zero emissioni

Trend elettrico anche per i veicoli commerciali

di Simonluca Pini


3' di lettura

L’elettrificazione cresce tra i veicoli commerciali, partendo dalle offerte dei costruttori fino a un maggiore interesse da parte del pubblico. In un periodo storico dove la demonizzazione del diesel non conosce sosta, nonostante i vantaggi in termini economici e sulle emissioni di anidride carbonica, la tendenza verso le motorizzazioni green riguarda anche i veicoli fino a 3,5 tonnellate. Il motivo? Le case stanno iniziando a lanciare parecchi modelli elettrici, con caratteristiche adatte all’uso quotidiano.

I numeri continuano però a essere esigui per poter dichiarare una controtendenza di mercato. Nel periodo gennaio/aprile 2019, in Italia sono stati immatricolati 270 mezzi elettrici contro i 126 dello stesso periodo 2018 (con un salto in avanti del 114,3%). Tonfo invece dei modelli ibridi, scesi del 78,9% passando da 232 del 2018 agli attuali 49. In totale i veicoli commerciali elettrificati occupano lo 0,5% dell’intero mercato. Il numero è anche legato alla ridotta presenza di modelli elettrici o ibridi, con il Nissan e-NV 200 Evalia che piace alla clientela per merito del giusto mix tra dimensioni esterne e spazio a bordo, il tutto abbinato al motore elettrico da 80 kW e 280 chilometri di autonomia.

Se i numeri non sono del tutto incoraggianti, un’altra domanda sorge spontanea: il cliente è realmente pronto a guidare un veicolo commerciale a zero emissioni? Per rispondere a questa domanda sono utili i risultati provenienti da una analisi commissionata da Fiat Professional, attraverso un anno di acquisizione dati: i risultati confermano che oltre il 25% del mercato ha già una completa attitudine ai veicoli elettrici dal punto di vista di utilizzo, percorso, dinamica e prestazioni e che risulta quindi già pronto al cambio di mobilità. Sono infatti i professionisti che operano in specifiche aree ad essere tra i primi interessati e pronti a questa soluzione: dal crescente commercio online, ai servizi postali e di spedizioni, alla ristorazione a domicilio. E in generale c’è l’interesse di chi svolge attività che necessitano di avere accesso ai grandi centri urbani. I clienti che hanno già oggi una predisposizione alla trazione elettrica, sono gli stessi che pongono estrema attenzione al Tco (Total cost of ownership), hanno percorsi generalmente a bassa variabilità, un numero elevato di giornate di utilizzo annuali con chilometraggi giornalieri limitati.

Guardando all’offerta dei costruttori, tra le novità c’è il Ducato Electric, che avrà autonomie di percorrenza da 220 a 360 km (ciclo Nedc) e differenti configurazioni di ricarica. Il tutto a fronte di prestazioni pari a una velocità limitata a 100 km/h per ottimizzare gli assorbimenti energetici e una potenza massima di 90 kW e coppia massima di 280 Nm.

Tra i commerciali a zero emissioni arriverà anche il nuovo Ford Transit 100% elettrico, che entrerà in produzione nel 2021. Progettato per rispondere alle esigenze di chi utilizza i veicoli commerciali in città, sarà disponibile in numerose versioni garantendo una competitiva portata utile e connettività integrata.

Se per il Transit senza motore termico ci vorrà ancora del tempo, il nuovo Ford Tourneo Custom plug-in hybrid è già realtà. Accreditato di un’autonomia fino a 50 km a zero emissioni e oltre 500 chilometri di percorrenza complessiva prima del rifornimento, abbina la motorizzazione elettrica a un abitacolo con otto sedili individuali. In consegna entro la fine dell’anno, è alimentato da un motore elettrico con batteria agli ioni di litio da 13.6 kWh abbinato all’1.0 EcoBoost in una configurazione dove la trazione delle ruote anteriori è azionata esclusivamente dall’unità elettrica. Ricaricabile attraverso la presa situata all’interno del paraurti anteriore, impiega 5 ore per il 100% di carica con alimentatore domestico da 240 volt e 10 amp e tre ore con modelli a 16 o 32 amp. A bordo non manca il sistema d’infotainment Sync 3 con schermo da 10 pollici e connettività Apple CarPlay e Android Auto, oltre al modem FordPass Connect per collegare fino a 10 dispositivi.

Si ritorna al solo motore elettrico con il Volkswagen e-Crafter, accreditato di 173 km di autonomia con una portata utile di 1,72 tonnellate, mentre Mercedes punta su e-Vito per consegne a zero emissioni con oltre 150 km prima di dover ricaricare. L’obiettivo generale è quello di offrire veicoli in grado di rispondere alle diverse esigenze di carico e allo stesso tempo non essere fermati da zone a traffico limitato.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...