ferrovie

Trenord rinnova la flotta con 176 convogli

Rispetto al periodo pre Covid è tornato a viaggiare un pendolare su due ma la compagnia regionale conferma il programma di sostituzione

di Marco Morino

default onloading pic
Una immagine del nuovo Caravaggio (costruttore Hitachi) in circolazione da qualche mese sulla rete ferroviaria lombarda

Rispetto al periodo pre Covid è tornato a viaggiare un pendolare su due ma la compagnia regionale conferma il programma di sostituzione


4' di lettura

Il servizio ferroviario regionale, gestito da Trenord (società controllata al 50% da Trenitalia, gruppo Fs Italiane e per il restante 50% dal gruppo Ferrovie Nord Milano), risente ancora dell’effetto Covid. Secondo l’amministratore delegato della compagnia ferroviaria, Marco Piuri, rispetto a prima della pandemia, sulle linee di Trenord viaggiano giornalmente tra i 400 e i 450mila passeggeri, circa la metà delle persone ante Covid. In Lombardia solo un pendolare su due è tornato a viaggiare in treno. L’emergenza sanitaria ha cambiato l’abitudine dei tanti lavoratori che ogni giorno da fuori provincia devono raggiungere il posto di lavoro: meno treno, più auto, come dimostrano i dati.

Trenord però non si ferma e prosegue nel piano di rinnovamento della flotta che, grazie a un finanziamento di 1,6 miliardi garantito da Regione Lombardia, prevede l’entrata in servizio nei prossimi anni di 176 nuovi convogli. L’arrivo dei nuovi treni, più moderni e confortevoli, migliorerà significativamente la qualità di viaggio offerta ai passeggeri e, secondo Trenord, potrebbe spingere alcuni pendolari riluttanti a preferire nuovamente il treno come mezzo di trasporto primario. Da lunedì 14 settembre i nuovi treni Caravaggio, fabbricati da Hitachi Rail negli stabilimenti di Pistoia, Napoli e Reggio Calabria, in servizio sulla relazione Rho-Milano Porta Garibaldi-Como-Chiasso, sono saliti a quota cinque: ai due già in circolazione dagli scorsi mesi, sempre sulla stessa linea, se ne sono aggiunti altri tre. Sulla direttrice, i nuovi convogli effettueranno oltre 35 corse al giorno, ovvero il 60% dell’offerta complessiva. I nuovi Caravaggio, treni di ultima generazione ad alta capacità con oltre 560 posti a sedere, consentono ai viaggiatori di vivere un’esperienza di viaggio confortevole e all’insegna della sostenibilità.

Loading...

Il Caravaggio è costruito con materiali innovativi e riciclabili al 96% e tecnologie di ultima generazione. A bordo sono installati sistemi di illuminazione Led, prese elettriche e Usb utili per la ricarica dei dispositivi mobili. Il convoglio, totalmente accessibile, offre ampi spazi per passeggini e postazioni di ricarica per bici elettriche.

Il piano di rinnovo
Ricapitoliamo. Il gruppo Fnm e Ferrovienord hanno avviato nel 2017, attraverso tre distinte gare, il programma di rinnovamento della flotta dei treni per il servizio ferroviario regionale di Trenord. I treni inizialmente acquistati dal Gruppo Fnm e Ferrovienord erano 161:

100 Caravaggio ad alta capacità prodotti da Hitachi;

31 Donizetti monopiano a media capacità realizzati da Alstom per percorrenze veloci (i treni sono fabbricati nello stabilimento di Savigliano, nei pressi di Cuneo);

30 Colleoni, fabbricati dall’impresa svizzera Stadler, con motori diesel-elettrici per linee non elettrificate.

A questi convogli si sono aggiunti ulteriori 15 treni – 5 Caravaggio e 10 Donizetti, con caratteristiche tecniche leggermente differenti dagli altri nuovi convogli – attraverso una cessione di contratto da parte di Trenitalia in favore del Gruppo Fnm e Ferrovienord. Complessivamente, per la Lombardia sono stati acquistati 176 nuovi treni .Va chiarito che i Caravaggio e i Donizzetti sono i nomi che Regione Lombardia ha voluto dare, rispettivament e, ai treni Rock e Pop che circolano in tutte le altre regioni italiane. Il Caravaggio inoltre, presenta una livrea modificata, con le fiancate verdi e inserti bianchi e azzurri.

I tempi di consegna
Per i Caravaggio, come accennato sopra, a partire da febbraio 2020 sono entrati progressivamente in servizio 5 treni che circolano sulla linea Rho-Milano-Como-Chiasso. Spiega Trenord: «Entro dicembre avremo in totale 11 Caravaggio in circolazione». Ciò significa che da qui a fine anno entreranno progressivamente in servizio altri 6 treni Caravaggio. Nel 2021 le consegne dovrebbero arrivare a una media di 2 Caravaggio al mese, mentre dal 2022 la consegna dovrebbe proseguire insieme con i Donizetti e con i primi Colleoni.

Per i Donizetti è previsto che entro la fine del 2020 saranno consegnati tutti i 10 Donizetti della prima parte della commessa. Due sono già in circolazione sulla linea Milano-Gallarate-Luino. I restanti saranno consegnati nel corso del 2022. Per i Colleoni, infine, le consegne sono previste a partire dal 2022.

Le nuove biglietterie
Per agevolare il ritorno in treno da parte di studenti e lavoratori, Trenord rileva e riapre sei biglietterie in Lombardia e inaugura ex-novo un punto vendita a Milano Centrale. L’azienda ha dato il via a un piano di potenziamento del servizio di vendita e assistenza che ha visto entro settembre la riapertura - con estensione degli orari di attività - di punti vendita a Milano Lambrate, Monza, Lodi, Gallarate, Voghera, Como San Giovanni. Inoltre, da giovedì 17 settembre è attiva a Milano Centrale una biglietteria Trenord. Situata al piano terra nella galleria commerciale, la nuova biglietteria di Trenord a Milano Centrale è aperta tutti i giorni dalle ore 6,30 alle ore 21. Presso il punto vendita i clienti possono rivolgersi agli operatori o utilizzare le distributrici selfservice per acquistare i titoli di viaggio: biglietti e abbonamenti per il servizio ferroviario regionale, nazionale e per i collegamenti transfrontalieri Tilo.

Dice Marco Piuri, ad di Trenord: «La mobilità è uno dei pilastri fondamentali di una reale sostenibilità sociale, ambientale, economica e il rinnovo della nostra flotta va in questa direzione. Per realizzare un trasporto davvero sostenibile, occorre però che ai treni più green – per materiali e fonti energetiche – si affianchi una nuova visione della mobilità intesa come sistema, con i diversi modi di trasporto, collettivi e individuali, realmente integrati».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti