ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùsharing economy

Uber debutta sotto il prezzo di collocamento. Ecco le più grandi Ipo di sempre

di Luca Salvioli


Ipo di Uber, le cose da sapere

2' di lettura

Il 10 maggio è stato il gran giorno della quotazione in Borsa di Uber, l’azienda nata nel 2009 a San Francisco che in pochi anni ha cambiato la mobilità urbana di centinaia di città, scontrandosi con le normative vigenti e con i tassisti - in Italia per questo è stata esclusa per alcuni dei servizi principali dal 2014-5 - per poi cambiare ceo e strategia estendendosi oltre le auto con il food, la logistica, le bici e i monopattini elettrici. Nel giorno del debutto, Uber soffre. La società ha aperto le contrattazioni a 42 dollari, ben al di sotto del prezzo di collocamento di 45 dollari per azione, un debutto non certo brillante, per chiudere a 41,57 dollari in calo del 7,62%.
Uber ha venduto 180 milioni di titoli al prezzo di collocamento raccogliendo 8,1 miliardi di dollari e raggiungendo una valutazione di 75 miliardi circa, nettamente inferiore ai 120 miliardi a cui aveva puntato lo scorso anno.

GUARDA IL VIDEO / Ipo di Uber, le cose da sapere

LE 15 PIÙ GRANDI IPO DELLA STORIA

Nel grafico le principali quotazioni al mondo ordinate per raccolta. Valori in miliardi di dollari. (Fonte: Renaissance Capital)

Le più grandi Ipo della storia
Come si può vedere dal grafico sopra, l'Ipo di Uber è comunque la 14esima più grande al mondo e la più grande per un'azienda tech statunitense da quella del 2012 di Facebook (dati Renaissance Capital, classifica per raccolta). La più grande è stata Alibaba nel 2014 a New York: il prezzo delle azioni fu fissato a 68 dollari per una raccolta di oltre 21 miliardi di dollari, oggi quota intorno ai 180 dollari. La seconda Softbank, il fondo giapponese che peraltro è il primo investitore in Uber, con una quota del 16,3%. Per questo dopo che è stato comunicato il pricing il titolo ha sofferto in Borsa, per la delusione rispetto all’ipotizzata valutazione più generosa.

LEGGI ANCHE / Uber in Borsa: da Bezos a Murdoch, ecco chi ci guadagnerà di più

Il modello di business di Uber
Uber sta allargando la sua offerta: oltre ai trasporti e il cibo a domicilio, si sta allargando alla logistica, bici e monopattini elettrici e auto che si guidano da sole. Ancora però non è profittevole, ragione per cui la valutazione è meno stellare di quanto si pensasse. Nel 2018 le perdite sono calate del 16% a 1,8 miliardi di dollari, cessioni escluse. I ricavi sono cresciuti del 43% a 11,4 miliardi di dollari. Il ritmo di crescita è in calo: nel 2017 erano più che raddoppiati. Come molte aziende tech, Uber nel comunicare i risultati valorizza molto il numero di utenti. Nel 2018 erano 91 milioni in 63 Paesi.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...