ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùMobilità

Trasporti pubblici, abbonamenti scontati anche in Italia: cosa potrebbe cambiare

Nel decreto Aiuti rimborso fino a 60 euro per redditi sotto i 35mila euro. Le iniziative di Germania e Spagna

Digitalizzare per aumentare sostenibilità delle opere ferroviarie

2' di lettura

È la risposta che alcuni governi europei stanno dando al caro-energia, legato alla guerra in Ucraina: incentivare l’uso dei mezzi pubblici attraverso sconti sugli abbonamenti a bus, tram e treni. Ha cominciato la Germania con il biglietto mensile a 9 euro per tutti i mezzi pubblici da giugno a settembre. Sulla stessa linea la Spagna: abbonamenti gratuiti da settembre a dicembre sui trasporti ferroviari locali e di «media distanza». E l’Italia? Nel decreto Aiuti è previsto un buono da 60 euro per l'acquisto di abbonamenti per i servizi Tpl, regionale e interregionale e per i servizi di trasporto ferroviario nazionale per redditi fino a 35mila euro. Altri interventi potrebbero arrivare.

Germania: biglietto speciale da 9 euro

Il 1° giugno 2022 è entrato in vigore il biglietto mensile a 9 euro per tutti i mezzi pubblici tedeschi. Ala vigilia erano già stati anticipatamente acquistati oltre 7 milioni di biglietti. La promozione durerà fino ad agosto. Secondo le stime, per ogni mese saranno circa 30 milioni i tedeschi che utilizzeranno l’abbonamento speciale. I possessori del biglietto da 9 euro potranno viaggiare in tutta la Germania su tutti gli autobus, i tram, le metropolitane, i treni suburbani, i treni del trasporto locale e regionale. L’iniziativa non vale per i treni a lunga percorrenza Ice, Intercity ed Eurocity.

Loading...

Spagna: abbonamenti gratis da settembre a dicembre

L’annuncio è stato dato direttamente dal premier Pedro Sánchez in Parlamento: il governo rimborserà ai passeggeri il 100% degli importi degli abbonamenti ai trasporti ferroviari locali e di “media distanza” controllati dallo Stato. La misura scatterà il 1° settembre e rimarrà in vigore fino al 31 dicembre.

Nel decreto Aiuti rimborso fino a 60 euro

In Italia un primo segnale contro l’aumento dei costi dei trasporti è arrivato con il decreto Aiuti: un buono per l'acquisto di abbonamenti per i servizi Tpl, regionale e interregionale nonché per i servizi di trasporto ferroviario nazionale. Il valore del buono è pari al 100% della spesa per l’acquisto dell'abbonamento e, comunque, non può superare l'importo di 60 euro ed è riconosciuto esclusivamente in favore delle persone fisiche che, nel 2021, hanno dichiarato un reddito personale ai fini Irpef non superiore ai 35mila euro. Il buono è fruibile fino al 31 dicembre.

Lo stanziamento previsto è di 79 milioni di euro: fondi che, spiega la relazione tecnica che accompagna il decreto, consente di coprire solo il 16,45% della spesa complessiva per l'acquisto di abbonamenti prevista nei circa sette mesi di validità del beneficio.

Lega: detrazione della spesa per abbonamenti al 50%

Altre misure di sostegno sono sollecitate dalle forze politiche. La Lega ha presentato un emendamento al decreto Trasporti al Senato per portare dal 19 al 50% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute per l’acquisto di abbonamenti a servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale. «Un provvedimento che incentiva all’utilizzo del trasporto pubblico locale - dicono i senatori leghisti - con il duplice obiettivo di alleggerire la pressione economica sulle famiglie, anche alla luce del caro-carburanti, e contemporaneamente ad un maggiore rispetto dell’ambiente in termini di consumo».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti