sei morti e 7 feriti gravi

Tragedia al concerto di Sfera Ebbasta, si indaga sui troppi biglietti venduti

di Nicola Barone

(AP)

3' di lettura

«Vorrei solo che TUTTI QUANTI vi fermaste a pensare a quanto può essere pericoloso e stupido usare lo spray al peperoncino in una discoteca. Per quanto a poco possa servire, il mio affetto e il mio sostegno vanno alle famiglie delle vittime e a quelle dei feriti». Il commento di Sfera Ebbasta arriva attraverso i social alcune ore dopo la tragedia avvenuta nella discoteca “Lanterna azzurra” di Corinaldo, dove 5 minorenni e una madre che aveva accompagnato la figlia sono morti travolti dalla calca durante un fuggi fuggi generale in un locale in provincia di Ancona.
ASCOLTA L’AUDIO /Non solo Sfera Ebbasta, i precedenti di spray urticanti ai concerti

A SCOLTA L’AUDIO / Concerto Sfera Ebbasta, indagine su due fronti per la tragedia di Corinaldo
ASCOLTA L’AUDIO /Tragedia al concerto di Sfera, il sindaco di Corinaldo: «Situazione indescrivibile»

Allo stato è di alcune decine il bilancio dei feriti, sette dei quali in modo grave. La tragedia è avvenuta intorno all'una di notte e sembra che a scatenare il panico sia stato l'utilizzo, da parte di qualcuno, di spray urticante.

Loading...

Nel locale, molto grande, c'era almeno un migliaio di persone, arrivate per ascoltare un concerto di Sfera Ebbasta, trapper popolare tra i giovanissimi.

Gli investigatori stanno lavorando per accertare quante persone fossero effettivamente nella discoteca in quel momento: l’ipotesi investigativa è che il numero dei presenti fosse superiore a quello consentito. «I biglietti venduti sono circa 1.400 a fronte di una capienza di 870 persone circa» ha detto il procuratore capo della Repubblica di Ancona Monica Garulli che sta effettuando un sopralluogo insieme al questore Oreste Capocasa, al comandante provinciale dei carabinieri Cristian Carrozza e al procuratore minorile Giovanna Lebboroni.

Il panico si è diffuso tra mezzanotte e l'una, prima dell'inizio del concerto. Alcuni dei feriti ricoverati all'ospedale di Torrette hanno raccontato di avere sentito un odore acre e di essersi precipitati verso una delle porte di emergenza, trovandola sbarrata. Alcuni buttafuori gli avrebbero detto di tornare verso l'interno del locale, ma a quel punto la calca si sarebbe deviata di lato verso un muretto, da cui sarebbero cadute decine di persone: quelli finiti sotto agli altri sono morti schiacciati.

La possibilità che a causare le morti sia stato il cedimento di una balaustra trova conferma anche nelle parole del ministro dell’Interno Matteo Salvini. «Mi sembra che la capienza fosse inferiore alle 900 persone, anche una unità in più è stata un errore che ha complicato tutto» ha aggiunto il vicepremier.

La tragedia al concerto di Sfera Ebbasta

La tragedia al concerto di Sfera Ebbasta

Photogallery16 foto

Visualizza

Sul posto sono intervenuti Vigili del fuoco e ambulanze del 118, i carabinieri che conducono le indagini, il questore di Ancona Oreste Capocasa, il comandante dei Vigili del fuoco Dino Poggiali e il comandante provinciale dei carabinieri Cristian Carrozza. Si sta cercando di ricostruire la dinamica dell'evento e di scoprire chi potrebbe avere usato lo spray urticante, probabilmente senza considerare le possibili tragiche conseguenze del suo gesto.

Il rapper ha fatto sapere di avere annullato tutti gli impegni promozionali e gli instore in calendario per i prossimi giorni, in segno di rispetto.

Nel rispetto delle vittime della tragedia avvenuta alla Lanterna Azzurra di Corinaldo, anche altri eventi saranno cancellati: Magellano Concerti, il Vox di Nonantola, Tanta Roba Label e il cantante Gemitaiz hanno deciso di comune accordo di rimandare a data da destinarsi il concerto dello stesso Gemitaiz previsto per questa sera, sabato 8 dicembre, al Vox di Nonantola (MO).

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti