ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùisraele e Palestina

Trump pronto a svelare un piano di pace per il Medio Oriente da 50 miliardi

Martedì 28 gennaio il premier israeliano Benjamin Netanyahu alla Casa Bianca nel giorno in cui il parlamento vota l’immunità. I contenuti della proposta Usa

di Riccardo Barlaam

I leader del mondo a Gerusalemme per ricordare la Shoah

Martedì 28 gennaio il premier israeliano Benjamin Netanyahu alla Casa Bianca nel giorno in cui il parlamento vota l’immunità. I contenuti della proposta Usa


2' di lettura

NEW YORK - Donald Trump è pronto a svelare il piano di pace americano per il Medio Oriente. «Gli israeliani vogliono la pace. I palestinesi vogliono la pace. Questo è l’accordo più difficile, io amo fare gli accordi», ha detto hai cronisti scendendo dall'Air Force One in Florida di ritorno da Davos.

Martedì Netanyahu alla Casa Bianca
Martedì 28 gennaio Il presidente americano ha invitato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il suo rivale politico, l'ex capo dell'esercito e leader dell'opposizione Benny Gantz alla Casa Bianca per discutere i particolari del piano. Non sono stati invitati rappresentanti dell'altra parte in conflitto, i palestinesi, che non hanno accettato in questi mesi di negoziare con l'amministrazione americana ritenuta troppo schierata a favore di Israele.

Il piano verrà presentato prima
Trump scendendo dall'aereo ha detto che presenterà i contenuti del piano di pace americano prima di martedì. Il presidente ha detto che gli Usa hanno parlato brevemente ai palestinesi in merito al piano di pace Usa per il Medio Oriente «Ma parleremo loro in un certo lasso di tempo», ha aggiunto. «Hanno un sacco di incentivi a fare l'accordo. Sono sicuro che forse reagiranno negativamente all'inizio ma è davvero positivo per loro», ha concluso. Secondo i media israeliano il piano verrà presentato venerdì 24 gennaio.

I contenuti del piano
Secondo alcune anticipazioni, non confermate dalla Casa Bianca, il piano di pace di Trump pone come precondizione ai palestinesi per la creazione di uno stato della Palestina la demilitarizzazione di Gaza, il disarmo di Hamas, e il riconoscimento di Israele come stato ebraico e di Gerusalemme come sua capitale. Qualche mese fa in Barhein durante la visita del genero Jared Kushner erano emersi i contenuti economici della proposta americana: si parla di 50 miliardi di finanziamenti per la Palestina.

Momento delicato per i due leader
L'accelerazione del piano di pace arriva in un momento delicato per i due leader e distoglie l'attenzione mediatica dai guai che entrambi hanno in casa: Trump, processato in questi giorni al Senato per impeachment sull'Ucrainagate per abuso di potere e ostruzionismo al Congresso, ha invitato Netanyahu alla Casa Bianca nel giorno in cui in Israele il parlamento è chiamato a decidmedere sull'immunità del premier per le accuse di corruzione e tangenti. Il premier israeliano, che nega tutte le accuse, sta cercando di formare una coalizione di maggioranza e spera di ottenere l'immunità. La visita alla Casa Bianca di Netanyahu è l'ennesima spinta del presidente Trump al leader politico in difficoltà – i due si conoscono dai tempi in cui Netanyahu era ambasciatore israeliano a Washington – a poche settimane dalle elezioni israeliane, le terze in un anno.

Altri articoli
Impeachment, il Senato Usa ha votato le regole. Primo round a Trump
Iran e Impeachment: Trump perde consensi nel mondo ma non negli Stati Uniti

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Riccardo Barlaamcorrispondente da New York

    Luogo: New York, USA

    Lingue parlate: inglese, francese

    Argomenti: economia, finanza e politica internazionale

    Premi: Premio Baldoni (2008), Harambee (2013), Overtime Film Festival (2017)

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti