i dati dell’enit

Turismo, la Cina preferisce l’Italia: battute Francia, Germania e Spagna


default onloading pic

2' di lettura

Con oltre 3 milioni di arrivi e 5 milioni di presenze l’Italia rappresenta la meta preferita dei visitatori cinesi e primeggia in Europa superando Francia, Germania e Spagna.

Le previsioni per il 2019 sono più che rosee: crescono, infatti, le prenotazioni di oltre il 20 per cento. Le vacanze di primavera ed estate vedranno i cinesi indirizzare le loro preferenze anche verso il Sud e nuove destinazioni del turismo culturale come i siti Unesco di Pompei, Amalfi e la valle dei Templi di Agrigento. È quanto emerge da un’analisi dell’Ufficio studi Enit (l’Ente nazionale per il turismo) sulla base di dati Unwto, Banca d’Italia, Etc, Istat, Eurostat, Forwardkeys nonché dal monitoraggio delle 30 sedi nel mondo dell’Agenzia nazionale del turismo.

Al di là di Shanghai e Bejing, si consolidano come aree di partenza quelle di Guangzhou e Chengdu. Si nota una particolare preferenza da parte di viaggiatori di genere femminile tra i 25 ai 34 anni che scelgono l’Italia nei mesi di febbraio, luglio e ottobre e amano regioni come Lazio, Veneto, Toscana, Lombardia, Emilia Romagna e Campania. Le città top sono Milano, Roma, Firenze e Venezia.

Enit ha presentato il report in occasione della presentazione della partecipazione italiana alla fiera internazionale del turismo outgoing cinese, Itb China in programma a Shanghai, dal 14 al 17 maggio, con la partecipazione delle regioni Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Toscana, Puglia e Veneto, per un totale di oltre 60 componenti in rappresentanza dell’offerta turistica italiana. Protagonisti i principali aeroporti italiani per potenziale sul mercato: Roma, Milano, Venezia e Firenze.

«A inaugurare gli appuntamenti il 14 maggio ci sarà l’opening della tre giorni organizzato da Enit con Itb, Air China e Wynham hotel presso la Grand Ballroom dello Shangri-La Pudong, con oltre 600 invitati tra stakeholders ed istituzioni alla presenza del ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e del Turismo Gian Marco Centinaio, che taglierà il nastro dello stand Italia con l’ambasciatore d’Italia presso la Repubblica Popolare Cinese Ettore Francesco Sequi e il presidente dell’Ente Nazionale Italiano per il Turismo Giorgio Palmucci. Accanto alle conferenze nello stand delle regioni e di Aeroporti di Roma, che lancia i nuovi collegamenti con la Cina, è in calendario una Italian Dream Night il 16 maggio: una serata di networking a tema italiano presso la villa e i giardini dell’InterContinental Shanghai, organizzata da Enit e Itb. Previsti oltre 200 ospiti, tra cui buyers internazionali, media cinesi e rappresentanti delle principali compagnie aeree. Sul palco, oltre alle performance dell’Arena di Verona, che aprirà anche l’evento inaugurale del 14 maggio, sono previste le presentazioni delle Regioni seguite dal drink show dedicato al Vermouth.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti