ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùEuropa

Ucraina ultime notizie. Ucraina, missile sulla Polonia lanciato da contraerea Kiev. Usa: probabilità di vittoria militare completa dell’Ucraina non è alta

È stato con ogni probabilità un missile della difesa aerea ucraina a cadere in territorio polacco e provocare la morte di due persone. Queste le prime indicazioni della Nato dopo le ore di tensione seguite all’incidente

Polonia, Zelensky: "Avevamo avvertito, il terrore non è solo nei nostri confini"
  • Missile su Polonia, capo stato maggiore Usa ha chiamato Mosca

    Il capo di stato maggiore congiunto Usa Mark Milley ha tentato di parlare, senza riuscirci, con l’omologo russo, il generale Valery Gerasimov, ieri dopo che si era diffusa la notizia della caduta di un missile in Polonia. Lo ha detto lo stesso generale americano in una conferenza stampa al Pentagono. “Il mio staff non è riuscito a mettermi in contatto con il generale Gerasimov”, ha detto Milley che invece ha parlato con il suo omologo ucraino, quello polacco e altri capi della difesa in Europa.

  • Usa, probabilità vittoria militare Ucraina non è alta nel breve periodo

    “La probabilità di una vittoria militare ucraina che cacci via tutti i russi dal Paese, inclusa la Crimea, non è alta nel breve periodo”. Lo ha detto il capo di stato maggiore Usa, Mark Milley, in una conferenza stampa al Pentagono. «Politicamente, ci potrebbe essere una soluzione che include un ritiro dei russi, questo è possibile», ha aggiunto.

    “I russi hanno fallito da un punto di vista strategico e tattico in tutta l’Ucraina”, ha precisato Milley. Per il generale l’arrivo dell’inverno comporterà un naturale calo nelle battaglie sul campo e per questo “potrebbe essere una buona finestra per negoziare la pace”.

  • Ungheria, irresponsabili le dichiarazioni di Zelensky

    Il governo ungherese ritiene che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky dia “un cattivo esempio” affermando che il missile che ha ucciso due persone in un villaggio polacco vicino alla frontiera con l’Ucraina sia russo. “In una simile situazione i leader mondiali si esprimono in maniera resoponsabile”, ha detto alla stampa Gergely Gulyas, capo gabinetto del primo ministro ungherese Viktor Orban. Ma “il presidente ucraino, accusando subito i russi, ha sbagliato, è un cattivo esempio”, ha aggiunto, accogliendo al contrario l’atteggiamento prudente di Polonia e Stati Uniti.

  • Pentagono, colpire linee elettriche è crimine di guerra

    «Attaccare le linee elettriche dell’Ucraina è un crimine di guerra». Lo hanno detto il capo del Pentagono Lloyd Austin e il capo di stato maggiore congiunto, Mark Milley, in una conferenza stampa alla fine del gruppo di contatto. «I russi continueranno a fare la guerra per tutto l’inverno e noi continueremo a sostenere Kiev», hanno aggiunto.

  • Zelensky alla Cina, «non scelga di stare con la Russia»

    Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky fa appello alla Cina affinché «non scelga di stare con la Russia».

  • Usa: missile in Polonia ucraino, ma responsabile è Russia

    Al momento gli Stati Uniti non hanno raccolto nessuna prova che “contraddica la valutazione preliminare del presidente Duda secondo cui il missile esploso in Polonia era ucraino”. Lo dichiara la portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale Usa, Adrienne Watson, sottolineando tuttavia che al di là delle conclusioni dell’indagine “è chiaro che la responsabile ultima di questo tragico incidente è la Russia, che ha lanciato una raffica di missili contro l’Ucraina destinati a colpire le infrastrutture civili”. “L’Ucraina aveva - e ha - tutto il diritto di difendersi”, ha aggiunto.

  • Zelensky, il missile caduto in Polonia è russo

    Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky è convinto che il razzo caduto in Polonia ieri sia russo. “Non ho dubbi che non fosse il nostro razzo”, ha detto ai giornalisti a Kiev, secondo quanto riportato da Interfax Ukraine e rilanciato dai media internazionali. Il leader ha detto di aver ricevuto rapporti dal comando delle forze armate e dell’aeronautica, e “non può che fidarsi di loro”. Zelensky ritiene inoltre che l’Ucraina avrebbe dovuto essere autorizzata a ispezionare il luogo dell’incidente. “Possiamo non dire le conclusioni finali? Abbiamo il diritto di far parte della squadra investigativa? Certo”, ha detto.

  • Russia: economia entra in recessione, -4% Pil nel III trimestre

    La Russia è entrata ufficialmente in recessione con un calo del 4% del suo prodotto interno lordo nel terzo trimestre, secondo quanto reso noto dall’agenzia di statistica Rosstat. La flessione segue quella del 4,1% già registrata nel secondo trimestre risentendo delle sanzioni occidentali per l’invasione dell’Ucraina. Il dato è lievemente migliore delle attese degli analisti che si aspettavano un calo più marcato intorno al -4,5%. Secondo Rosstat a pesare sull’andamento dell’economia sono stati in particolare il commercio all’ingrosso (-22,6%), il commercio al dettaglio (-9,1%), il trasporto merci (-5,5%) e in misura minore l’industria manifatturiera (-2%). Segnali di buona salute, invece, sono venuti dall’edilizia (+6,7%) e dall’agricoltura (+6,2%). I primi tre mesi del 2022 avevano visto il Pil russo crescere del +3,5%. Secondo una previsione della Banca Centrale Russa effettuata dell’8 novembre, il Pil dovrebbe contrarsi intorno al -3,5% per tutto il 2022.

  • Kiev: provato a intercettare un missile ieri vicino a Polonia

    L’Ucraina ha informato gli Stati Uniti di aver tentato di intercettare martedì 15 novembre un missile russo «vicino e nello stesso lasso di tempo» della caduta di missili in Polonia. Lo riferisce un alto funzionario americano alla Cnn. Non è chiaro tuttavia se il missile utilizzato dalle forze ucraine per intercettare quello russo sia quello caduto in territorio polacco.

    Meloni: "In Polonia missile ucraino, ma responsabilità resta russa"
  • Crosetto: evitata degenerazione del conflitto

    «Stavo tornando da Bruxelles e ho ricevuto un messaggio dal Capo di stato maggiore della difesa ma all’inizio si sapeva solo che era caduto un missile e c’erano vittime in Polonia. Sono stati momenti convulsi ma per fortuna tutto si è risolto e questo ha impedito una degenerazione del conflitto» . Lo ha detto il ministro della Difesa Guido Crosetto a Porta a Porta su RaiUno, sul missile caduto in Polonia. “Pare dalle ultime notizie - ha aggiunto - che possa essere stato un missile ucraino che non ha centrato l’ obiettivo ed è caduto sul territorio polacco. Questa è la tesi che va ora per la maggiore. Mi sono sentito con i colleghi della Nato e mi sono messaggiato con Stoltenberg: nei momenti difficili bisognava mantenere la calma e gettare acqua sul fuoco perché il clima era già esplosivo così e poteva diventare devastante”.

  • Mosca convoca ambasciatore polacco

    L’ambasciatore polacco a Mosca è stato convocato presso il ministero russo degli Esteri. Lo riferiscono fonti diplomatiche citate dalla Tass. La convocazione è legata all’incidente dei missili caduti in territorio polacco. Il ministero degli Esteri di Varsavia aveva annunciato che erano di fabbricazione russa lasciando intendere che Mosca fosse responsabile dello sconfinamento.

    Ambasciatore polacco esce dal ministero degli Esteri russo
  • Stoltenberg (Nato): “Continuiamo a sostenere diritto autodifesa Kiev”

    Nel Consiglio dell’Atlantico del Nord riunitosi oggi “gli alleati Nato hanno fatto le loro condoglianze per la tragica perdita di vite, esprimendo forte solidarietà con il nostro alleato, la Polonia. E hanno chiarito che continueremo a sostenere l’Ucraina nel suo diritto all’autodifesa”. Lo dice il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, al termine della riunione a Bruxelles.

  • Nato esclude no-fly zone, “non siamo parte in conflitto”

    “La Nato non è parte del conflitto in Ucraina, provvede al sostegno dell’Ucraina per la sua difesa e forniremo più aiuti per la difesa aerea. L’Ucraina ha il diritto di difendere contro la guerra illegale della Russia. Abbiamo sistemi di difesa aerea operativi 24ore su 24 con aerei, abbiamo sistemi di terra e navali. I nostri sistemi di difesa anti-aerea entrano in funzione se c’è un attacco ma non abbiamo evidenze che in Polonia ci sia stato un attacco deliberato.” Lo ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg rispondendo ad una domanda sull’opportunità di una no-fly zone in Ucraina da parte dell’Alleanza.

  • Nato, da primi esami incidente provocato da missile ucraino

    “Gli esiti preliminari delle indagini dicono che l’incidente è stato provocato da un missile ucraino di difesa anti-aerea ucraino”. Lo ha detto il il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg parlando dell’incidente del missile caduto in Polonia.

  • Stoltenberg (Nato): Kiev non ha colpe per missile su Polonia, effetto attacchi russi

    “Voglio dire in maniera chiara” che sull’incidente avvenuto in Polonia “Kiev non ha colpe” ma è “è il risultato del massiccio lancio di missili russi sull’Ucraina. Questa è la dimostrazione che la guerra di Putin crea situazioni pericolose. Putin deve fermare questa guerra”. Lo ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg.

    Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg tiene una conferenza stampa al termine del Consiglio Nato a Bruxelles, il 16 novembre 2022 (foto Reuters/Herman)

  • Missile in Polonia, Meloni: “Comunque responsabilità russa”

    “Questa mattina brusco risveglio con notizie che arrivavano dalla Polonia, abbbbiamo chiesto informazioni, ci siamo riuniti e consultati con gli alleati. L’ipotesi che sulla Polonia sia caduto un missile dell’antiaerea ucraina non cambia la sostanza, la responsabilità di quello che è accaduto per quanto ci riguarda è tutta russa. E con gli alleati abbiamo condannato gli attacchi missilistici di Mosca”. Lo ha affermato Giorgia Meloni nel corso della conferenza stampa tenuta al termione del G20.

    Meloni: "In Polonia missile ucraino, ma responsabilità resta russa"


  • Berlino, niente no-fly zone, sarebbe scontro Nato-Russia

    Un portavoce del governo tedesco ha respinto l'istituzione di una no-fly zone, sostenendo che rappresenterebbe una minaccia di scontro diretto tra Russia e Nato. Lo riporta il Guardian. “Insieme a tutti i nostri alleati siamo d'accordo nel voler evitare un’ulteriore escalation della guerra in Ucraina”, ha detto il portavoce.

  • Tajani, condanniamo Mosca ma lavorare alla de-escalation

    “Non posso che ribadire la condanna dell’escalation russa” che ieri si è resa protagonista del “lancio di tanti missili contro l’Ucraina”. Come Italia, “abbiamo seguito con apprensione la situazione, anche la presidente del Consiglio è intervenuta partecipando a una riunione del G7 a Bali. Pare che non ci sia un diretto coinvolgimento della Russia per il missile o i missili arrivati in Polonia”, ma “questo deve spingerci a mandare messaggi per la de-escalation”. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri Antonio Tajani in un punto stampa congiunto dopo l’incontro col ministro degli Esteri greco Nikos Dendias alla Farnesina.

  • Duda, missile su Polonia probabilmente sfortunato incidente

    “Probabilmente si è trattato di uno sfortunato incidente”. Lo ha detto il presidente polacco Andrzej Duda in riferimento al missile caduto sulla Polonia che ha ucciso due persone. Come riporta il Guardian, Duda ha ribadito che non ci sono motivi per ritenere che si sia trattato di un attacco deliberato contro la Polonia.

