La guerra in Europa

Nuova offensiva russa su Mariupol. Lunedì terzo round negoziati

Non riescono, causa bombardamenti, i percorsi di evacuazione per anziani, donne e bambini voluti dalla Croce rossa. Premier israeliano tenta mediazione

Viaggio sulla linea del fronte intorno a Kiev, dove l’Ucraina si prepara a resistere

5' di lettura

Il decimo giorno della guerra in Ucraina, sabato 5 marzo, si era aperto con l'annuncio della Russia di una tregua per consentire l'apertura di corridoi umanitari nella località di Mariupol e Volnovakha. Lo stop alle armi sarebbe dovuto scattare alle 10 russe, le 8 di mattina italiane.

Sembra essere durato poco, con Kiev che accusa Mosca di aver violato immediatamente il cessate il fuoco e lanciato missili e bombe «contro Mariupol, Volnovakha, e altre città ucraine - ha denunciato il ministero degli Esteri a Kiev in una dichiarazione - I bombardamenti in corso rendono impossibile l’apertura di corridoi umanitari per l’evacuazione sicura dei civili e per la consegna di medicine e cibo».

Loading...

Mosca ha respinto la ricostruzione, sostenendo che sia stato il «regime di Kiev» a impedire il deflusso, per poi riavviare ufficialmente l’offensiva su Mariupol. L’attacco è ripreso, dichiara il ministero della Difesa russo, «a causa della riluttanza da parte ucraina ad esercitare pressione sui nazionalisti per prolungare la tregua». Le due parti torneranno a incontrarsi lunedì 7 marzo, nel terzo round di colloqui fra Ucraina e Russia.

Le evacuazioni, intanto, sono fallite e la Croce rossa auspica di poterle riprendere il 6 marzo. «Continuiamo le trattative costantemente. Spero che domani avvenga l’evacuazione di donne, bambini e anziani ma per ora la Russia continua a bombardare - ha detto il viceprimo ministro per la reintegrazione dei territori ucraini temporaneamente occupati, Irina Vereshchu- È prevista l’evacuazione anche dalla periferia di Kiev. Stiamo preparando corridoi a Sumy, Kharkiv, Kherson».

Bennett da Putin. La Cina chiede lo stop ai combattimenti

Le trattative si ampliano su scala internazionale, con un fitto intreccio di incontri fra leader e diplomatici. Il segretario di Stato Usa Antony Blinken ha incontrato il 5 marzo il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba al confine fra Ucraina e Polonia. Nello stesso giorno, il premier israeliano Bennett è volato a Mosca per tentare una mediazione con Putin, diventando il primo leader occidentale a varcare la soglia del Cremlino dall’inizio del conflitto. La prossima tappa di Bennett sarà la Germania, per un faccia a faccia con il cancelliere tedesco Olaf Scholz.

Anche la Cina è rientrata nel dibattito, chiedendo che «i combattimenti si interrompano il prima possibile, tutelando le vite umane ed evitando crisi umanitarie su larga scala». L’appello arriva dal ministro degli Esteri Wang Yi alla controparte Usa Antony Blinken, nel colloquio telefonico avuto «su richiesta americana», in merito alla crisi in Ucraina. «La Cina ritiene che per risolvere la crisi ucraina sia ancora necessario agire secondo finalità e principi della Carta dell’Onu. Il primo è rispettare e proteggere la sovranità e l’integrità territoriale di tutti i Paesi, il secondo è insistere sulla risoluzione pacifica delle controversie attraverso il dialogo». Il segretario di Stato Usa Antony Blinken incontra poi il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba al confine tra l’Ucraina e la Polonia. Il capo della diplomazia di Kiev chiede agli Usa aerei e sistemi di difesa aerea.

Putin: sanzioni a Russia come dichiarazione di guerra

Lo stesso presidente russo, Vladimir Putin, conferma la tesi sul «boicottaggio» ucraino dei corridoi umanitari. «Il lavoro dei corridoi umanitari, in particolare di quello di Mariupol, viene impedito dai nazionalisti ucraini» ha detto Putin, scagliandosi anche contro le sanzioni inflitte alla Russia: una «dichiarazione di guerra» contro Mosca. Se Kiev entrerà nella Nato, ha aggiunto, lo scontro sarà «fra la Russia e l’Alleanza». Il presidente russo non sembra avere dubbi sull’esito dell’operazione in Ucraina. «Tutto sta procedendo secondo i piani in Ucraina». Sullo sfondo, continua a crescere il numero di cittadini ucraini che cerca rifugio fuori dal Paese. Le Nazioni Unite stimano un totale di almeno 1,3 milioni di rifugiati al 5 marzo, con la possibilità di arrivare a 1,5 milioni entro il 6 marzo.

Istruzioni via Telegram per l'evacuazione, poi lo stop

Questa mattina, un messaggio pubblicato sempre sul canale Telegram del Consiglio Comunale di Mariupol spiegava che il “corridoio verde umanitario” concordato con le forze di invasione russe si sarebbe articolato sulla rotta rotta Mariupol-Nikolske-Rozivka-Polohy-Orikhiv-Zaporizhzhia. Gli autobus con gli sfollati sarebbero dovuti partire da tre località della città, con la possibilità di viaggiare lungo il percorso indicato anche per i mezzi privati.

A evacuazione iniziata, con la Croce Rossa alla testa delle colonne di sfollati a garanzia della tregua, le stesse autorità locali di Mariupol hanno poi denunciato il mancato rispetto del cessate il fuoco da parte dei russi. In particolare nella regione di Zaporizhzhia, tappa finale del percorso di evacuazione dove sarebbero in corso combattimenti condotti da truppe russe. Da qui la decisione del sindaco di rinviare l'operazione per dare spazio a nuovi negoziati con le autorità militari russe. “Stiamo negoziando con la parte russa per confermare il cessate il fuoco lungo l’intero percorso di evacuazione”, spiegano fonti dell'amministrazione locale di Mariupol.

La seconda città interessata all’evacuazione umanitaria di circa 15 mila civili è Volnovakha, città dell’Ucraina orientale a poca distanza da Donetsk . Secondo quanto riferisce un parlamentare locale circa il 90% della sua area urbana è stata rasa al suolo dai bombardamenti russi. Il percorso di uscita protetto concordato si articola in questo caso sulla direttrice Volnovakha-Valerianovka -Novoandreevka- Pokrovsk-Zaporozhye.

I percorsi umanitari saranno anche all'ordine del giorno di una nuova riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che si riunirà lunedì 7 marzo. La riunione, richiesta da Stati Uniti ed Albania, si terrà a porte aperte, con l’intervento del coordinatore Onu per gli affari umanitari, Martin Griffiths, e della direttrice esecutiva dell’Unicef, Catherine Russell.

Ancora scontri e bombardamenti in tutto il paese

La sospensione per ragioni umanitarie degli scontri in alcune aree urbane ucraine è il risultato scaturito dal secondo round di negoziati svoltisi mercoledì in Bielorussia, al confine con la Polonia, nella regione di Brest. Nel fine settimana è atteso il terzo round di colloqui, anche se Kiev ha già fatto sapere che non intende fare concessioni territoriali mentre la Difesa russa ha precisato che nonostante le intese sui corridori umanitari «la vasta offensiva in Ucraina prosegue».

Il contesto continua a rimanere estremamente difficile, con esplosioni, raid, e razzi segnalati dai media locali in più località: Tv Ukraine-24 parla di bombardamenti nella città orientale di Sumy, Kyiv Independent segnala esplosioni multiple a Kharkiv. Lo stesso giornale sul suo profilo Twitter fa sapere che le sirene d’allarme sono risuonate anche a Zhytomyr e Chernihiv. I combattimenti proseguono in varie zone dell’Ucraina: ieri la milizia filorussa della Repubblica popolare di Donetsk (Dpr) ha conquistato gli insediamenti di Znamenovka, Solnechnoye e Privolnoye, a nord di Mariupol. Scontri sono segnalati anche nei dintorni di Kiev e dell'aeroporto di Hostomel ed è confermata l'avanzata delle forze russe verso la seconda più grande centrale nucleare dell’Ucraina. Fonti riferiscono di lanci di razzi contro quartieri residenziali a Bila Tserkva, nell’Ucraina centrale.

Russi minacciano seconda centrale nucleare

Sono a «una ventina di miglia (32 km)». Lo ha denunciato nella notte l’ambasciatrice americana all’Onu, Linda Thomas-Greenfield, senza indicare il nome dell’impianto. Secondo Energoatom, organismo ucraino di supervisione delle centrali nucleari, il secondo più grande impianto del Paese è quello di Yuzhnoukrainsk, nella regione di Mykolaiv, nel sud dell’Ucraina. L’altra notte, le forze russe avevano attaccato la centrale nucleare di Zaporizhzhia.

Il premier britannico Boris Johnson ha invocato la protezione dell’Onu per le centrali nucleari che rischiano di essere coinvolte nel conflitto. Lo ha detto in un'intervista a Repubblica, dove ha anche paragonato Vladimir Putin a Slobodan Milosevic, il leader della Serbia negli anni ’90

Verso il terzo round di negoziati

Il fine settimana vedrà il nuovo round di negoziati tra Russia e Ucraina, ma nessuno sembra essere troppo incline all’ottimismo. «La posizione della Russia è dura. La posizione dell’Ucraina è dura, quindi non saranno facili ma ci saranno», afferma Mikhaylo Podoliak, consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, riferendosi ai negoziati, citato dalla Tass, precisando che le trattative procederanno in un’atmosfera costruttiva. Intanto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, dice a Sky News Arabia, che l’operazione russa non punta a dividere l’Ucraina ma a trasformarla in un’area «smilitarizzata e libera dall’ideologia neonazista».


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti