la giornata dei mercati

Borse, il rally continua. Piazza Affari la migliore con Draghi e banche. Spread a 94

Milano «regina» in Europa sulle aspettative legate alla nascita di un Governo guidato dall'ex presidente della Bce. Positiva anche Wall Street. Gli investitori guardano anche alle grandi operazioni di M&A. Greggio ai massimi da gennaio 2020

di Stefania Arcudi e Flavia Carletti

La Borsa, gli indici di oggi 8 febbraio 2021

5' di lettura

Chiusura in netto rialzo per Piazza Affari (+1,48%), la migliore in Europa e con il FTSE MIB poco sotto i 23.500 punti, il massimo dal 24 febbraio 2020. Mentre prosegue il secondo giro di consultazioni, i consensi che l'ex presidente Bce Mario Draghi sta ottenendo dai partiti per formare un nuovo esecutivo in Italia, hanno spinto la Borsa verso l'alto e confermato lo spread ai minimi dal 2015 (ha chiuso a 94 punti, con il rendimento del BTp 10 anni a 0,51%, il minimo storico). Sostegno è arrivato anche dalla scommessa su nuove operazioni di aggregazione stanno spingendo soprattutto il settore bancario già protagonista di un +17% da inizio febbraio nell'indice Ftse Italia Banche.
Clima positivo anche nel resto d'Europa (Parigi +0,47%, Londra +0,68%, Francoforte sopra la parità), dove l'attenzione è concentrata su alcune operazioni di M&A: nel settore dei semiconduttori la giapponese Renesas ha trovato un accordo per acquistare la britannica Dialog, quotata alla Borsa di Francoforte, mentre in Francia resta alto lo scontro sull'Opa lanciata da Veolia su Suez.

Wall Street aggiorna ancora i record

La Borsa americana, dopo la migliore settimana da novembre, prosegue sulla via dei rialzi, con Dow Jones, S&P 500 e Nasdaq che aggiornano ulteriormente i record precedenti. L'attenzione degli investitori resta sul piano di stimoli per l'economia statunitense: la segretaria al Tesoro, Janet Yellen, ha detto che gli Stati Uniti potrebbero tornare alla piena occupazione nel 2022, se il piano di stimoli da 1.900 miliardi di dollari del presidente Joe Biden fosse approvato. Biden ha cercato un'intesa con i repubblicani, ma ora sembra intenzionato ad andare avanti anche senza di loro. I parlamentari democratici, intanto, vanno avanti per approvare il piano di aiuti con la «reconciliation'», ovvero con la maggioranza semplice, per evitare l'ostruzionismo dei repubblicani.

Loading...

Banche «super», Monte dei Paschi a doppia cifra

Sul listino azionario di Milano sono sempre le banche a correre: Banca Popolare dell'Emilia Romagna e Banco Bpm sono in prima fila grazie anche al fatto che gli analisti di Mediobanca Securities scommettono su una aggregazione tra i due gruppi che, a detta del broker, avrebbe senso sia industriale sia finanziario. Exploit di Monte dei Paschi arrivata a guadagnare il 14% e al centro dell'attenzione di chi ritiene che, con l'ex presidente Bce a Palazzo Chigi, sarà accelerato il riassetto della banca toscana con l'uscita del Tesoro dal controllo dell'azionariato.

Debole il comparto sanitario, bene il risparmio gestito

In rosso sul Ftse Mib solo i titoli del settore sanitario (Amplifon, Diasorin, Recordati) e Campari. Piatta Atlantia dopo i risultati preliminari 2020 (ricavi in calo del 29% a 8,2 miliardi e margine operativo lordo in calo del 35% a 3,7 miliardi) e la proroga fino al 24 febbraio concessa alla cordata guidata da Cdp per presentare una offerta su Autostrade per l'Italia. Bene invece il risparmio gestito con Azimut, Banca Mediolanum, Finecobank e Banca Generali in evidenza.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

Spread chiude in rialzo frazionale a 94 punti

Chiusura in rialzo frazionale per lo spread BTp/Bund in avvio di settimana. Il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark (Isin IT0005422891) e il pari scadenza tedesco, al termine di una seduta in cui si è mosso in un range ristretto, ha terminato a 94 punti base, in rialzo dai 93 punti base del closing precedente, livello equivalente ai minimi da fine 2015. Si mantiene sui minimi storici il rendimento del BTp decennale benchmark che ha chiuso allo 0,51%, invariato rispetto al riferimento precedente.

Lagarde: Draghi occasione per Italia, no stralcio debiti Covid

«È un'occasione d'oro per l'Italia e un'occasione d'oro per l'Europa, che Mario Draghi abbia accettato la sfida: far uscire il suo Paese dalla crisi economica e sociale, il Paese della zona euro più gravemente colpito dalla pandemia. Ripongo la massima fiducia in Mario Draghi e so che porterà a termine il suo compito nel migliore dei modi. Ha tutte le qualità indispensabili, la competenza, il coraggio, e anche l'umiltà, per riuscire nella sua nuova missione: rilanciare l'economia italiana, con il sostegno dell'Europa». Così Christine Lagarde, presidente della Bce, in una intervista a Le Journal du Dimanche riportata dal Corriere della Sera. Per la numero uno della Bce, l'economia dell'eurozona quest'anno crescerà «intorno al 4%. Forse un po' meno» mentre è «impensabile» cancellare i debiti pubblici contratti per far fronte all'emergenza Covid perché rappresenterebbe una infrazione ai Trattati Ue.

Chip, Renesas compra Dialog per 5 miliardi

Matrimonio di rango nei semi-conduttori. Il gruppo tedesco-britannico Dialog ha raggiunto un accordo con la giapponese Renesas che la acquisirà per 4,9 miliardi di euro entro la fine del 2021. Renesas pagherà 67,50 euro in contanti per azione di Dialog, con un premio del 20% rispetto alla chiusura di venerdì in Borsa, nell’ambito dell’intesa che è stata approvata dai cda di entrambe le società, che collaborano da anni. Dialog è uno dei fornitori di Apple.

Veolia: avanti sull'opa per Suez, stop dalla giustizia francese

Veolia ha deciso di procedere con l’Opa sulla concorrente Suez, nonostante i ripetuti rifiuti di quest’ultima, ma la sua iniziativa, comunicata nella serata di ieri, è stata bloccata dai magistrati francesi. Sulla vicenda è intervenuto anche il ministro dell’Economia Bruno Le Maire che ha annunciato che si rivolgerà all’Amf, il ‘gendarme’ dei mercati finanziari francesi, perché si occupi del dossier. Veolia ha depositato formalmente la sua offerta su Suez, che quindi è sospesa. Nella serata di domenica 7 febbraio il cda della società, che è già proprietaria del 29,9% del capitale di Suez, ha deciso di lanciare un’Opa sul resto del capitale, precisando che «i suoi ripetuti tentativi di operazione amichevole si sono sempre scontrati con l’opposizione» di Suez. L’offerta è di 18 euro per azione sul 70,1% della società, per un importo di 7,9 miliardi di euro in contanti. Suez si è rivolta al Tribunale del Commercio di Nanterre, che si è riunito nella notte tra il 7 e l'8 febbraio. Nella sua ordinanza, i magistrati impongono a Veolia di sospendere il lancio dell’operazione, in attesa di un dibattito nel merito sui suoi precedenti impegni di transazione amichevole.

Petrolio: il Brent sopra i 60 dollari, ai massimi da oltre un anno

L'euro recupera quota 1,20 dollari e scambia a 1,2029, arretra la sterlina. Petrolio in rialzo di oltre un punto percentuale: il Brent supera quota 60 dollari al barile e il Wti marzo tratta a 57,6 dollari al barile: si tratta dei valori massimi da gennaio 2020, quindi precedenti l'emergenza sanitaria. Oro in discesa nel future aprile a 1811 dollari l'oncia.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Tutti gli indici e le quotazioni

Lo spread BTp-Bund

I titoli di Piazza Affari

È arrivata Market nover, la nuova newsletter del Sole
Nasce Market mover, la newsletter dedicata alla finanza e al risparmio: ogni lunedì mattina aiuterà investitori grandi e piccoli, trader, risparmiatori, addetti ai lavori e appassionati di finanza a non perdersi nel mercato globale. E a scoprire i contenuti multimediali di Mercati+, il canale digitale de Il Sole 24 Ore dedicato a tutto ciò che ha un prezzo e un valore.
La newsletter è gratuita, per iscriverti clicca QUI

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti