BANCHE

Nuovo ceo per Ubs: Ralph Hamers (Ing) sarà il successore di Ermotti

Con la guida di Ermotti, Ubs ha superato gli effetti della crisi che l'aveva colpita e che aveva provocato il salvataggio da parte di Confederazione e Banca nazionale svizzera (che sono poi state rimborsate con gli interessi). I critici del manager indicano che il titolo in Borsa è rimasto ciò nonostante a livelli tutto sommato bassi

di Lino Terlizzi


default onloading pic
(EPA)

3' di lettura

Sergio Ermotti lascia la carica di ceo di Ubs, la maggior banca svizzera. La voce su una sua uscita già quest'anno (e non il prossimo come altre voci avevano indicato in precedenza) circolava da diversi giorni ed ora è ufficiale. Dal 1° novembre sarà sostituito da Ralph Hamers, attualmente a capo del gruppo olandese Ing. Per garantire una transizione soft, il 1° settembre Hamers entrerà a far parte della direzione generale di Ubs, poi assumerà la carica di ceo dal 1° novembre, ha precisato la banca elvetica.

Hamers è stato scelto dopo un «accurato e rigoroso processo di selezione», ha affermato Ubs. «Dopo quasi un decennio come ceo, è arrivato il momento di scrivere il mio prossimo capitolo. Ubs è in ottima forma, gode della massima flessibilità strategica ed è ben posizionata per una crescita sostenibile», ha affermato Ermotti. Il manager ticinese è stato nominato ceo ad interim di Ubs nel settembre 2011, dopo che Oswald Grübel aveva lasciato lasciato la banca in seguito allo scandalo della frode attuata da un ex trader di Ubs a Londra. Due mesi dopo Ermotti è stato nominato ceo a tempo indeterminato. Ermotti era entrato nella direzione generale di Ubs nell'aprile 2011, come responsabile delle operazioni in Europa, Africa e Medio Oriente. In precedenza, aveva lavorato per la banca americana Merrill Lynch ed era poi entrato nel vertice dell'italiana UniCredit.

Con la guida di Ermotti, Ubs ha superato gli effetti della crisi che l'aveva colpita e che aveva provocato il salvataggio da parte di Confederazione e Banca nazionale svizzera (che sono poi state rimborsate con gli interessi). La banca ha ricentrato le attività attorno al business della gestione di patrimoni, riducendo la presenza nei segmenti più rischiosi dell'investment banking e mantenendo il retail banking, sempre sul solo mercato elvetico. Ubs è ritornata sulla via del profitto, anche attraverso ristrutturazioni con tagli alle strutture, e lì si trova ora.

I critici di Ermotti e di Ubs indicano che il titolo in Borsa è rimasto ciò nonostante a livelli tutto sommato bassi. La risposta dei sostenitori è che un po' tutto il settore bancario ha fatto fatica in questi anni in Borsa e che Ubs, come altre banche svizzere, ha dovuto sopportare pesanti multe (soprattutto negli Usa) come eredità del passato e ciò ha inciso anche sul titolo. Ermotti, 59 anni, non ha detto nulla rispetto al suo futuro professionale. Sulla piazza elvetica c'è chi lo vede comunque in posizioni di rilievo nella finanza e chi scommette che sarà lui il futuro presidente del cda di Ubs, quando il tedesco Axel Weber lascerà la carica, forse nel 2022.

Esperto di digitalizzazione e attivo nella trasformazione del gruppo bancario olandese Ing, il futuro ceo di Ubs Ralph Hamers ha fatto parlare di sé anche per il suo tentativo, non riuscito, di aumentarsi lo stipendio, a livelli comunque molto inferiori rispetto a quelli di Sergio Ermotti. Il 53.enne Hamers ha fatto praticamente tutta la sua carriera presso Ing, di cui nel 2013 è stato nominato ceo. Hamers ha attuato l'uscita dall'attività assicurativa, che era già stata decisa prima che assumesse l'incarico.

Anche Ing è stata colpita dalla crisi finanziaria del 2008-2009 ed ha dovuto essere salvata e ristrutturata. Sulla piazza elvetica molti apprezzano il curriculum di Hamers, ma alcuni analisti pongono un interrogativo rispetto al fatto che non ha un'esperienza principale nella gestione di patrimoni, business centrale di Ubs. Avrà modo di affrontare anche versante, da settembre in poi.

Per approfondire:
Ubs male in Borsa dopo i conti 2019 e il taglio delle prospettive di redditività
Ubs, utili in calo nel 2019. Ma cresce la gestione patrimoniale

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...