ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTrend

Transizione energetica, l’aiuto dell’intelligenza artificiale

AllianceBernstein con la Columbia University è impegnata nello studio dei modelli di valutazione esistenti nell'ambito del cambiamento climatico

di Lucilla Incorvati

(Adobe Stock)

3' di lettura

Il cambiamento climatico impone di riconsiderare le fonti energetiche, oggi ancora elemento fondamentale dello sviluppo. La chiusura delle inquinanti centrali a carbone ha provocato una maggior dipendenza dell'Europa dal gas naturale, che nel 2020 ha coperto il 20% del fabbisogno di energia. La richiesta è ulteriormente cresciuta quest'anno perché l'eolico è stato penalizzato dalle condizioni atmosferiche di venti non forti nel continente. Inoltre, l'Unione europea ha apportato alcune modifiche al suo sistema di scambio per le quote delle emissioni (ETS), il meccanismo usato per raggiungere l’obiettivo di riduzione delle emissioni di CO2, rendendo più costoso usare il carbone.

La dipendenza dalle fonti tradizionali

La dipendenza dall'energia è un elemento fondamentale, soprattutto considerando come lo sviluppo stesso della società derivi dallo sfruttamento massivo delle fonti energetiche. Quelle a cui siamo abituati, e a cui dovremo presto rinunciare, sono quelle fossili , vale a dire carbone, petrolio e gas, ma non si è ancora arrivati al punto di poterne fare a meno a favore di un affidamento totale alle risorse rinnovabili.

Loading...

Una proiezione al 2050 mostra infatti che, pur supponendo un progresso significativo del peso delle fonti rinnovabili all'interno del paniere energetico mondiale, si creerebbe comunque un gap di fornitura legato all'esaurimento dei combustibili fossili, per loro natura limitati. «Ciò a cui si dovrà lavorare, dunque, è lo sviluppo di tecnologie che possano sopperire ed evitare la creazione di tale vuoto energetico» - sottolinea il geologo e fondatore di Geopop, Andrea Moccia, intervenuto alla conferenza “La rivoluzione del 2026: le sfide del cambiamento” organizzata da AllianceBernstein al Salone del Risparmio 2022.

«Ad oggi, seppur in aumento, l'uso di fonti rinnovabili è limitato a circa il 15% del fabbisogno mondiale e a farla da padrone rimane l'energia idroelettrica - sottolinea l’esperto –. Serviranno, però, nuove fonti di energia rinnovabile, a più alta densità energetica e, in tal senso, uno scenario possibile potrebbe essere lo sviluppo dell'energia nucleare basata sui processi di fusione, dunque meno inquinante e pericolosa della “sorella” fissione ma comunque non indenne da dubbi sul suo impatto»

Il ruolo della finanza

Se questa è la traiettoria da intraprendere, rimane da comprendere quale sia il ruolo effettivo della finanza nell'agevolare la transizione. Si parla molto e spesso di come gli investimenti possano spingere verso il cambiamento. Tuttavia, ci sono più fattori ed elementi che vanno a influenzare il successo o il fallimento di un business.

AllianceBernstein (AB), anche grazie ad un progetto di ricerca congiunto con la Columbia University, si è impegnata nello studio e miglioramento dei modelli di valutazione esistenti nell'ambito del cambiamento climatico. Secondo la casa di investimento, gli attuali credit score, infatti, non tengono conto di molteplici variabili, senza contare che dati storici spesso non possono essere considerati rilevanti in quanto non considerano i cambiamenti climatici in atto e non sono in grado di incorporare prontamente fenomeni imprevedibili. Le dinamiche del cambiamento climatico, inoltre, sono eterogenee e non è semplice associare il rischio all'emittente.

Il ruolo dell’intelligenza artificiale

Un grande passo avanti, in questo senso, è reso possibile dallo sviluppo dell'intelligenza artificiale (AI), non intesa in senso hollywoodiano o fantascientifico, ma considerata nella sua integrità.

Si parla di AI in riferimento al ramo dell'informatica preposto alla progettazione di macchine con caratteristiche prettamente umane, come l'interpretazione della realtà che le circonda o la capacità di prendere decisioni, sulla base dell'analisi dei big data e del machine learning. «Abbiamo esplorato l'intersezione tra la scienza del cambiamento climatico e l'investimento attraverso un linguaggio più fruibile per le nuove generazioni, grazie ad Andrea Moccia e con il supporto nostri esperti – ha ricordato Giovanni De Mare, Head of Italy di AllianceBernstein –. Portare questo tema all’attenzione di un grande pubblico è necessario per incoraggiare un futuro sostenibile nell'ambito degli investimenti, esplorando nuove opportunità e nuove sfide per le prossime generazioni. L'avvento del conflitto russo-ucraino potrebbe aver rallentato la discussione, ma ciò è legato a contingenze di breve periodo. Da un punto di vista secolare, il dialogo su un futuro sostenibile sarà imprescindibile».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti