ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùBorsa e industria

Trevi accelera a Piazza Affari dopo aggiornamento piano industriale al 2024

Gli obiettivi sono stati aggiornati alla luce del rallentamento registrato nell’esercizio concluso il 31 dicembre 2020 e delle prospettive del gruppo nell’attuale contesto di mercato, segnato dalla pandemia

di Flavia Carletti

2' di lettura

Scatto di Trevi a Piazza Affari, arrivata a guadagnare oltre 7 punti prima di ridurre i guadagni, dopo l'aggiornamento del piano industriale del gruppo. Nel fine settimana, Trevi ha pubblicato gli obiettivi del piano industriale 2021-2024 esaminato venerdì scorso dal consiglio di amministrazione, «aggiornati al fine di tenere conto del rallentamento registrato nell’esercizio concluso il 31 dicembre 2020 e delle prospettive del Gruppo Trevi nell’attuale contesto di mercato, fortemente condizionato dagli effetti provocati a livello globale dalla diffusione della pandemia da Covid-19». Ad aprile 2020, Trevi aveva confermato il piano 2018-2022 per poi varare questo nuovo piano, che prevede una crescita dei ricavi nel periodo di riferimento con un CAGR di circa l’8%.

Come spiegato in una nota, «il piano industriale è stato aggiornato sia negli obiettivi quantitativi, sia nella sua proiezione temporale, portata fino all’esercizio 2024, nel rispetto delle originarie linee strategiche e confermando comunque il raggiungimento degli obiettivi di risanamento, seppure in un arco temporale più ampio rispetto alle iniziali previsioni». Il piano prevede ricavi per 525 milioni di euro nel 2021, 574 milioni nel 2022, 619 milioni nel 2023 e 680 milioni nel 2024. L'ebitda ricorrente è stimato pari a 54 milioni nel 2021, 69 mln nel 2022, 81 mln nel 2023 e 96 mln nel 2024, con la posizione finanziaria netta che si stima passerà da 276 milioni a fine 2021 a 224 milioni a fine 2024. Il piano aggiornato, si spiega nella nota, sarà condiviso con le banche che hanno sottoscritto l'accordo di ristrutturazione del 5 agosto 2019, per poterlo modificare sulla base dei nuovi indicatori, e sono già in corso interlocuzioni finalizzate all’ottenimento dei waiver necessari per il previsto mancato rispetto di alcuni parametri finanziari stabiliti.

Loading...

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti