ESPERIENZE CONDIVISE

Trappole per turisti: conoscerle per evitarle

di Luisanna Benfatto

3' di lettura

In viaggio è quasi impossibile evitare delusioni o le cosiddette trappole per turisti. Su Quora, piattaforma social di domande e risposte, uno dei trend topic più dibatttuto è proprio quello che elenca i luoghi, o le esperienze a cui sfuggire perché ingannevoli o troppo care. Eccone alcune segnalate dai viaggiatori più esperti.

1 I figuranti in costume
Che vi troviate a New York o a Roma, tenetevi alla larga delle persone in costume a meno che non siate consapevoli che una foto ricordo con loro è sempre a pagamento. Attenzione quando la scattate in gruppo verrà comunque chiesto a ognuno di voi di pagare la propria quota e non un forfait. Se rifiutate le reazioni di questi attori in costume, a volte solo furfantelli, non è delle migliori.

Loading...

2 La colazione come extra
Valutate bene prima di acquistare un soggiorno in hotel senza colazione. Potrebbe costarvi molto di più se aggiunta poi come extra o fuori dal vostro albergo dove potreste pagare molto di più per un misero caffè con croissant. Spesso, soprattutto all’estero nelle grandi catene, è talmente abbondante che può sostituire il pranzo.

3 I pacchetti tutto compreso
Attenetevi a quello che propongono ed evitate di fare richieste personalizzate, anche solo per modificare il menù. Se chiedete una birra al posto della Coca Cola, o le patatine fritte al posto dell’insalata o il caffè d’orzo al posto del caffè, il prezzo della variazione si presenterà, è altamente probabile, come costo aggiuntivo.

4 I richiami dei camerieri
Sono bravissimi, simpaticissimi e addestrati. Intercettano al volo la vostra lingua e in pochi attimi vi trovate seduti in un ristorante dove, in condizioni diverse, non avreste mai messo piede o dove il rapporto qualità e prezzo non è dei migliori. Si consiglia, come minimo, un controllo sui social per verificare alcune recensioni dei locali prima di cedere alle lusinghe dei ristoratori imbonitori.

5 Due ruote e taxi
Dove è possibile affittate una bici attraverso il servizio offerto dall’hotel, spesso gratuito, o con il bike sharing. Costa meno del taxi, vi permette di vedere angoli della città da una prospettiva migliore e in più è salutare. Chiedete però sempre alla reception una mappa o scaricatene una sullo smartphone, un sistema di antifurto e la segnalazione dei luoghi più idonei per parcheggiare il mezzo. A Kyoto, ad esempio, le biciclette non vanno mai lasciate in strada ma in parcheggi sotterranei!

6 Bus o battelli turistici, approfittate della concorrenza
Non accettate il primo volantino che vi viene messo in mano. Nelle grandi città ci sono sempre più compagnie di bus o di battelli turistici che coprono itinerari diversi e a prezzi differenti.

7 Aggiungi un posto in gondola
Dividere la spesa non necessariamente rovina l’esperienza. A meno che non siate in coppia in luna di miele, la gita in gondola tra i canali a Venezia si può fare in compagnia. Dividendo la spesa con altri turisti incontrati per caso tra le calli (la capienza è di sei posti) oppure comprando online o presso agenzie un biglietto per un posto in gondola a un prezzo godibilissimo.

8 I menù differenziati
In Montenegro segnala Risto Hajduković, travel blogger, è meglio chiedere sia il menù in inglese sia quello locale perché spesso i prezzi nel primo sono gonfiati. L’accesso a Stonehenge, per molti utenti Quora, è “overpriced” e deludente, per altri invece le cascate del Niagara sono il vero “pacco”. L’elenco delle esperienze fallimentari sperimentate in viaggio potrebbe continuare a lungo. Ricordate comunque che ogni destinazione ha la sua piccola trappola che vi aspetta. La vera vacanza è fatta anche di questo. Superata la delusione diventerà un ricordo, utile da condividere.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti