L’indiscrezione

Uber in trattativa preliminare per rilevare la concorrente Deliveroo


Dallo smartphone alla tavola: viaggio nel mondo di Deliveroo

2' di lettura

Nuove, probabili concentrazioni in vista nel mondo delle tech: Uber, la app che ha rivoluzionato i trasporti urbani, starebbe intrattenendo colloqui esplorativi per l’acquisizione di Deliveroo. Lo rivela il Financial Times che fa riferimento a fonti vicine al dossier secondo le quali ci sarebbero conferme concrete alle indiscrezioni per la prima volta riportate da Bloomberg. L’operazione rientrerebbe in un più ampio scenario di espansione del comparto delle consegne a domicilio di cibo, segmento nel quale si segnala in particolare il protagonismo di Amazon, GrubHub, DoorDash e JustEat.

Possibile asse Uber Eats-Deliveroo
Uber si è rifiutata di commentare, mentre Deliveroo ha fatto riferimento alla propria policy interna che vieta statement riferiti a voci o speculazioni. Uber sostiene di aver costruito il più grande servizio di consegna di cibo al netto del mercato cinese con Uber Eats, lanciato nel 2014 e già sulla buona strada per centrare i 6 miliardi di dollari di fatturato quest’anno. L’azienda opera in più di 290 città e negli ultimi mesi ha provato ad affacciarsi su nuovi mercati tra Europa, Medio Oriente e Africa. Deliveroo ha sede nel Regno Unito ed è una delle start-up europee meglio finanziate, con una raccolta di 385 milioni di dollari l’anno scorso in un round che ha valutato l’azienda in complessivi 2 miliardi di dollari. Ha investito cifre importanti per difendere la propria quota di mercato e differenziarsi dai concorrenti. Tra le innovazioni più significative, la costruzione di cucine industriali da ristorante per gli ordini. L’azienda sta anche assumendo centinaia di nuovi dipendenti con specializzazioni tecnologiche presso la sede centrale di Londra per sostenere i propri piani di espansione.

Mossa strategica verso la quotazione
Deliveroo ha registrato una perdita di 129 milioni di sterline nel 2016, l’anno più recente per il quale sono disponibili conti. Si tratta di una perdita quattro volte superiore a quella dell’anno precedente, ma nello stesso periodo il fatturato è aumentato di sette volte, raggiungendo i 128,6 milioni di sterline. L’azienda ha detto che quest’anno sta crescendo più velocemente dello scorso anno. Uber punta alla crescita nel breve termine. A ridosso dello stanziamento da 1,25 miliardi di dollari da parte dell’azionista giapponese SoftBank all’inizio di quest’anno, Uber ha dichiarato l’intenzione di investire per consolidare la propria leaderhip nel comparto delle consegne a domicilio degli alimenti in vista in vista di una Ipo l’anno prossimo.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti