banche

Ubs, Ermotti in uscita entro l’anno

L’indiscrezione è stata rilanciata dall’agenzia Bloomberg. Nei mesi scorsi i media svizzeri avevano invece riferito di una possibile partenza del ceo non prima dell'assemblea generale degli azionisti del 2021

di Lino Terlizzi

default onloading pic
(Reuters)

L’indiscrezione è stata rilanciata dall’agenzia Bloomberg. Nei mesi scorsi i media svizzeri avevano invece riferito di una possibile partenza del ceo non prima dell'assemblea generale degli azionisti del 2021


2' di lettura

Si sapeva già che Ubs, la maggior banca svizzera, ha iniziato per tempo a studiare i piani di una successione difficile, quella per il suo chief executive officer, il ticinese Sergio Ermotti. Difficile perché Ermotti, che è al timone dell'istituto elvetico dal 2011, ha attuato il rilancio della banca e ha ottenuto in tutti questi anni ampi consensi sia all'interno che all'esterno.

Sulla data della successione ci sono state e ci sono voci diverse, ora l'agenzia Bloomberg indica che secondo fonti vicine all'istituto il top manager ticinese potrebbe lasciare la carica già quest'anno. Nei mesi scorsi i media svizzeri avevano invece riferito di una possibile partenza del ceo non prima dell'assemblea generale degli azionisti del 2021.

Secondo l'agenzia, Sergio Ermotti avrebbe parlato al management dell'istituto di una possibile partenza quest'anno. Ubs starebbe quindi continuando a maggior ragione nella ricerca del successore, nei ranghi della banca oppure all'esterno. Ubs ha preferito non commentare le voci raccolte da Bloomberg, come d'altronde aveva già fatto in occasione di altre voci sulla successione.

L'agenzia indica anche che uno dei nomi corsi sempre a livello di voci per la successione a Ermotti, quello di Iqbal Khan, non sarebbe in realtà nella lista dei papabili. Khan è stato suo malgrado protagonista nei casi di pedinamento che sono emersi nel Credit Suisse, banca connazionale e rivale di Ubs, e che hanno contribuito alle dimissioni del ceo Tidjane Thiam; quest'ultimo ha riaffermato di essere estraneo ai pedinamenti, ma ha lasciato la carica sull'onda delle polemiche sui meccanismi di governo interni. Iqbal Khan, comunque, è coresponsabile della gestione patrimoniale di Ubs solo da pochi mesi; un tempo breve che, nonostante le sue buone quotazioni sulla piazza elvetica, non gli permetterebbe di correre ora per il timone della maggior banca rossocrociata.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti