Atenei e solidarietà

Ucraina, Messa: «Università subito mobilitata, un milione per gli studenti»

La ministra dell'Università in Commissione Cultura alla Camera. «Tra Italia e Federazione Russa in corso 73 accordi interuniversitari: 27 sono con l'Ucraina e 4 con la Bielorussia

di Redazione Scuola

(ANSA)

3' di lettura

«L'Università e la ricerca sono stati tra i primi a mobilitarsi, per esprimere le manifestazioni di vicinanza al popolo ucraino e a tutte le persone coinvolte nella grave crisi politica e umanitaria in atto». lo ha detto la ministra dell'Università, Maria Cristina Messa, audita in Commissione Cultura alla Camera, facendo il punto sul numero di studenti e ricercatori ucraini ma anche russi presenti in Italia e delle iniziative messe in campo per tutelare il loro percorso di studi e ricerca compreso un fondo di un milione di euro per il co-finanziamento dei percorsi formativi.

La mobilitazione e gli accordi

«Subito dopo l'emergere della crisi - ha spiegato Messa - si sono moltiplicate le iniziative spontanee, da parte delle università, delle istituzioni Afam e degli enti pubblici di ricerca volte a sostenere, nelle forme più varie la permanenza degli studenti e dei ricercatori ucraini che, a qualsiasi titolo, compreso il progetto Erasmus +, si trovassero in Italia. Solo nel 2021 - ha continuato - quattro Atenei nazionali hanno siglato accordi di cooperazione con sette istituti universitari ucraini e in generale, i rapporti tra l'Italia ed i paesi in questione sono definiti da molte collaborazioni interuniversitarie che riguardano Didattica, Formazione, Ricerca e Mobilità. Tra Italia e Federazione Russa sono censiti ben 73 accordi interuniversitari in corso: 27 sono con l'Ucraina e 4 con la Bielorussia. Da queste collaborazioni, sono gemmati 29 corsi convenzionati tra le nostre università e quelle ucraine e 10 corsi che rilasciano doppi titoli; con la Federazione Russa abbiamo 489 corsi convenzionati e 66 corsi che rilasciano doppi titoli. Quindi i rapporti sono molto intensi e noi vorremmo evitare che a farne le spese siano gli studenti».

Loading...

I dati

«Sono censiti - ha proseguito - come ucraini, nel nostro territorio, 31 studenti Erasmus e 989 non Erasmus, di cui 802 residenti in Italia. Per quanto riguarda gli studenti della Federazione Russa nel nostro territorio sono 48 gli Erasmus e 304 i non Erasmus, di cui 294 residenti in Italia. Di fronte a questo intenso scambio, che ha determinato una consuetudine di rapporti da diversi anni, l'Accademia non poteva mostrarsi insensibile, e valorizzando il principio dell'autonomia universitaria ha agito da subito. In questo contesto - ha detto ancora Messa - si è inserito l'intervento, promosso dal ministero e condiviso dal Governo, di introdurre una misura specifica, finanziata con i fondi del Mur, volta ad integrare, ed ulteriormente sostenere le iniziative delle università e degli enti di ricerca. Voglio rimarcare come questo intervento sia stato in modo fortemente simbolico una delle prime misure di sostegno adottate dal Governo a seguito dello scoppio della crisi in Ucraina. Mi riferisco alla misura prevista nel “primo” decreto, il numero 16 del 2022, in forza della quale è stato istituito uno specifico fondo nello stato di previsione del Mur, con una dotazione iniziale di 500 mila euro, volto a sostenere, sostanzialmente a titolo di cofinanziamento, le iniziative intraprese a favore della “comunità scientifica ucraina».

Fondo a 1 milione di euro

«A tal riguardo - ha proseguito Messa -, voglio ringraziare di persona i componenti di questa Commissione perché grazie a voi si deve la scelta, fatta propria dal Parlamento in sede di conversione del decreto-legge, di accrescere la consistenza del Fondo, sempre con oneri a carico del ministero, estendendola a 1 milione di euro, estendendone, al contempo le finalità. Questa scelta ha un forte valore non solo simbolico ma anche concreto, in quanto studenti e ricercatori di altre nazionalità, che però per questa crisi in atto non possono proseguire i propri studi, possono accedere a questo decreto di accoglienza, ivi inclusi profughi in fuga dalle crisi politiche e militari varie, come in Afghanistan e in Ucraina, indipendentemente dalla loro nazionalità , anche ai soggetti ai quali, in conseguenza della crisi politica e militare in atto in Ucraina, sia stata concessa la protezione internazionale, anche temporanea».

Altre iniziative

«Ci sono poi ulteriori iniziative del nostro ministero - ha aggiunto la ministra facendo riferimento a un sito Internet -. Nell'esercizio del potere di coordinamento che abbiamo, nell'ambito del principio di autonomia che circonda le università e gli enti di ricerca italiani, stiamo intraprendendo delle iniziative dirette a semplificare le forme di accoglienza, per quanto di nostra competenza. Tra queste, è in procinto di avviarsi, proprio in queste ore, uno specifico percorso informativo, costantemente aggiornato, a beneficio di tutte le istituzioni facenti parte del sistema della formazione superiore, ivi inclusa oltre all'università, enti di ricerca e Afam anche le Accademie e le Società scientifiche, allo scopo di segnalare tutte le iniziative di solidarietà per docenti, ricercatori, studenti e dottorandi colpiti dalla crisi internazionale e che abbiano l'esigenza di trovare un luogo aperto e sicuro in cui proseguire la propria attività di ricerca e di studio».

Scuola, tutti gli approfondimenti

La newsletter di Scuola+

Professionisti, dirigenti, docenti e non docenti, amministratori pubblici, operatori ma anche studenti e le loro famiglie possono informarsi attraverso Scuola+, la newsletter settimanale de Il Sole 24 Ore che mette al centro del sistema d'istruzione i suoi reali fruitori. La ricevi, ogni lunedì nel tuo inbox. Ecco come abbonarsi

Le guide e i data base

Come scegliere l’Università e i master? Ecco le guide a disposizione degli abbonati a Scuola+ o a 24+. Qui la guida all’università con le lauree del futuro e il database con tutti i corsi di laura

Lo speciale ITS

Il viaggio del Sole 24 Ore negli Its per scoprire come intrecciare al meglio la formazione con le opportunità di lavoro nei distretti produttivi delle eccellenze del made in Italy. Tutti i servizi

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati