ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùEuropa

Ucraina, ultime notizie. Più di mille missili contro i tralicci. Kiev, russi piazzano lanciarazzi in centrale Zaporizhzhia

L’esercito russo ha lanciato più di mille missili e razzi negli ultimi 8 attacchi contro le strutture energetiche ucraine. Lo afferma il presidente dell’azienda elettrica Ukrenergo Kudrytsky, secondo il quale «questi attacchi rappresentano il più grande colpo alla rete elettrica che l’umanità abbia mai visto». Altri 9 civili morti nei bombardamenti russi nella regione del Donetsk. Fino a 10 bombardieri Tu-22M sono scomparsi dalla base aerea russa di Dyagilevo, a sud-est di Mosca, una delle due colpite lunedì dai droni ucraini. L’Ucraina avrebbe chiesto agli Stati Uniti munizioni a grappolo che sono vietate in più di 100 paesi ma che la Russia continua a usare con devastanti effetti in Ucraina

Time incorona Volodymyr Zelensky "persona dell'anno" 2022
  • Usa, scambio detenuti con Russia non muta impegno per Kiev

    Lo scambio di prigionieri con la Russia non cambierà l’impegno Usa verso il popolo ucraino: lo ha detto la portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre.

  • Kiev, a lavoro con Aiea per zona sicurezza centrale Zaporizhzhia

    Il ministro degli Esteri ucraino, Dmtryo Kuleba, ha affermato che il suo governo sta lavorando con l’Aiea per creare una zona di sicurezza attorno alla centrale nucleare russa di Zaporizhzhia. «Rimaniamo in stretto contatto con Rafael» Grossi, il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, ha detto Kuleba in una conferenza stampa congiunta a Kiev con il suo omologo slovacco, Rastislav Káčer.

    «Naturalmente, siamo tutti interessati a garantire che tutte le centrali nucleari, non solo la centrale nucleare di Zaporizhzhia, siano sicure. Questo è estremamente difficile da raggiungere senza fermare gli attacchi missilistici russi sul territorio dell’Ucraina, ma stiamo andando avanti passo dopo passo con comprensione reciproca con l’Aiea. C’è una regola in diplomazia, secondo cui nulla è concordato finché tutto non è concordato».

    Le parole di Kuleba giungono dopo che la società statale ucraina di energia nucleare Energoatom ha affermato che la Russia ha collocato diversi lanciarazzi Grad nel sito della centrale di Zaporizhzhia, accanto alle unità di stoccaggio del combustibile nucleare esaurito vicino al sesto reattore dell’impianto

  • Ergastolo per chi aiuta sabotatori, disegno di legge a Duma Russia

    Un disegno di legge per condanne all'ergastolo per chi è giudicato colpevole di aver aiutato sabotatori è stato introdotto alla Duma da un gruppo di deputati, incluso il Presidente della Camera, Vyacheslav Volodin.

  • Ue, non riconosciamo visti russi rilasciati in zone occupate

    Oggi il Consiglio dell'Ue ha adottato una decisione sulla non accettazione dei documenti di viaggio russi rilasciati in Ucraina e Georgia. I documenti di viaggio russi rilasciati in, o a persone residenti in, regioni occupate dalla Russia in Ucraina o territori separatisti in Georgia non saranno accettati come documenti di viaggio validi per ottenere un visto o attraversare i confini dell'area Schengen.

  • Kiev, Mosca scommette su attacchi a energia e minaccia nucleare

    Il Cremlino “scommette” sugli attacchi “genocidi” al sistema energetico e sulle “intimidazioni nucleari” per questo inverno, secondo il capo dell'ufficio presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak. “La classica triade di Putin, ovvero le scommesse del Cremlino per questo inverno: 1. Attacchi energetici genocidi per lasciare milioni di persone senza elettricità e provocare un'ondata di profughi. 2. Una campagna informativa sulla necessità di un cessate il fuoco per porre fine alle sofferenze. 3. Intimidazione nucleare in caso di sconfitta”, ha scritto Podolyak su Twitter.

    Vladimir Putin (Epa)

  • Kiev, esplosioni in base aerea di Berdiansk occupata dai russi

    Esplosioni sono state udite alla base aerea di Berdiansk, occupata dai russi, nella regione ucraina di Zaporizhzhia. Lo riferisce un tweet di Nexta che cita la presidente dell'amministrazione militare della città sulla costa del Mar d'Azov, Victoria Galitsina. “Tre potenti esplosioni si sono verificate nella base aerea di Berdyansk occupata, seguite da altre 15 esplosioni più piccole”, si legge nel tweet. L'Unian scrive che secondo le informazioni disponibili, ciò ha causato un incendio su larga scala e sono accorse sul posto quasi tutte le ambulanze e i vigili del fuoco della città. Secondo il Guardian, non sono state segnalate vittime.

  • Kiev, russi piazzano lanciarazzi in centrale Zaporizhzhia

    Le forze russe hanno collocato i sistemi lanciarazzi Grad sul territorio della centrale nucleare di Zaporizhzhia, accanto alle unità di stoccaggio del combustibile nucleare esaurito vicino al sesto reattore della centrale. Lo ha riferito l'operatore statale di energia nucleare ucraino Energoatom, citato da Kyiv Independent. Secondo Energoatom, i Grad saranno probabilmente usati per colpire le città di Nikopol e Marhanets sul lato opposto del fiume Dnipro, utilizzando il reattore e l'edificio di stoccaggio del combustibile come “rifugio” dal fuoco di ritorno.

  • Papa si commuove mentre invoca la pace ai piedi dell'Immacolata

    Papa Francesco si è visibilmente commosso e, la voce rotta dall'emozione, ha dovuto per alcuni istanti interrompere la sua preghiera all'Immacolata mentre invocava la pace per l'Ucraina ai piedi della Statua mariana in Piazza di Spagna. La folla dei fedeli, in quel momento, ha calorosamente applaudito il Pontefice. “Si, è un grande dolore. Grande. Una sconfitta per l'umanità to Bergoglio in un saluto ai media in piazza di Spagna -. Preghiamo”.

    La commozione di Papa Francesco durante la celebrazione in Piazza di Spagna, a Roma (REUTERS/Yara Nardi)


  • Cremlino: Russia “deve ancora liberare” est e sud dell'Ucraina

    Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha affermato che la Russia è ancora intenzionata a conquistare parti dell'Ucraina orientale e meridionale che il presidente Vladimir Putin ha rivendicato come russe. Lo riporta il Guardian. A una domanda se la Russia avesse in programma di incorporare altri territori oltre le quattro regioni di Kherson, Zaporizhzhia, Donetsk e Lugansk - annesse dopo aver indetto falsi referendum per rivendicare quei territori - Peskov ha indicato che “non ci sono piani del genere. Almeno, non ci sono state dichiarazioni al riguardo. Ma c'è comunque molto lavoro da fare per liberare i territori; in un certo numero di nuove regioni della Federazione Russa ci sono territori occupati che devono essere liberati”.

  • Karkiv, albero di Natale nella metro: «Così non sarà colpito»

    «A Karkiv quest’anno l’albero di Natale della città è stato installato in una stazione della metropolitana, dove non sarà colpito dall’artiglieria russa o dai missili. Le feste stanno arrivando, nonostante tutto», ha twittato il ministero della Difesa ucraina postando la foto dell’albero di Natale nella metro.

  • Putin: continueremo a colpire le reti elettriche ucraine

    Il presidente Vladimir Putin ha affermato che la Russia continuerà a colpire le infrastrutture energetiche ucraine. «Adesso c’è molto rumore sui nostri attacchi alle infrastrutture energetiche» dell’Ucraina, «sì, lo stiamo facendo, ma chi ha iniziato? Chi ha colpito il ponte della Crimea? Chi ha fatto saltare le linee elettriche della centrale nucleare di Kursk? Chi non fornisce acqua a Donetsk? Una città con una popolazione di un milione di abitanti è un atto di genocidio. Nessuno ne ha parlato da nessuna parte. In generale. Silenzio assoluto».

    Russia, il presidente Putin premia alcuni militari
  • La cestista americana Brittney Griner liberata in uno scambio di prigionieri. Biden: ci ho parlato

    Brittney Griner, la cestista americana detenuta da mesi in Russia, è stata liberata nell’ambito di uno scambio di prigionieri con il trafficante di armi Viktor Bout all’aeroporto di Abu Dhabi. Lo riporta Cbs citando un funzionario dell’amministrazione. «Pochi minuti fa - ha detto il presidente Usa Joe Biden - ho parlato con Brittney Griner. Sta bene. È sull’aereo. È sulla via di casa».

    Cherelle Griner alla Casa Bianca parla ai giornalisti del rilascio di sua moglie, Brittney Griner, la cestista americana detenuta da mesi in Russia.(REUTERS/Jonathan Ernst)


  • Metsola presenta al Pe il gruppo elettrogeno diretto a Kiev

    La presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, assieme al ministro degli interi belga Annelies Verlinden, ha presentato davanti agli edifici dell'Eurocamera un gruppo elettrogeno donato all'Ucraina dalla città di Bruxelles. Il gruppo elettrogeno arriverà in Ucraina - trasportato su strada - grazie all'iniziativa 'Generatori di speranza', promossa dall'Eurocamera assieme a Eurocities.

    La presidente Roberta Metsola (Reuters)

  • Zelensky, speranza che la guerra finisca il prossimo anno

    Dopo essere stato nominato persona più influente dell'anno, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha registrato un videomessaggio di ringraziamento per Politico e ha espresso la speranza che la fine della guerra arrivi il prossimo anno: “Credo che gli ucraini saranno i più influenti anche il prossimo anno, ma in pace”.

    Time incorona Volodymyr Zelensky "persona dell'anno" 2022
  • Kiev, “forze russe costringono residenti Zaporizhzhia ad arruolarsi”

    Le forze russe costringono i residenti della regione ucraina occupata di Zaporizhzhia ad arruolarsi e combattere al loro fianco per sostituire i militari russi uccisi, denuncia lo stato maggiore ucraino. Gli uomini in età di leva sono stati convocati dalle autorità di occupazione a Melitopol.

    Ucraina, Zelensky: "Raid russi hanno ucciso dieci persone"
  • Papa, con l'aiuto di Dio la pace è possibile

    Oggi pomeriggio mi recherò a Santa Maria Maggiore, a pregare la Salus Populi Romani, e subito a Piazza di Spagna, per compiere il tradizionale atto di omaggio e di preghiera ai piedi del monumento all'Immacolata”, ha detto papa Francesco all'Angelus. “Vi chiedo di unirvi spiritualmente a me in questo gesto - ha proseguito - che esprime la devozione filiale alla nostra Madre, alla cui intercessione affidiamo il desiderio universale di pace, in particolare per la martoriata Ucraina che soffre tanto”. “Penso alle parole dell'Angelo alla Vergine - ha detto ancora il Pontefice -: 'nulla è impossibile a Dio'. Con l'aiuto di Dio la pace è possibile! Il disarmo è possibile!. Ma Dio vuole la nostra buona volontà”. “Ci aiuti la Madonna a convertirci ai disegni di Dio”, ha concluso.

    Papa Francesco (ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

  • Cavi gelati e danni alla rete, estesi blackout in Ucraina

    Si complica la situazione della distribuzione di corrente elettrica in Ucraina a causa delle condizioni meteo: specie in molte regioni dell'ovest il gelo, la pioggia con neve e le forti raffiche di vento stanno causando la formazione di ghiaccio e il danneggiamento dei cavi elettrici. Lo comunica su Twitter l'operatore Ukrenergo spiegando che c'è “una significativa carenza di elettricità nel sistema e in mattinata in diverse regioni sono in corso blackout di emergenza”. La situazione più difficile rimane nelle regioni orientali colpite con un massiccio fuoco di artiglieria dai russi, scrive Ukrenergo.

    PER APPROFONDIRE / La guerra dei blackout: così la Russia ha spento luce e riscaldamento in Ucraina

    Guerra in Ucraina tra blackout e freddo
  • Esercito Kiev, morti in battaglia 93mila soldati russi

    Secondo lo Stato maggiore delle forze armate ucraine, l'esercito russo ha perso in combattimento approssimativamente 93mila e 80 soldati, di cui 340 sono rimasti uccisi nelle ultime 24 ore.

    Soldati ucraini sulla linea del fronte nel Donbas (Afp Pictures of the year 2022)

  • Cremlino ammette rischi per la sicurezza in Crimea

    Il Cremlino afferma che i rischi per la sicurezza in Crimea e a Sebastopoli persistono, ma sono in corso misure per combattere gli attacchi terroristici ucraini. Lo riporta la Tass che sempre, secondo il Cremlino, sostiene che il conflitto in Ucraina “potrebbe finire domani”, se ci fosse la volontà politica di Kiev.

    Sebastopoli (Ansa)

  • Borrell, alla Ue mancano capacità critiche nella Difesa

    “All’Unione Europea mancano capacità critiche nel settore della Difesa”. Lo ha detto l’Alto rappresentante per la politica estera e di difesa Ue Josep Borrell presentando il rapporto annuale della European Defence Agency. “Le capacità dipendono dal livello di minaccia e lo scenario è cambiato dopo la guerra in Ucraina”, ha sottolineato. “Stiamo affrontando vere minacce, che ci piaccia o no, e probabilmente peggioreranno: non voglio fare la Cassandra ma questa è la realtà”, ha aggiunto. “Dobbiamo evitare gli errori del passato, compensare anni di sotto investimenti e aumentare la quota di acquisti comuni a livello europeo”.

    L’Alto rappresentante per la politica estera e di difesa Ue Josep Borrell (Ansa)

  • Londra, Russia ha trincea continua di 60 km da Svatove al confine

    La Russia ha costruito un sistema di trincee quasi continuo lungo i 60 chilometri che portano da Svatove, nella regione occupata di Luhansk, a nord della città di Luhansk, fino al confine russo, rende noto il ministero della Difesa britannico nel suo bollettino quotidiano di aggiornamento sulla guerra. Non è chiaro però quanto siano profonde tali trincee. Vicino a Svatove sono dispiegate truppe di elite della prima armata corazzata delle guardie che tuttavia ha subito pesanti perdite, anche durante la ritirata da Kharkiv lo scorso settembre. “Ora è stata parzialmente rinforzata con riservisti mobilitati anche se rimane ben al di soto delle 25mila unità”, si precisa.

    AmCham, Zappia: politica diversificazione energetica è efficace
  • Onu, esecuzione di 441 civili ucraini in prime 6 settimane guerra

    Secondo i risultati del lavoro della Missione di monitoraggio delle Nazioni Unite, è stata documentata ’l’esecuzione arbitraria’ di 441 civili (341 uomini, 72 donne, 20 ragazzi e 8 ragazze) nelle regioni di Kyiv, Chernihiv e Sumy durante le prime 6 settimane dell’invasione russa. Ed è stato sottolineato che è probabile che i numeri reali siano molto più alti, poiché il lavoro continua per confermare ulteriori 198 omicidi avvenuti nelle tre regioni quando erano occupate dai russi.

    Il rapporto sottolineava che l’uccisione di civili non era limitata ad aree specifiche, sebbene alcune fossero state colpite più di altre. Ad esempio, nella città di Bucha , regione di Kiev, che è stata sotto il controllo delle forze russe dal 5 al 30 marzo, la missione ha documentato gli omicidi di 73 civili (54 uomini, 16 donne, 2 ragazzi e 1 ragazza) e continua a lavorare per confermare altri 105 presunti omicidi. Le esecuzioni arbitrarie erano spesso precedute da ispezioni da parte dei russi.

    Un semplice messaggio, un elemento di abbigliamento mimetico o un’esperienza militare potevano avere conseguenze fatali. Uomini e adolescenti rappresentano l’88% delle vittime di esecuzioni arbitrarie. Il rapporto rileva che sebbene siano passati molti mesi dalla denuncia dei primi omicidi, resta ancora molto da fare per consegnare i responsabili alla giustizia. Allo stesso tempo, le Nazioni Unite non hanno trovato alcun dato sul fatto che le autorità russe stiano indagando sulle esecuzioni di civili ucraini.

    La sede delle Nazioni Unite a New York (Ansa)

  • Kiev, da inizio guerra uccisi più di 93mila militari russi

    Più di 93mila militari russi sono morti in Ucraina dall’inizio della guerra lo scorso 24 febbraio, ha annunciato lo stato maggiore ucraino in un post su Facebook. In queste ore, le forze russe hanno perso due carri armati, due mezzi da combattimento corazzati, e due sistemi d’artiglieria. Sono inoltre stati abbattuti due droni usati per gli attacchi contro le infrastrutture civili.

    Ucraina, Papa: "Si ripete storia di sterminio ebrei"
  • A Bakhmut i combattimenti più feroci

    “I combattimenti più feroci con le truppe russe sono a Bakhmut, nel Donetsk . Ringrazio tutti i nostri ragazzi che si scontrano con il nemico proprio lì, ogni giorno, ogni notte, ogni ora”, ha detto in un video messaggio il presidente ucraino Zelensky dopo una riunione con lo Stato Maggiore dell’esercito per fare il punto sulla situazione sul campo.

    Russia, Putin al volante attraversa il ponte in Crimea
  • Continuano i blackout a Kiev e dintorni

    Le autorità ucraine hanno riferito oggi che nella capitale Kiev e nei suoi dintorni sono state nuovamente registrate interruzioni diffuse dell’alimentazione elettrica, una misura che hanno definito “necessaria” per cercare di riparare la rete ed evitare incidenti. L’azienda energetica Dtek ha esortato la popolazione a rimanere “tranquilla e calma” mentre i lavoratori cercano di “fare tutto il possibile per riparare i danni” causati dagli attacchi russi sul territorio, secondo quanto riferisce l’agenzia Ukrinform.

    L’attacco russo del 23 novembre ha provocato il black out di tutte le centrali nucleari della zona, e della maggior parte di quelle termiche e idroelettriche. Le forze russe, infatti, hanno come obiettivo principale della loro offensiva le strutture energetiche del Paese, soprattutto nei bombardamenti effettuati dall’inizio di ottobre. Da allora il governo ucraino ha deciso di introdurre interruzioni di corrente programmate per riparare le strutture. Il presidente della compagnia energetica statale ucraina, Volodimir Kudritski, ha spiegato che il paese sarà in grado di riprendere il suo programma di interruzioni di corrente programmate questa settimana se non ci saranno più bombardamenti.

    Ucraina, Zelensky celebra la Giornata delle forze armate
  • Drone abbattuto su Sebastopoli, in Crimea

    Questa mattina un drone è stato abbattuto sopra la città di Sebastopoli in Crimea: secondo il report dei media ucraini ci sono state esplosioni e il velivolo senza pilota è stato distrutto. Il sindaco della città ha annunciato su Telegram che un drone è stato colpito, riferisce Unian.

    Ansa

  • Ue, Croazia, Bulgaria e Romania sono pronti per Schengen

    “Croazia, Bulgaria e Romania sono tecnicamente pronti a entrare in Schengen, hanno fatto tutto quello che abbiamo chiesto loro e anche di più: i dubbi rimanenti sono di natura politica. Spero quindi che il buon senso prevalga”. Lo ha detto Margaritis Schinas, vice presidente della Commissione Ue, arrivando al Consiglio Affari Interni. “L’Ue è più forte se si allarga Schengen, vuol dire più controllo non meno. Croazia, Bulgaria e Romania sono pronti a proteggere le nostre frontiere, è ingiusto non dare loro l’opportunità che meritano, se non oggi nei prossimi giorni”.

    Margaritis Schinas, vice presidente della Commissione Ue (Ansa)

  • Croce rossa ottiene accesso a prigionieri guerra ucraini e russi

    Il Comitato internazionale della Croce Rossa ( Cicr ) ha annunciato oggi di aver recentemente ottenuto l’accesso ai prigionieri di guerra ucraini e russi, visite che in precedenza erano state estremamente limitate e sporadiche. “La scorsa settimana il Cicr ha effettuato una visita di due giorni ai prigionieri di guerra ucraini. Questa settimana si svolgerà un’altra visita. Nello stesso periodo sono state effettuate visite anche ai prigionieri di guerra russi. Altre sono previste entro la fine del mese”, si legge in una nota del Cicr.

    Ansa

  • Kiev, mille missili e razzi russi su strutture elettriche

    L’esercito russo ha lanciato più di mille missili e razzi negli ultimi 8 attacchi contro le strutture energetiche ucraine, afferma il presidente dell’azienda elettrica ucraina Ukrenergo Volodymyr Kudrytsky, come riporta Interfax Ukraine. “Questi attacchi rappresentano il più grande colpo alla rete elettrica che l’umanità abbia mai visto. Più di 1.000 proiettili e missili sono stati lanciati contro le linee elettrichee causando gravi danni all’Ucraina”, ha affermato. “Nonostante abbiamo perso dal 25% al 30% dei consumi rispetto al periodo prebellico, la carenza di capacità di generare corrente è maggiore e grave”, ha aggiunto.

    Ansa

  • Putin: Rischio guerra nucleare, ma non attaccheremo per primi

    ll presidente russo Vladimir Putin ha affermato che la minaccia di una guerra nucleare è in aumento, ma che la Russia non sarà la prima ad attaccare. Putin, in un incontro con il consiglio per i diritti umani da lui stesso nominato, ha anche insistito che le armi nucleari russe servono esclusivamente per proteggere il Paese e i suoi alleati.

    La strategia militare della Russia, ha detto il leader del Cremlino, prevede l’uso di armi di distruzione di massa ma soltanto in risposta a un attacco. “Ciò significa che se viene lanciato un attacco contro di noi, noi risponderemo”, ha detto Putin, sottolineando che la Russia vede le armi nucleari come un “deterrente naturale”. “Siamo sani di mente e consapevoli di cosa siano le armi nucleari”, ha aggiunto, come citato dall’agenzia di stampa statale Tass.

    In seguito all’invasione russa dell’Ucraina, Putin ha fatto mobilitare le armi nucleari della Russia, una mossa vista come un messaggio agli Stati Uniti e ai paesi della Nato affinché rimangano ai margini della guerra. Ci sono stati anche timori che l’esercito russo potesse usare armi nucleari tattiche in Ucraina per ottenere risultati più rapidamente.

    Inoltre, l’ex presidente Dmitry Medvedev, ora vice capo del Consiglio di sicurezza nazionale di Mosca, ha più volte parlato della possibilità di una guerra nucleare. Tuttavia, Putin ha affermato durante l’incontro che il “pericolo di una guerra nucleare sta crescendo”. Nello stesso tempo ha affermato che la Russia non ha le sue “armi nucleari, comprese quelle tattiche, sui territori di altri paesi, gli americani sì - in Turchia e in altri stati in Europa”.

    Secondo il cancelliere tedesco Olaf Scholz, la Russia avrebbe smesso di minacciare il dispiegamento di armi nucleari perché “la comunità internazionale ha tracciato una linea rossa”. “Durante la mia visita a Pechino, il presidente cinese Xi e io abbiamo detto congiuntamente che le armi nucleari non devono essere usate. Poco dopo, il G20 ha ribadito questa posizione”, ha detto Scholz ai media tedeschi e al quotidiano francese Ouest-France.

    Zelensky: abbiamo abbattuto "la maggior parte" dei missili russi
  • Bombardamenti russi su Nikopol tutta la notte

    Bombardamenti russi nella regione di Dnepropetrovsk per tutta la notte: i russi hanno sparato più di 70 proiettili nella regione di Nikopol. É quanto riferisce su Telegram Nikolay Lukashuk, presidente del consiglio regionale di Dnepropetrovsk. “Ci sono state 13 ore di raid aerei a causa della minaccia di bombardamenti. 7 attacchi nemici durante la notte. Tale è stata la notte di oggi nella regione di Nikopol”, ha affermato.
    Lukashuk ha fatto sapere che i russi hanno colpito l’area con artiglieria pesante e MLRS, hanno fatto fuoco contro la stessa Nikopol, le comunità di Marganets e Chervonogrigorievsk.

    Putin: Russia userebbe arma nucleare in risposta a attacco nemico
  • Via civili da ospedali per spazio a soldati russi

    Le autorità di occupazione russe stanno dimettendo con la forza i pazienti civili dagli ospedali nella parte occupata della regione di Lugansk (est), anche se non hanno ancora terminato le cure: lo ha reso noto il Centro nazionale di resistenza dell’esercito ucraino, come riporta il Kyiv Independent. Il Centro spiega che i civili vengono cacciati per far posto ai militari russi feriti.

    Ucraina, Papa: "Si ripete storia di sterminio ebrei"
  • Droni sovietici modificati per colpire basi russe

    L’ Ucraina ha utilizzato droni di epoca sovietica modificati per colpire all’inizio di questa settimana le basi russe di Engels e Dyagilevo, a centinaia di chilometri dal suo confine: lo scrive Politico in un articolo pubblicato sulla sua edizione online. Gli attacchi, commenta il giornale, dimostrano una nuova capacità letale per un Paese che si affida per lo più ad armi importate per respingere l’avanzata russa. Secondo due persone a conoscenza dell’operazione, i droni utilizzati erano velivoli di sorveglianza Tu-141 modificati, risalenti all’era sovietica.

    Le modifiche dimostrano la capacità di innovazione dell’industria della difesa ucraina, anche se la Russia è costretta ad acquistare droni iraniani a basso costo per condurre la sua guerra aerea, scrive Politico. Gli attacchi, prosegue, indicano inoltre il grado di capacità di Kiev di colpire posizioni militari russe in profondità, anche mentre resiste alle continue raffiche di missili russi sulle infrastrutture civili: e sollevano interrogativi sulla possibilità che l’Ucraina possa continuare a lanciare attacchi simili nelle prossime settimane.

    Time incorona Volodymyr Zelensky "persona dell'anno" 2022
  • Fino a 10 bombardieri scomparsi da base aerea russa

    Fino a 10 bombardieri Tu-22M sono scomparsi dalla base aerea russa di Dyagilevo, nella regione di Ryazan a sud-est di Mosca: lo scrive su Twitter il giornalista dell’edizione russa di Radio Liberty, Mark Krutov, come riporta Ukrainska Pravda. La base di Dyagilevo è una delle due basi russe colpite lunedì dai droni ucraini. “Il Tu-22M danneggiato è scomparso, lasciando solo un’ombra sulla pista. Almeno altri 9 bombardieri Tu-22M hanno lasciato la base, così come altri aerei”, ha scritto Krutov pubblicando alcune immagini satellitari della base scattate ieri.

    Ucraina, pm al lavoro su crimini di guerra: riesumati corpi
  • Zelensky, sale e 10 bilancio morti a Kurakhove

    È salito a 10 il bilancio dei morti provocati dai bombardamenti russi di ieri nella città di Kurakhove, nella regione di Donetsk: lo ha detto ieri notte il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky , come riporta la Ukrainska Pravda. “Oggi (ieri, ndr) l’esercito russo ha attaccato Kurakhove. Ha preso di mira i civili: il mercato, le stazioni di servizio, la stazione degli autobus e gli edifici residenziali. Attualmente ci sono 10 persone sulla lista dei morti. Molti i feriti”.

    Ucraina, filorussi denunciano la morte di sei civili a Donetsk per razzi di Kiev
  • Oligarca russo sequestra migliaia ettari di terreni in Ucraina

    L’ex ministro dell’agricoltura russo Alexander Tkachev, oligarca vicino a Vladimir Putin, ha sequestrato 161.874 ettari di terreno in Ucraina poco dopo l’invasione del Paese da parte della Russia. Lo riporta il Wall Street Journal citando i tre proprietari terrieri che hanno perso i loro terreni, finiti nelle mani della società russa Agrocomplex.

    Le autorità militari di Kiev stanno indagando sul caso per accertare se ci sia stato un esproprio ai danni delle società ucraine HarvEast, Nibulon e Agroton. “La Russia sta prendendo il controllo dell’economia nei territori occupati e lo usa per guadagnare il controllo su tutta l’area”, denuncia Dmitry Skorniakov, amministratore delegato di HarvEast.

    Ucraina, scambio di 60 prigionieri fra Mosca e Kiev
  • Cnn, Ucraina ha chiesto agli Usa munizioni a grappolo

    L’ Ucraina ha chiesto agli Stati Uniti munizioni a grappolo, che sono vietate in più di 100 paesi ma che la Russia continua a usare con devastanti effetti in Ucraina. Lo riporta la Cnn citando alcune fonti, sottolineando che le autorità americane non hanno rifiutato in via definitiva la richiesta.

    Ucraina, Zelensky celebra la Giornata delle forze armate
  • Scholz, pressione mondo ha ridotto minaccia nucleare Mosca

    Il rischio che Mosca utilizzi armi nucleari nel conflitto in Ucraina è diminuito grazie alle pressioni internazionali sulla Russia : lo ha detto il cancelliere tedesco Olaf Scholz in un’intervista pubblicata oggi. “Una cosa è cambiata per il momento: la Russia ha smesso di minacciare di usare le armi nucleari”, ha detto il cancelliere in un’intervista al gruppo dei media tedesco Funke. E questa è stata una conseguenza del fatto che la comunità internazionale, compresa la Cina, “ha tracciato una linea rossa” su questo tema.

    Ucraina, Mosca: "Droni di Kiev sulla regione russa di Kursk"
  • Le notizie di ieri

    Cosa è successo il 7 dicembre 2022

    Presidio degli ucraini al teatro alla Scala prima dell'opera "Boris Godunov"

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti