strategie

Turismo, la Sardegna cerca idee nuove anche con una piattaforma web

di Davide Madeddu


default onloading pic
(Marka)

2' di lettura

Si punta sul turismo. Con un piano strategico triennale denominato Destinazione Sardegna 2018-2021 e l’istituzione della Destination Management Organization (Dmo) regionale. In mezzo c’è poi un lavoro fatto di incontri, workshop e partecipazione dei diversi operatori coinvolti nei territori dell’isola. Ora la fase finale di un percorso di studio e preparazione avviato alcuni mesi fa con istituzioni pubbliche, operatori di settore, stakeholders e comunità e che, come rimarcato dai rappresentanti della Regione nel corso della presentazione, «inizia a diventare realtà».

Il piano, che ha un orizzonte temporale di tre anni, «sarà il principale strumento di aggiornamento della politica turistica regionale e per l’esercizio delle funzioni di programmazione, di indirizzo e coordinamento, con l’obiettivo migliorare la competitività e attrattività della destinazione Sardegna, in un’ottica di sostenibilità ambientale, economica e sociale».
Partecipazione, questo l’elemento chiave. «Per noi, oltre all’obiettivo, è fondamentale anche il metodo – dice Barbara Argiolas, assessora regionale al Turismo - e per questo Destinazione Sardegna 2018-2021 prenderà forma attraverso un processo corale, che coinvolgerà chi opera in maniera diretta e indiretta nel settore turistico, sia in ambito pubblico che privato, in tutti i territori della Sardegna. La partecipazione è un elemento chiave: servono le idee, le soluzioni, i punti di vista di tutti e ci arriveremo attraverso 60 incontri complessivi e raccogliendo gli spunti e le riflessioni che arriveranno attraverso la piattaforma telematica aperta Sardegna ParteciPA».

In campo poi (in corso le interlocuzioni tra la Regione, le Camere di commercio e le società di gestione degli aeroporti di Cagliari, Olbia e Alghero) l’istituzione della Destination Management Organization (Dmo) regionale. «Si tratterà del braccio operativo dell’Assessorato del Turismo, che – argomenta l’assessora -, attraverso la partecipazione di soggetti pubblici e privati, si occuperà di gestione e marketing, con l’obiettivo di far diventare la Sardegna una destinazione turistica competitiva e attrattiva, attraverso l’ideazione di prodotti, servizi e informazioni di qualità». Una sorta di «entità operativa, interamente finanziata dai soci, che svolgerà la propria attività attuando le politiche di marketing, comunicazione, promozione e promocommercializzazione della destinazione Sardegna, nel rispetto dei principi di efficacia, trasparenza, collaborazione ed economicità ed operando secondo il modello in house providing».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...