ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùSviluppo

Turismo e rigenerazione urbana, accordo Bei e Mef da 770 milioni

Risorse nell’ambito Pnrr - Previsto un Fondo di fondi

di Vincenzo Chierchia

(ROBERTO ZILLI - stock.adobe.com)

I punti chiave

  • L’accordo
  • Le risorse
  • Le valutazioni

3' di lettura

Un segnale positivo dall’Europa per il settore turistico italiano. Ufficializzato l’accordo di finanziamento di Banca europea investimenti (Bei) e Ministero Economia e Finanze (Mef) per sostenere turismo e rigenerazione urbana in Italia con 772 milioni di euro - come si legge in una nota - nell'ambito delle risorse del Pnrr.

In particolare, 500 milioni per rilanciare il settore turistico in Italia dopo i danni subiti dalla pandemia e garantire la transizione verde e la trasformazione digitale, e 272 milioni volti a supportare promotori privati e PPP che parteciperanno ai progetti per il risanamento urbano e uno sviluppo economico più inclusivo all'interno dei Piani integrati urbani.

Loading...

La Banca europea per gli investimenti fa dunque sapere di aver sottoscritto l’accordo di finanziamento con il Mef per la creazione di un Fondo di Fondi con un ammontare iniziale di 772 milioni di euro provenienti dal Pnrr e relativi ad interventi di competenza del Ministero del Turismo e del Ministero dell'Interno.

La Bei - prosegue la nota - veicolerà queste risorse alle imprese tramite intermediari finanziari da selezionare con manifestazione di pubblico interesse. Il Fondo interverrà a favore di imprese che proporranno programmi di investimento sostenibili, in linea con gli obiettivi e le priorità strategiche dei settori tematici del turismo e della rigenerazione urbana, per ottimizzare i risultati da perseguire grazie anche al collegato effetto leva che lo strumento in discorso è in grado di generare. Si prevede che il supporto Bei sarà dedicato ad investimenti che promuovano la transizione verde e la trasformazione digitale nei settori interessati.

Il supporto ai progetti partirà nel secondo trimestre del 2022 e l'implementazione del fondo di fondi avverrà in linea con la tempistica e le milestone previste nel Pnrr.

E veniamo al dettaglio delle risorse.

- 500 milioni per il turismo a supporto delle priorità strategiche condivise con il Ministero. Potranno essere finanziati progetti volti al miglioramento delle strutture turistico-ricettive e dei servizi turistici, riqualificando e migliorando gli standard di offerta, con il duplice obiettivo di innalzare la capacità competitiva delle imprese e di promuovere un'offerta turistica basata su sostenibilità ambientale, innovazione e digitalizzazione dei servizi. Inoltre, gli investimenti previsti comprenderanno interventi volti a potenziare la digitalizzazione delle imprese che operano nel settore.

- 272 milioni di euro per la rigenerazione urbana a supporto delle priorità strategiche condivise con il Ministero dell'Interno: i finanziamenti necessari ai promotori privati, anche attraverso strutture in PPP, per sviluppare investimenti tesi al miglioramento delle aree urbane degradate, per la rigenerazione e rivitalizzazione economica, con particolare attenzione alla creazione di nuovi servizi alla persona e alla riqualificazione dell'accessibilità e delle infrastrutture, permettendo la trasformazione di territori vulnerabili in città intelligenti e sostenibili.

Le valutazioni

La vicepresidente Bei, Gelsomina Vigliotti, ha dichiarato: «La Bei, come Banca dell'Unione Europea, sostiene il Governo Italiano nello sviluppo e nell'attuazione del Pnrr per promuovere un'economia sostenibile e inclusiva. La Bei darà priorità ai progetti che favoriscano la transizione ecologica e la digitalizzazione, con il Fondo destinato a rilanciare il settore turistico e la rigenerazione urbana».

Il direttore generale del Tesoro, Alessandro Rivera, ha detto: «Dare attuazione ai progetti di investimento inseriti nel Pnrr e rispettare la tabella di marcia è la priorità alla quale lavora la nostra Amministrazione. La collaborazione con Bei sul Pnrr offre all'Italia un supporto prezioso per non mancare gli obiettivi di attuazione».

Maria Carmela Colaiacovo, presidente di Associazione italiana Confindustria alberghi: «Segnale positivo la sottoscrizione dell'accordo di finanziamento Bei-Mef per sostenere turismo e rigenerazione urbana in Italia nell'ambito delle risorse del Pnrr; un ulteriore tassello che dimostra la messa in moto delle attività volte a costruire la concretezza del piano, consentendo di mettere a terra quegli strumenti utili alle imprese del nostro settore».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti