Fiamm e Pizzarotti.

Il principio riprodotto a fianco della Brebemi è simile a quello che utilizziamo spesso ricaricando smartphone o tablet in modalità wireless: le bobine di materiale conduttore installate sotto l’asfalto della carreggiata trasferiscono l’energia tramite i campi elettrici generati.

Non a caso Time ha inserito l’invenzione tra quelle che potrebbero cambiare il nostro modo di vivere. Se le sperimentazioni avranno successo e il sistema si diffonderà i veicoli potranno installare batterie più piccole o addirittura nessuna, come ipotizza il settimanale americano, al quale il ceo e co-fondatore di ElectReon Oren Ezer ha dichiarato: «Tutti stanno cercando di migliorare la batteria; abbiamo iniziato a pensare di rimuovere il problema».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti