Emergenza Covid

Tra due settimane vaccino in farmacia, Liguria regione apripista

Nel decreto Sostegni sarà introdotta la possibilità - oggi non prevista per legge - di impiegare il farmacista come vaccinatore. La Regione Liguria partirà con una sperimentazione il 29 marzo

di An.Ga.

2' di lettura

Le vaccinazioni contro il Covid si faranno anche nelle 20mila farmacie italiane. «Stiamo lavorando a un intervento normativo per favorirne l'impegno, così come quello degli infermieri», ha annunciato il ministro della Salute Roberto. Saranno utilizzati gli spazi disponibili all'interno o nelle tensostrutture subito fuori dove oggi si fanno i tamponi rapidi e che si sono moltiplicate negli ultimi mesi davanti alle farmacie di molte città. Con una possibile grande novità che entrerà nel decreto Sostegni, e cioè la possibilità - oggi non prevista per legge - di impiegare il farmacista come vaccinatore. La Liguria partirà con una sperimentazione il 29 marzo.

Coinvolgimento diretto dei farmacisti

Nei quasi 20mila esercizi sparsi in tutta Italia lavorano infatti 73mila farmacisti (25mila i titolari) che almeno in parte e dopo apposito corso potrebbero somministrare direttamente i vaccini agli italiani, sulla scia di quanto già fanno i loro colleghi in Inghilterra in Francia e Germania. Sono oltre 5mila i farmacisti già abilitati, mentre altri 2.800 stanno ultimando il corso. La Legge di Bilancio 2021 prevede inoltre la figura di medici 'supervisori' di riferimento. «Servono strutture in cui le persone dopo aver ricevuto il vaccino restino in osservazione e un medico che possa intervenire se succede qualcosa. Una iniezione la possono fare tutti, ma se si verifica uno shock anafilattico servono competenze che non tutti hanno», ha spiegato il farmacologo Silvio Garattini, presidente dell'Istituto di ricerche “Mario Negri”.

Loading...

Liguria regione pilota per vaccinazioni in farmacia

L'iniziativa è lasciata alle Regioni, che dovranno anche stabilire in che modo attivare la supervisione dei medici. Di qui il rischio che, anche su questo fronte, come è successo per i tamponi nelle farmacie e si sta verificando per la vaccinazione, si proceda in ordine sparso. Con Regioni già pronte e altre ancora ferme al palo.In Liguria, per esempio, si sta già partendo. Il presidente della Regione, Giovanni Toti, ha spiegato: «Abbiamo perfezionato l'accordo con le farmacie: saremo una delle prime regioni in Italia ad avere operativamente punti vaccinali in farmacia. Nelle prossime 48/72 ore definiremo quali saranno i punti dove si effettuerà la prima partenza sperimentale, che sarà il 29 marzo. Avremo 50 punti per un totale compreso tra 2.500 e 3mila vaccini alla settimana».



Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti