Trump: Isis sconfitto

Trump vuole ritirare le truppe dalla Siria ma il Pentagono si oppone


In Siria 4 milioni di bambini nati in guerra

1' di lettura

Gli Usa ritirano le proprie truppe dalla Siria, ma il Pentagono si oppone alla decisione del presidente Trump. Che è sempre più convinto: «La missione contro l’Isis è stata un successo». Secondo il Wall Street Journal gli Stati Uniti stanno preparando il ritiro totale delle loro forze dal Nordest della Siria. I funzionari americani avrebbero giuà iniziato a informare i partner dell’area del loro piano. Eppure, al tempo stesso, il Pentagono starebbe cercando di dissuadere Trump. L’annuncio potrebbe arrivare già nelle prossime ore, secondo quanto scrive il New York Times.

I vertici del Dipartimento della difesa starebbero cercando di convincere la Casa Bianca che una mossa del genere sarebbe un tradimento degli alleati curdi le cui truppe da anni operano a fianco di quelle Usa in Siria e che rischierebbero di essere attaccate da un’offensiva della Turchia. Trump, in ogni caso, sembra in amovibile: «Abbiamo sconfitto l’Isis in Siria», lo afferma Donald Trump su Twitter, spiegando che la lotta all’Isis era «l’unica ragione di essere lì».

Eppure proprio oggi l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus) ha rilasciato dati dai quali emerge che l’Isis ha ucciso circa 700 prigionieri negli ultimi due mesi nelle zone orientali del Paese. Un bilancio che, per forza di cose, non può essere verificato in maniera indipendente sul terreno.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti