ferrovie

Treni regionali, il primo Rock sui binari dell’Emilia Romagna

di Marco Morino


default onloading pic
Il nuovo Rock

2' di lettura

Il rinnovamento dei treni regionali lanciato dalle Ferrovie dello Stato inizia a dare i suoi frutti. Il primo treno Rock è appena entrato in servizio sui binari dell’Emilia Romagna. La linea Piacenza-Bologna ha tenuto a bettesimo il nuovo treno, che ha effettuato le fermate a Parma, Reggio Emilia e Modena. Rock è il nuovo regionale a doppio piano che Hitachi Rail sta costruendo per Trenitalia sulla base dell’accordo quadro, firmato nell’estate del 2016, che prevede la possibilità di fornitura fino a 300 treni per un importo complessivo di quasi 3 miliardi di euro.

La cabina di guida del nuovo Rock

L’Emilia Romagna è la prima regione ad aver sottoscritto un contratto applicativo per l’acquisto di 39 convogli. Ad essa si aggiungono il Veneto con 47 treni, la Liguria che ne ha ordinati 28, la Toscana con 4 e il Lazio con 17 per un totale di 135 convogli già ordinati ed in produzione negli stabilimenti Hitachi di Pistoia, Napoli e Reggio Calabria.

Rock, spiega il costruttore, costituisce un salto generazionale rispetto agli attuali rotabili doppio piano in servizio in Italia soprattutto dal punto di vista dell’affidabilità, del risparmio energetico e delle prestazioni tra cui un'accelerazione paragonabile a quella di una metropolitana. Presenta alcune caratteristiche tecniche, altamente innovative. Dal design esterno ai grandi e luminosi spazi interni, grazie a finestrini di lunghezza maggiorata; dalla collocazione delle postazioni per le sedie a rotelle nelle immediate vicinanze dei punti di entrata/uscita, così da minimizzare il tragitto all’interno del treno, alla presenza di un gradino mobile in corrispondenza delle porte per compensare il gap orizzontale tra banchina e veicolo; dall'elevata capacità di trasporto bagagli alle postazioni per le biciclette; dall’ampia area per accedere al piano superiore al tecnologico servizio di informazione al passeggero.

La cabina di guida del nuovo Rock

«Rock è molto più di un treno – afferma Maurizio Manfellotto, Ceo Hitachi Rail - è il simbolo di un grande progetto che mette al centro i pendolari, quei passeggeri che usano il treno quotidianamente. Questi treni regionali raccontano l'evoluzione della mobilità che è sempre più orientata alla sicurezza, alla sostenibilità e al confort di viaggio e che si fonda sulla grande cooperazione tra noi, che progettiamo e costruiamo i treni e il cliente Trenitalia».

Oltre ai treni Rock, per i pendolari italiani sono in arrivo anche i treni Pop costruiti da Alstom. I nuovi treni Rock e Pop sono parte di un più ampio piano di 600 nuovi convogli regionali (i primi 106 entro il 2019) che garantiscono il rinnovo dell’80% della flotta regionale di Trenitalia.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...