costellazione «starlink»

Troppi satelliti nel cielo: rischio di «abbaglio» per i telescopi

di Patrizia Caraveo


Astronomia a rischio

3' di lettura

Guardate questo video girato in Olanda il 24 maggio a mezzanotte da un appassionato cacciatore di satelliti . Quei puntini luminosi che sembrano formare un trenino sono i 60 satelliti Starlink lanciati da Space X 20 ore prima e rilasciati in sequenza ad una altezza di 440 km. I puntini molto meno luminosi sono le stelle visibili ad occhio nudo.

LEGGI ANCHE / Musk rilancia dopo i guai di Tesla: SpaceX mette in orbita 60 satelliti Internet

Il lancio, ed il successivo rilascio dei satelliti che devono fornire Internet a tutti, scavalcando i ripetitori, le fibre e tutte le infrastrutture che, in molte parti del mondo, limitano l'accesso alla rete, è stato salutato come un grande passo in avanti. Mi auguro che sia vero, ma, come astronoma, non posso fare a meno di notare che questi oggetti rappresentano stelle parassite tanto brillanti quanto la stella Polare. Splendono perché i loro pannelli solari riflettono la luce del Sole che i satelliti ricevono ancora quando sulla Terra il Sole è già tramontato ed è iniziata la notte. La situazione si ripete prima dell'alba quando i satelliti in orbita sono già illuminati al Sole, mentre al suolo è ancora buio. Attualmente, nelle orbite a varie altezze intorno alla Terra, si contano 4900 satelliti i cui pannelli solari riflettono la luce del Sole.

SpaceX, ecco le immagini dei satelliti in orbita

SpaceX, ecco le immagini dei satelliti in orbita

Photogallery24 foto

Visualizza

Immaginate di essere impegnati a fotografare un oggetto celeste che richiede pose lunghe, anche decine di minuti. Il passaggio di questi piccoli fari aggiungerà una bella strisciata luminosa alla vostra immagine. Gli astronomi sono abituati a gestire questa eventualità e a convivere con la strisciata, oppure a ripetere la posa nella speranza che non ci siano altri passaggi. È proprio questa speranza che potrebbe affievolirsi con la messa in orbita dei 12.000 satelliti ripetitori che comporranno la costellazione Starlink. Più satelliti significano più strisciate. A che pro costruire grandi e sensibili telescopi se i dati saranno rovinati da questi intrusi?

GUARDA IL VIDEO / Spazio, lanciati in orbita i primi 60 satelliti di Space X

    Il lancio del primo gruppo di satelliti della costellazione Starlink non è certo una sorpresa, ma è stato vedendo il trenino così luminoso che gli astronomi hanno apprezzato a fondo l'entità del problema che può solo peggiorare con il crescere del numero di satelliti.

    Elon Musk ha subito fatto notare che l'effetto trenino è momentaneo. Ogni satellite ha un motore a ioni che verrà usato per alzare l'orbita a 550 km: l'allontanamento diminuirà la luminosità. Inoltre, l'operazione di riposizionamento disperderà i satelliti che non si presenteranno tutti insieme. Ha anche dichiarato che è possibile cambiare l'inclinazione dei pannelli solari per minimizzare la riflessione, diminuendo la brillantezza.

    LEGGI ANCHE / Musk rilancia dopo i guai di Tesla: SpaceX mette in orbita 60 satelliti Internet

    Speriamo, tuttavia i numeri sono impressionanti e le stime non sono confortanti. Con le informazioni attualmente disponibili, si pensa che la metà delle immagini raccolte dai nostri telescopi potrebbe contenere una strisciata. Inoltre, i punti luminosi in perenne movimento prodotti dai satelliti Starlink sarebbero molto più numerosi delle stelle visibili a occhio nudo, alterando la visione del cielo che, non dimentichiamolo, è un patrimonio di tutta l'umanità.

    Oltre a modificare l'aspetto del cielo visibile a occhio nudo, le emissioni radio dei satelliti Starlink rischiano di accecare i radiotelescopi costruiti nelle regioni meno abitate e più “silenziose” del mondo. Come si possono rivelare i deboli segnali dei primi oggetti che si sono accesi nel nostro universo quando si viene sorvolati da potenti ripetitori che operano a frequenze vicine?

    Brand connect

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...