    Missili in Polonia, Duda: "Paese non è stato attaccato"
  • Polonia, non ci sono prove che indicano un attacco a noi

    “Siamo in contatto diretto con i nostri alleati della Nato. Sottolineo: non abbiamo prove precise che ci permettano di concludere che si è trattato di un attacco alla Polonia”. Lo afferma il presidente polacco Andrzej Duda come riportato nell’account Twitter della presidenza polacca.

  • Fonti Usa,”missile lanciato da Kiev ma di fabbricazione russa”

    Secondo “un’iniziale valutazione degli Stati Uniti” il missile che ha ucciso due persone ieri nel villaggio polacco vicino al confine ucraino è partito dall’Ucraina anche se era di fabbricazione russa. Lo riferiscono due funzionari Usa alla Cnn, precisando che a questa valutazione si riferiva Joe Biden quando ha detto che è “improbabile” che il missile sia partito dalla Russia. Questa valutazione è stata al centro della riunione di emergenza G7-Nato convocata questa mattina da Biden al margine del G20 di Bali ed sarà al centro della riunione degli ambasciatori Nato in corso a Bruxelles.

    Missile in Polonia, Biden: "La Russia non c'entra"
  • Biden agli alleati: “É un missile della contraerea ucraina”

    Secondo le prime valutazioni , ci sono indicazioni che il missile che ha colpito ieri la fattoria del villaggio polacco di Przewodów era un missile della contraerea ucraina. E’ quanto ha detto il presidente americano Joe Biden ai leader alleati nella riunione di emergenza G7-Nato convocato a Bali dove oggi si è chiuso il G20. Questa comunicazione è anche al centro della riunione di emergenza degli ambasciatori della Nato in corso a Bruxelles.

    Il presidente Usa Joe Biden (foto Reuters/Lamarque)

  • Interruzioni di corrente in tutto il Paese dopo bombardamento

    Ukrenergo, l’operatore della rete elettrica statale ucraina, ha dichiarato che mancherà la corrente in vaste aree del Paese, a causa del bombardamento russo di ieri. Per rendere possibili i lavori sulla linea, le interruzioni di corrente saranno programmate e annunciate agli abitanti. Il ministro dell’Energia ucraino ha dichiarato che l’attacco russo di ieri è stato “il più massiccio” bombardamento di strutture elettriche nei quasi 9 mesi di guerra. I missili di Mosca hanno infatti colpito sia gli impianti di produzione di energia, che i sistemi di trasmissione.

  • Fonti Usa alla Cnn, missile in Polonia partito dall’Ucraina

    Il missile che ieri ha ucciso due persone in Polonia è partito dall’Ucraina, anche se era di fabbricazione russa. Lo riferiscono alla Cnn due fonti americane informate sulle valutazioni iniziali degli Stati Uniti. I funzionari hanno aggiunto che le valutazioni dell’intelligence sono state discusse durante la riunione di emergenza convocata da Biden a margine del vertice G20 a Bali e sono state condivise nella riunione degli ambasciatori della Nato a Bruxelles.

  • Belgio, probabile esplosione di un missile difesa ucraino

    L’esplosione che ha ucciso due persone nella Polonia orientale è stata “il risultato dei sistemi di difesa aerea ucraini, utilizzati per contrastare i missili russi”. Lo ha affermato la ministra della Difesa belga, Ludivine Dedonder, secondo quanto riportato dai media locali. “Le indagini proseguono, al momento non c’è nulla che indichi che si tratti di un attacco deliberato”, ha aggiunto la ministra in un comunicato.

  • Mosca: “In Ucraina raid solo su obiettivi militari”

    I bombardamenti sull’Ucraina sono stati mirati tutti contro obiettivi direttamente o indirettamente legati alle infrastrutture militari, ha affermato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, citato dall’agenzia Tass. Il ministero della Difesa aveva già affermato che la distruzione di aree residenziali a Kiev è stata provocata da missili terra-aria dei sistemi di difesa “ucraini e stranieri”.

    Peskov ha poi aggiunto che i polacchi avrebbero potuto riferire immediatamente che il razzo caduto sul loro territorio non aveva nulla a che fare con la Russia. Lo riporta la Tass. “Abbiamo assistito a un’altra reazione isterica e ferocemente russofoba, non basata su alcun dato reale. In effetti, i rappresentanti di alto livello di vari Paesi hanno rilasciato dichiarazioni senza avere idea di cosa fosse successo esattamente”, ha sottolineato Peskov.

  • Mosca, missile caduto in Polonia è S-300 ucraino

    Esperti russi hanno identificato i frammenti di razzo visibili in immagini relative all’esplosione avvenuta in Polonia come elementi di un S-300 ucraino. Lo riferisce il ministero della Difesa della Russia, citato dall’agenzia di stampa russa Ria Novosti. “Le dichiarazioni di varie fonti ucraine e di funzionari stranieri sulla presunta caduta di ’missili russi’ nel villaggio di Przewodów sono una provocazione deliberata con l’obiettivo di far degenerare la situazione”, ha aggiunto il ministero.

    Ucraina, Slovacchia fornisce sistema di difesa S-300 a Kiev
  • In corso riunione ambasciatori Nato, Polonia valuta art. 4

    È in corso la riunione degli ambasciatori delle 30 nazioni della Nato a Bruxelles per indagare sul missile caduto in Polonia, uccidendo due persone vicino al confine orientale del Paese con l’Ucraina. Per l’Italia è presente il rappresentante permanente aggiunto, Fabio Rugge, visto che il rappresentante permanente, Francesco Maria Talò, è tornato a Roma per svolgere il ruolo di consigliere diplomatico della premier Giorgia Meloni.
    La Polonia ha affermato che sta valutando la possibilità di richiedere consultazioni di emergenza ai sensi dell’articolo 4 del trattato istitutivo della Nato, che prevede tali colloqui se uno dei 30 alleati ritiene che il suo territorio possa essere minacciato. Ma la riunione di oggi non sembrava essere una consultazione ai sensi dell’articolo 4.

    Bandiere dei Paesi membri davanti alla sede centrale della Nato a Bruxelles, Belgio, 16 novembre 2022 (foto Reuters/Herman)

  • Cremlino: “Nulla a che fare” col missile in Polonia, bene la ”moderazione! Usa

    La Russia non ha “nulla a che fare” con il missile caduto in Polonia. Lo afferma il Cremlino precisando che si tratta di un S-300 ucraino. Il Cremlino, inoltre accoglie con favore “la moderazione” della reazione americana. “In questo caso, dobbiamo notare la reazione misurata e più professionale della parte americana”, ha detto alla stampa il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, denunciando “l’isteria” di “alti funzionari di diversi Paesi”. “La Russia non ha nulla a che fare con l’incidente accaduto in Polonia”, ha aggiunto.

  • Sánchez, raid di ieri sull’Ucraina sono anche crimini di guerra

    Con i raid missilistici di ieri da parte della Russia sull’ Ucraina sono stati lanciati attacchi anche “alla società civile”, azioni che rappresentano “crimini di guerra” che “non possono rimanere impuni”: lo ha detto il premier spagnolo, Pedro Sánchez, in conferenza stampa dopo il G20 di Bali.

    Nel suo intervento, Sánchez ha anche sottolineato che nella dichiarazione congiunta diramata dopo questo meeting internazionale “c’è stato un appello maggioritario per la fine della guerra” e un “appello unanime di condanna a qualsiasi tipo di uso o di minaccia di uso di armi nucleari”. Riguardo all’esplosione in un villaggio polacco alla frontiera con l’Ucraina, il premier spagnolo ha sostenuto che “bisogna essere molto prudenti e attendere i risultati delle indagini”.

    lI premier spagnolo, Pedro Sánchez (Ansa)

  • Papa: evitare ogni escalation, ora cessate il fuoco

    “Ho appreso con dolore con preoccupazione la notizia di un nuovo e ancor più forte attacco missilistico sull’ Ucraina che ha causato morti e danni a molte infrastrutture civili. Preghiamo affinché il Signore converta i cuori di chi ancora punta sulla guerra e faccia prevalere per la martoriata Ucraina il desiderio di pace, per evitare ogni escalation e aprire la strada al cessate il fuoco e al dialogo”. Lo ha affermato Papa Francesco al termine dell’udienza generale.

    Papa Francesco (Ansa)

  • Kiev torna a chiedere «no fly zone»

    L’ Ucraina torna a chiedere l’imposizione di una ’no fly zone’ sul territorio del Paese dopo l’esplosione di due missili in territorio polacco. “Chiedevamo di chiudere i cieli perché non ha confini. Non per missili fuori controllo. Non per la minaccia che questi provocano per i vicini dell’Ue e della Nato. E’ una realtà che avevamo denunciato”, ha scritto il ministro della Difesa, Oleksii Resnikov.

    Putin: no fly zone su Ucraina sarebbe "partecipare alla guerra"
  • Wp, direttore Cia Burns ha incontrato ieri Zelensky

    Il direttore della Cia, William J. Burns, ha incontrato ieri il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky , a Kiev, riaffermando il sostegno degli Stati Uniti all’Ucraina. Lo rivela il Washington Post, citando un anonimo funzionario americano. A Kiev, Burns, che il giorno prima aveva incontrato ad Ankara il suo omologo russo, “ha rafforzato l’impegno degli Stati Uniti a fornire sostegno all’Ucraina nella sua lotta contro l’aggressione russa”, ha affermato il funzionario. Il direttore della CIA era al sicuro all’interno dell’ambasciata degli Stati Uniti durante gli attacchi missilistici, ha osservato il funzionario.

    Il direttore della Cia, William J. Burns

  • Scholz, aspettare inchiesta su Polonia, restare oggettivi

    Sui missili esplosi in Polonia “va atteso il risultato dell’inchiesta”. Lo ha detto il cancelliere tedesco Olaf Scholz, parlando alla fine del vertice del G20 a Bali. Secondo il Bundeskanzler, è stato “giusto e importante che oggi ci sia stato un incontro veloce dei Paesi Nato qui”. “È importante che abbiamo chiarito che tutto questo non sarebbe successo se la Russia non portasse avanti la guerra all’Ucraina e senza la forte offensiva contro le infrastrutture. Ma bisogna rimanere oggettivi”, ha concluso il cancelliere.

    Il cancelliere tedesco Olaf Scholz,(Ansa)

  • Kuleba: prematuro fare commenti, attendiamo conclusioni indagini

    “Non abbiamo nulla di nuovo da annunciare perché stiamo aspettando la conclusione dell’inchiesta. Una volta concluse le indagini, aggiorneremo la nostra dichiarazione. E’ prematuro commentare prima della fine dell’inchiesta. Abbiamo visto le dichiarazioni di Biden”. Così il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba , ha risposto al Financial Times in merito a quanto accaduto in Polonia.

    Ucraina: "La guerra continua, Russia ammassa armi e coscritti"
  • Allarme antiaereo in quasi tutta l’Ucraina

    Stamattina le autorità ucraine hanno annunciato un’allerta aerea su quasi tutto il territorio dell’Ucraina. Lo riferiscono i media ucraini aggiungendo che dalle 09:50 le sirene di allarme suonano in tutta l’ Ucraina continentale dopo il lancio di 100 missili russi caduti ieri sul Paese.

    Zelensky al G20: ecco le condizioni dell'Ucraina per la pace
  • Zelensky a G20: missile su Polonia sono messaggio a summit

    Il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky , in un nuovo discorso video trasmesso oggi al G20 di Bali, ha detto che l’attacco missilistico finito in Polonia costituisce “un autentico messaggio della Russia al G20”, secondo una copia del discorso visionata dall’Afp.

    Ucraina, Putin: "Occidente vuole riscrivere la storia"
  • Cina invita a calma su missile caduto in Polonia

    La Cina invita “tutte le parti alla calma” a seguito del missile caduto in Polonia , nell’ambito della guerra in corso in Ucraina. Lo ha detto la portavoce del ministero degli Esteri Mao Ning.

    Ucraina, soldati riabbracciano le proprie famiglie
  • Media, per Biden indicazioni che missile Polonia sia ucraino

    Ci sono indicazioni secondo cui il missile che ha colpito la Polonia sarebbe un missile antiaereo dell’Ucraina che era stato lanciato contro i missili russi. È quanto avrebbe detto il presidente Usa, Joe Biden, durante un incontro con i leader del G7 a Bali, secondo informazioni dell’agenzia di stampa dpa rilanciate dalla stampa tedesca. Biden avrebbe anche parlato di un missile del sistema S-300.

    Ucraina, pressing Usa su Zelensky per aprire a negoziati
  • Mosca: dall’Ucraina una classica provocazione

    “Una classica provocazione” del “regime di Kiev che sogna di provocare uno scontro militare diretto fra la Nato e la Russia per salvare l’Ucraina dall’inevitabile sconfitta”. Così, in un tweet, il vice rappresentante permanente russo alle Nazioni Unite, Dmitry Polyansky, ha definito le accuse rivolte a Mosca dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky per i missili caduti in Polonia.

    La Russia ha bombardato di nuovo Kiev, bombe anche su Leopoli
  • Cnn: la Nato ha tracciato missile caduto in Polonia

    Un aereo della Nato che volava sopra lo spazio aereo polacco martedì ha tracciato il missile caduto in Polonia. Lo riferisce la Cnn citando un funzionario della Nato. “Le informazioni con le tracce radar (del missile ndr.) è stata fornita alla Nato e alla Polonia”, ha aggiunto il funzionario militare dell’Alleanza. La Cnn sottolinea che dall’inizio dell’invasione russa gli aerei della Nato effettuano una regolare sorveglianza intorno all’ Ucraina e che l’aereo che volava sopra la Polonia martedì stava monitorando gli eventi in Ucraina. La fonte Nato citata dall’emittente non ha precisato chi abbia lanciato il missile tracciato, né da dove sia stato lanciato.

    Stoltenberg: "Non commettere l'errore di sottovalutare la Russia"
  • Erdogan, accusare Russia ora per missile Polonia aumenta solo tensioni

    Accusare la Russia dopo aver scoperto che i missili caduti in Polonia non sono russi aumenterà ulteriormente le tensioni, ha affermato il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan, citato dall’agenzia Anadolou. “Rispetto la dichiarazione russa relativa all’incidente missilistico in Polonia”, ha aggiunto.

    G20 Bali, Meloni incontra il Presidente turco Erdogan. La stretta di mano tra i due
  • Von der Leyen, G7-Nato uniti per Ucraina, sostegno a Polonia

    Nel vertice di stamattina a Bali tra i Paesi G7 e Nato, a margine del G20, “abbiamo espresso sostegno e solidarietà a chi soffre per il barbarico attacco all’Ucraina, Mentre ci stiamo incontrando al G20, mentre stiamo chiedendo la fine della guerra, la Russia compie massicci attacchi missilistici contro l’ Ucraina . Deliberatamente la Russia attacca città e infrastrutture civili lasciando senza acqua, elettricità e cibo bambini, donne e uomini. Noi tutti condanniamo questa brutale aggressione”.

    Così la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen. “Abbiamo discusso anche dell’esplosione in Polonia, offrendo pieno supporto e assistenza alla Polonia per l’indagine in corso e rimarremo in stretto contatto con i nostri partner per i passi successivi. Staremo con l’Ucraina fino a quando sarà necessario, e resteremo uniti”, ha concluso von der Leyen.

    Ursula von der Leyen al Parlamento Ue indossa i colori della bandiera ucraina
  • Comunicato finale G20, maggioranza membri condanna guerra

    “La maggioranza dei membri del G2O condanna la guerra in Ucraina ”. Lo si legge nel comunicato finale del summit. Il testo non è stato cambiato e rispecchia la bozza di ieri.

    Biden: "Usciremo da crisi più forti di prima"
  • Biden: Improbabile che missile sparato dal territorio russo

    C’è un’indagine “in corso” per stabilire “esattamente” cosa è accaduto in Polonia . Lo ha detto Bali il presidente Joe Biden, aggiungendo che gli Alleati “determineranno cosa fare”. Ma, ha aggiunto Biden rispondendo ad una domanda, “è imrobabile” che il missile che ha colpito la Polonia sia stato lanciato dal territorio russo.

    Polonia, Zelensky: "Avevamo avvertito, il terrore non è solo nei nostri confini"
  • Riunione urgente G7 a Bali dopo missili Polonia

    Nell'ambito del G20 in corso a Bali, a quanto si apprende, si starebbe organizzando una riunione urgente del G7 a seguito dei missili che hanno colpito la Polonia provocando due morti nel villaggio polacco di Przewodov, a pochi chilometri dal confine ucraino. Alla riunione chiesta dagli Stati Uniti partecipa anche l'Unione europea con la presidente Ursula Von der Leyen, presente in Indonesia. Il summit dei Grandi della Terra, in conseguenza degli eventi, ha quindi subito uno stravolgimento dell'agenda dei lavori.

    Polonia, Pentagono: "Difenderemo ogni centimetro del territorio Nato"
  • Premier polacco Morawiecki a cittadini, mantenere la calma

    Il premier polacco Mateusz Morawiecki ha invitato i cittadini “a mantenere la calma”, dopo la caduta di missili russi in territorio polacco e la morte di due persone. “Stiamo attenti. Non lasciamoci manipolare. Dobbiamo esercitare moderazione e prudenza”, ha sottolineato. “Faccio appello anche a tutta la classe politica alla moderazione e alla responsabilità. In questi momenti difficili, dobbiamo mostrare ai polacchi l’unità e comprendere la ragion di stato”, ha aggiunto.

    Polonia, Col. Florio (Nato Air Policing): così difendiamo i cieli
  • Polonia conferma, missile caduto di fabbricazione russa’

    “Un missile di fabbricazione russa” è finito sul suo territorio polacco, uccidendo due persone. Lo rende noto il ministero degli Esteri di Varsavia .

    Ucraina, Zelensky: "Russi bombardano le infrastrutture energetiche"
  • Consiglio Europa condanna missili, sostegno a Polonia e Kiev

    “Condanno con la massima fermezza gli attacchi missilistici indiscriminati che hanno colpito l’ Ucraina e la Polonia. A nome del Consiglio d’Europa, esprimo le mie condoglianze e il mio pieno sostegno a entrambi i paesi. Lo spargimento di sangue deve finire immediatamente. Abbiamo bisogno di pace e sicurezza per tornare nel nostro continente”. Lo scrive su Twitter la Segretaria generale del Consiglio d’Europa, Marija Pejcinovic Buric.

    Zelensky: "No a Minsk 3, Russia deve pagare per quello che ha fatto"
  • Biden a Duda, pieno sostegno Usa per indagini per stabilire passi appropriati

    Nel colloquio telefonico con il presidente polacco Andrzej Duda, Joe Biden ha espresso “le profonde condoglianze per la perdita di vite umane nell’est della Polonia” ed “ha offerto il pieno sostegno ed aiuto degli Stati Uniti per l’indagine polacca” sui missili caduti sul suo territorio. Lo rende noto la Casa Bianca, sottolineando che il presidente polacco “ha descritto la valutazione in corso dell’esplosione avvenuta vicino al confine con l’ Ucraina ”. Biden ha poi “riaffermato il ferreo impegno degli Usa per la Nato”. E i due leader hanno convenuto “che, insieme ai loro team, si terranno in stretto contatto per determinare i passi appropriati mentre l’inchiesta procede”.

    La Russia ha bombardato di nuovo Kiev, bombe anche su Leopoli

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti