depilazione

Tra laser, zucchero e miele ecco i segreti per una pelle ultra liscia

Esistono due scuole di pensiero in merito alla depilazione: una vuole l'eliminazione totale (tra le celeb Eva Longoria, Jennifer Lopez e Rihanna), l'altra non giudica superflui i peli, ma addirittura decorativi

di Monica Melotti


default onloading pic

3' di lettura

Esistono due scuole di pensiero in merito ai peli: una vuole l'eliminazione totale, anche nelle parti intime, l'altra è pro pelo, non li giudica superflui ma addirittura decorativi. A favore della depilazione integrale, anche dove non batte il sole, abbiamo nomi eccellenti: Eva Longoria, Jennifer Lopez, Rihanna solo per citarne alcuni.

La conferma arriva anche da uno studio pubblicato sulla rivista Jama, su un campione di 3.300 donne, d'età compresa tra i 18 e 65 anni, dove l'84% dichiara di depilare i peli pubici, mentre il 62% opta per la depilazione integrale anche per compiacere il partner. La maggior parte dei ginecologi però sostiene che il pelo ha una funzione protettiva da germi e infezioni, quindi la depilazione totale nelle parti intime non è così igienica come si tende a pensare.

Epilatori, laser e creme: ecco come avere una pelle super liscia

Epilatori, laser e creme: ecco come avere una pelle super liscia

Photogallery11 foto

Visualizza

Dall'altra parte abbiamo un nutrito gruppo di donne pro-bush, raccolte con l'#hairpositive, tra cui diverse celebs: Cara Delevingne, Lourdes la figlia di Madonna, Paris Jackson e Veronica Lucchesi, voce dei La Rappresentante di Lista. A sostegno dell'ascella incolta anche Annahstasia, la testimonial della campagna Nike che mostra in modo disinvolto nella pubblicità le ascelle non depilate.

E allora? Il giusto sta nel mezzo, come dicevano gli antichi latini, a noi la scelta di depilare o no alcune zone del corpo, qualunque cosa si scelga va bene lo stesso. In questa kermesse del pelo, si aggiungono anche gli uomini. Secondo una recente ricerca Mintel, gli uomini nel Regno Unito, circa il 46%, vogliono la depilazione totale del petto, ma la percentuale cresce al 57% tra i giovanissimi, tra i 16 e i 24 anni, che si radono anche le zone pubiche.

Il laser per l'epilazione
Il laser è sempre più apprezzato, oltre ad eliminare il fastidio di fare la ceretta regolarmente, permette di togliere i peli in modo definitivo. L'ultimo dispositivo si chiama Thunder MT di Renaissance, made in Italy, che combina due lunghezze d'onda, Alessandrite e Nd:Yag. «Questo laser riesce ad agire su qualsiasi spessore di pelo, senza interferire con l'abbronzatura e con la carnagione più scura - spiega Luigi Coricciati, dermatologo a Martano (Lecce) -. Il trattamento dura pochi minuti, tanto che è possibile depilare tutto il corpo in circa mezz'ora, per esempio per trattare una schiena maschile occorrono 15 minuti. Il trattamento non è doloroso, l'unica precauzione è non esporsi al sole nelle 24 ore precedenti alla seduta e non farlo neanche nelle successive 24 ore. Per consolidare i risultati occorrono circa dieci sedute, le prime 3-4 da seguire con cadenza mensile, mentre le altre ogni due-tre mesi. Le zone più richieste? Nel mio studio eseguo circa 15mila trattamenti ogni anno, la maggior parte riguarda le donne, circa il 60-70%, le quali richiedono soprattutto le gambe, le ascelle e la zona bikini. Il restante sono uomini che vogliono depilarsi il petto, l'inguine, le spalle e l'addome».

Gli altri metodi
La prima domanda è epilazione o depilazione? «Chiariamo la differenza tra i due metodi: un tipico esempio di depilazione è rappresentato da rasoio, dischetti e crema depilatoria, mentre l'epilazione è rappresentata da laser, ceretta a caldo e device epilatori - spiega Silvia Bianco di Lo Studio Bianco a Milano -. La scelta tra i due metodi dipende dalla zona. La depilazione tramite rasoio è uno dei metodi più semplici e non doloroso però i peli ricrescono velocemente, già dopo alcuni giorni è necessario ripetere il trattamento. Personalmente preferisco l'epilazione, specialmente per il corpo femminile, è molto più duratura e lascia la pelle più liscia».

Tra le metodiche più consolidate «c'è lo sugaring, l'epilazione con pasta di zucchero. È un trattamento molto delicato e ha la particolarità di riuscire a “sfilare” il pelo senza spezzarlo e senza creare traumi che potrebbero portare al pelo incarnito. La pasta naturale fatta di zucchero, miele e limone ha un effetto dolcemente esfoliante sulla pelle. Un grande classico è la ceretta, veloce ed economica, ha lo svantaggio di essere dolorosa e può dare luogo a follicoliti. La crema depilatoria? Come il rasoio taglia il pelo. È una pasta acida in grado di disgregare la cheratina dei peli, da evitare assolutamente vicino alle mucose, labbra e pube, perché può ipersensibilizzare la pelle».

Una parola sugli epilatori elettrici: «Sono facili da utilizzare a casa e assicurano una ricrescita lenta del pelo - conclude l’esperta -. È un metodo però abbastanza doloroso e può provocare follicoliti e peli incarniti, per questo qualche ora prima dell'epilazione occorre fare uno scrub per rendere la pelle più morbida, esfoliata e idratata».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...