IL FOCUS

Trump potrà nominare un suo uomo nel board della Fed

di Marco Valsania

default onloading pic
Washington, sede della Federal Reserve (Bloomberg)


1' di lettura

NEW YORK - Donald Trump potrà ora davvero ridisegnare la Federal Reserve e le sue attività di regolamentazione. Daniel Tarullo, il governatore nel board della Fed che dal 2009 aveva nei fatti gestito la supervisione bancaria di pari passo con le strette della legge Dodd Frank, ha annunciato le sue dimissioni, effettive da aprile.

Contando la sostituzione di Tarullo, 64 anni, Trump avrà la possibilità di nominare ben tre esponenti per seggi vacanti nel consiglio della Banca centrale, in tutto composto di sette membri. E di cominciare a mettere la sua impronta in vista di scelte ancora più influenti: l'anno prossimo scadono gli incarichi del presidente Janet Yellen e del vicepresidente Stanley Fischer.

Loading...

Quella di Tarullo rappresenta già un’uscita di peso. Nominato da Barack Obama, era specializzato proprio nella sorveglianza. Sua la gestione degli stress test annuali sempre più severi per gli istituti di credito. Suoi i ripetuti giri di vite sui requisiti di capitale, in particolare per gli istituti di importanza sistemica.

Tarullo non ha esplicitamente legato la sua uscita all'avvento della nuova amministrazione. Ma Trump ha indicato di voler nominare al più presto un vicepresidente della Fed con autorità sulla regulation, esautorando di fatto Tarullo.

Il favorito è David Nason , ex alto finzionario repubblicano del Tesoro e adesso dirigente della General Electric. Trump ha inoltre firmato un ordine esecutivo per avviare la revisione e l'allentamento della Dodd Frank.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti