Bilancio estivo

Turismo, ad agosto in crescita le prenotazioni da Francia e Germania ma resta il calo pesante di Cina e Russia

In base agli ultimi dati disponibili dell’ufficio studi Enit, si registra un incremento del 2,4% delle prenotazioni aeree rispetto ad agosto 2020, con picchi da Francia (+59,8%) e Germania (+42,4%). Male Russia(-84%) e Cina(-94%)

2' di lettura

Il turismo è ripartito ad agosto, grazie soprattutto alle località balneari che registrano una grande affluenza soprattutto italiana e anche in parte europea. Secondo un'indagine effettuata da Coldiretti/Ixè a Ferragosto sono stati 25,4 milioni gli italiani in vacanza. Da registrare, sempre ad agosto, in base agli ultimi dati disponibili dell’ufficio studi dell’Enit, un incremento del 2,4% delle prenotazioni aeree rispetto ad agosto 2020, con incrementi maggiori da Francia (+59,8%), Paesi Bassi (+51,1%), Germania (+42,4%) e Spagna (+40%).

E mancano però all'appello milioni di stranieri soprattutto gli altri big spender extra Ue. In leggero aumento le prenotazioni dagli Usa (+3,2%) ad agosto dopo il calo di luglio (-6,6%). Ma le previsioni per settembre sono negative (-15,2%). E le prenotazioni aeree ad agosto restano in forte calo dalla Russia (-84%) e dalla Cina (-94%), ma anche dalla Gran Bretagna (-18%). Percentuali negative che rischiano di essere confermate a settembre.

Loading...

Attraverso le agenzie di viaggio online (Expedia, Booking, Trivago, Airbnb ecc) risulta prenotato il 30,2% dei posti disponibili nelle strutture ricettive, con le punte maggiori nel comparto montano (53,9%) e balneare (41,3%).

«Il turismo intercontinentale vive ancora fasi alterne ma registriamo un'accelerazione delle partenze estive di prossimità. Stanno soffrendo particolarmente le città d'arte, confidiamo però anche in settembre. Le prenotazioni per agosto sono state in progressivo aumento con una presenza caratterizzata da turismo interno: il 94% ha dichiarato che trascorre le proprie vacanze in Italia» dichiara al Sole 24 Ore il presidente Enit Giorgio Palmucci.

E aggiunge: «Sono gli italiani gli ospiti dell'estate 2021, provenienti nel 77,8% dei casi da altre regioni italiane (ancor più tra le imprese del Centro , del Sud e delle Isole), per il 28,9% delle strutture dalla stessa regione o regioni limitrofe (specie nel Nord Ovest). Il 32% degli operatori indica che le prenotazioni arrivano anche dall'estero, in particolare per le imprese del Centro e del Nord Est. Sono Germania, Francia, Paesi Bassi, Austria, Svizzera e Belgio le provenienze dei turisti stranieri maggiormente presenti» .

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti