i 26 punti al voto su rousseau

Trivelle, inceneritori, gioco d’azzardo e armi: i punti M5S scomparsi dal programma

Spulciando i 26 punti delle Linee di indirizzo pubblicate in occasione del voto telematico, e figli del negoziato di questi giorni fra Pd e M5S, si notano in realtà assenze di peso

di Carmine Fotina e Gianni Trovati


Swg, Lega in calo, ma ampiamente prima. Testa a testa M5S e Pd

2' di lettura

«Tutti i nostri 20 punti sono affrontati nel programma di governo», ha giurato il capo politico dei Cinque Stelle Luigi Di Maio rivolgendosi agli iscritti con l'augurio di a cui «buon voto» sulla piattaforma Rousseau. Ma spulciando i 26 punti delle Linee di indirizzo pubblicate in occasione del voto telematico, e figli del negoziato di questi giorni fra Pd e M5S, si notano in realtà assenze di peso.

GUARDA IL VIDEO - Swg, Lega in calo, ma ampiamente prima. Testa a testa M5S e Pd


Trivelle
Di Maio sottolinea per esempio è presente anche «lo stop agli inceneritori e alle trivelle». Ma nei 26 punti un'indicazione esplicita non c'è. Sulle trivelle si può trovare qualcosa di simile al punto 5, dedicato al Green New Deal, dove si parla di «un radicale cambio di paradigma culturale» per fare in modo che la «protezione dell'ambiente, della biodiversità e dei mari» sia «al centro di tutti i piani di investimento pubblico». Stessa musica per gli inceneritori. Nessun semaforo rosso acceso, ma un impegno a «indirizzare l'intero sistema produttivo verso un'economia circolare».

GUARDA IL VIDEO - Conte ai sostenitori M5s: opportunità per il paese che vogliamo

Gioco d’azzardo
I 20 punti targati M5S proponevano anche in forma esplicita il «contrasto al gioco d'azzardo», uno dei temi identitari del Movimento, all'interno di un paragrafo dedicato alla riorganizzazione dei servizi sanitari e all'attuazione del fascicolo sanitario elettronico. Ma nei 26 punti M5S-Pd il gioco d'azzardo non è nemmeno citato.

GUARDA IL VIDEO - Quota 100: arriva il restyling del governo giallorosso

Vendita di armi
Il programma a Cinque Stelle proponeva poi al punto 13 di «porre fine alla vendita di armamenti ai Paesi belligeranti, incentivando i processi di riconversione industriale». Ma nei 26 punti del programma congiunto anche le armi hanno seguito lo stesso destino di trivelle, inceneritori e gioco d'azzardo. Cancellati con un tratto di penna. Di quel capitolo sopravvive infatti solo la «maggiore tutela e valorizzazione» per il personale di Difesa, Forze dell'ordine e Sicurezza.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...