QUOTAZIONI SPAZIALI

Turismo spaziale, Virgin Galactic prima società quotata in Borsa

di Marco Valsania


default onloading pic
Richard Branson (Reuters)

2' di lettura

NEW YORK - Richard Branson diventerà il primo imprenditore a far volare in Borsa una società di turismo nello spazio. La Virgin Galactic del magnate britannico arriverà nell'orbita di Wall Street quest'anno grazie a un'operazione che vede l'investimento nel gruppo da parte di una Spac, la Social Capital Hedosophia Holdings creata e capitanata dall'ex top executive di Facebook Chamath Palihapitiya.

La Spac, un veicolo speciale quotato dedito a trovare opportunità per rilevare aziende, investirà 800 milioni di dollari ottenendo una partecipazione del 49% nella Virgin Galactic. E come risultato nei prossimi mesi i titoli della società faranno il loro ingresso sul parterre azionario - i primi in assoluto a compiere questo passo tra i leader del settore.

I dettagli dell'operazione sono stati resi noti dal Wall Street Journal: Palihapitiya, che contribuerà personalmente cento milioni di dollari all'investimento, diventerà presidente della società. La sua Spac è quotata al New York Stock Exchange ormai dal settembre 2017 ed è verso la fine del periodo pattuito con i suoi investitori per realizzare un'acquisizione, prima cioè di dover altrimenti restituire loro i fondi.

I capitali ricevuti grazie al deal dovrebbero bastare, nei piani di Branson, a finanziare le attività di Virgin Galactic fino a quando i voli del turismo spaziale non genereranno adeguati profitti e garantiranno un attivo all'intero gruppo. Quella del turismo privato in orbita è diventata una delle frontiere piu' attraenti e contese per il business aerospaziale del futuro, al centro di una sfida tra protagonisti che accanto a Branson vedono personaggi del cslibro di Jeff Bezos, con la sua Blue Origin, ed Elon Musk, con la Space X. Persino la Nasa ha di recente aperto le porte al turismo siderale, mettendo a disposizione ad aziende e loro clienti la Stazione spaziale quale sorta di albergo orbitante.

Virgin Galactic ha raccolto circa un miliardo di dollari dalla sua nascita nel 2004, ma un altro miliardo che doveva arrivare dal fondo sovrano dell'Arabia Saudita non si è materializzato. Branson aveva infatti interrotto i negoziati con i sauditi dopo l'efferato omicidio del giornalista dissidente Jamal Khashoggi, che ha visto coinvolte le massime autorità del Paese. L'intesa con la Social Capital Hedosophia Holdings, in discussione da inizio anno secondo quanto adesso emerso, nei fatti sostituisce quel mancato finanziamento dall'Arabia Saudita.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...