Reti e coronavirus

Tiscali: «Traffico fino a +200%, ora il governo rottami l'adsl»

L'intervista all'ad e fondatore del gruppo, Renato Soru

di Simona Rossitto

default onloading pic
Renato Soru, ad e fondatore di Tiscali

L'intervista all'ad e fondatore del gruppo, Renato Soru


3' di lettura

Traffico in aumento, reti sotto stress, investimenti richiesti alle telecom. Di fronte agli effetti dell'emergenza coronavirus per il settore delle tlc, Renato Soru, presidente e amministratore delegato di Tiscali, tornato da vari mesi alla guida dell'azienda da lui fondata, chiede al governo di dare sostegno alla domanda affinché «si riconoscano alle tlc i prezzi giusti per i servizi che offrono» visto che oggi gli operatori italiani hanno le tariffe più basse d'Europa. In passato, ricorda Soru in un'intervista a DigitEconomy.24 (report di Radiocor e Luiss Business School), ci sono stati incentivi per i decoder tv oppure per la rottamazione delle auto. Ora è il momento di «rottamare le vecchie tecnologie», tipo l'adsl. Intanto, nei giorni dell'emergenza, il gruppo ha registrato aumenti del traffico in media del 50% con picchi fino a +200 per cento.

SFOGLIA IL REPORT COMPLETO

Presidente Soru, che iniziative avete intrapreso per contrastare l'emergenza Covid-19?

Siamo stati abbastanza tempestivi, abbiamo in ufficio solo il 5% della nostra forza lavoro, a presidio del Noc, il Network operations center, ovvero il centro di controllo della rete, il resto è in smart working. Siamo riusciti a far lavorare da casa anche il nostro call center.

Che numeri avete raggiunto di aumento di traffico?

Registriamo aumenti del traffico del 50%, con picchi fino al 200 per cento. Siamo stati messi a durissima prova, ma abbiamo risolto le difficoltà installando nuovi apparati, facendo altri investimenti in hardware. C'è un traffico abnorme che porterà tutti operatori a dover realizzare investimenti. E' salito in maniera esponenziale anche il numero di speed test, i test di velocità di connessione, se ne contano fino a 200mila in un giorno per una sola azienda, si consiglia di usarli in maniera meno compulsiva visto che consumano banda preziosa. In ogni caso il valore dei servizi offerti dalle tlc è sotto gli occhi di tutti e tutti stanno toccando con mano l'importanza enorme della rete.


Gli operatori di tlc riusciranno ad affrontare gli investimenti necessari?

Bisogna considerare che la domanda è molto forte, e ci troviamo in un contesto molto competitivo. Stiamo compiendo tutti un salto in avanti di tanti anni, facendo corsi accelerati di video conferenze, ci stiamo attrezzando sullo smart working, stiamo portando a casa l'utilizzo in remoto di piattaforme digitali complesse. Potremmo utilizzare la situazione disastrosa che stiamo vivendo per accelerare la trasformazione digitale. Tuttavia bisogna considerare che, per realizzare questi obiettivi, si chiede agli operatori, che già hanno speso 6,5 miliardi di euro per le frequenze 5G, di investire di più. Con l'attuale livello di prezzi sul mercato, gli investimenti non sono sostenibili, bisogna aiutare i consumatori a pagare il giusto prezzo per servizi in fibra: se dobbiamo portare il lavoro a casa non può bastare l'adsl.

Quali strumenti suggerisce di usare?

Sarebbe utile per il Paese, ad esempio, una politica di rottamazione dell'adsl come è stata fatta per automobili. Dobbiamo aiutare le imprese evitando di costringerle ad andare sotto costo. D'altronde in passato si è rottamato il frigo, l'auto, ci sono stati incentivi per i decoder. Rottamiamo le tecnologie vecchie tipo l'adsl, sosteniamo domanda con dei voucher, aiutiamo i consumatori a pagare il giusto.

Quali tecnologie vanno incentivate?

Ora è il momento di aiutare la transizione digitale verso le reti in fibra ottica fino alla casa. La fibra fino al cabinet (all'armadietto, ndr) e il resto in rame non basta.

E che cosa si può fare per le zone in digital divide dove non si prevedono investimenti in fibra?

La soluzione è accelerare il superamento del digital divide con le tecnologie di oggi. Ad esempio si può usare il Fixed wireless nelle zone con meno densità abitativa.

Come giudica le previsioni degli ultimi decreti che riguardano gli investimenti delle tlc nelle reti?

Le società di tlc vengono responsabilizzate, ma non si fa nulla per aiutare gli operatori che si vedono prelevare un consumo di banda molto più alto e imprevisto e devono mantenere i costi. Le imprese, dal canto loro, hanno fatto e stanno facendo la loro parte, anche il governo faccia la sua, dia sostegno alla domanda per riconoscere il prezzo giusto e aiuti il passaggio alla fibra con un prezzo adeguato.

Avete notato un aumento del consumo di contenuti in questo momento in cui si deve restare a casa?

Tra le cose buone di questi giorni possiamo segnalare che il nostro portale si è dimostrato uno strumento di informazione importante per la comunità italiana. In uno dei picchi record, domenica 15 marzo, è stato sfiorato 1 milione e mezzo di visitatori unici.

SFOGLIA IL REPORT COMPLETO

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti