ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùEuropa

Ucraina, ultime notizie. Svolta sul grano, Ucraina e Russia firmano l’accordo

L'intesa per l'esportazione del grano ucraino sarà firmata il 22 luglio a Istanbul: lo annuncia l'ufficio della presidenza della Turchia. Secondo l’agenzia atomica ucraina Energatom i russi vorrebbero «riparare» le loro armi a Zaporizhzhia. L’Ue conferma altri 500 milioni di aiuti militari a Kiev. In Portogallo oligarchi russi in fila per la cittadinanza. Intanto nel Donbass continuano i bombardamenti

Ucraina, Lavrov: "Gli obiettivi russi non si concentrano piu' solo a est"
  • Usa plaudono ad accordo Ucraina-Russia sul grano

    Gli Stati Uniti plaudono all’accordo fra la Russia e l’Ucraina sulle esportazioni di grano. Lo afferma il portavoce del Dipartimento di Stato, Ned Price. Gli Usa accolgono positivamente, mette in evidenza, qualsiasi intesa che liberi il grano ucraino.

  • Svolta sul grano, Ucraina e Russia firmano l’accordo

    Svolta nella crisi del grano ucraino: domani ad Istanbul sarà firmato quello che dovrebbe essere il primo vero accordo sui corridoi nel Mar Nero per l’esportazione di cereali dai porti dell’Ucraina. E soprattutto la prima intesa tra Mosca e Kiev dall’inizio della guerra il 24 febbraio. Non a caso sarà presente anche il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres. Ad annunciarlo è stato l’ufficio del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, grande mediatore dell’intesa, che verrà sottoscritta dalle delegazioni russa e ucraina nel sontuoso Palazzo Dolmabahce, sullo Stretto del Bosforo.

    Che l’intesa fosse nell’aria si era capito sin dall’incontro di tre giorni fa a Teheran tra Erdogan e il presidente russo Vladimir Putin, che aveva parlato di “progressi sull’esportazione di grano ucraino”, cosa che aveva definito “un buon segno”. Tuttavia, lo stesso Putin aveva sottolineato che qualsiasi accordo doveva comprendere anche le esportazioni bloccate di grano russo.

  • Zelensky, non sono in terapia intensiva, mai stato così bene

    Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha smentito le notizie che lo danno in gravi condizioni di salute, diffuse da stazioni radio ucraine dopo un attacco hacker.“Oggi la Russia ha lanciato un’altra fake news, sostenendo che il nostro stato non è guidato dal presidente Zelensky, in quanto ricoverato in ospedale, o meglio in terapia intensiva, a causa delle sue gravi condizioni. Condizioni di salute gravi. Comunque, sono in ufficio. Non mi sono mai sentito bene come adesso”, ha chiarito il presidente ucraino. “E, con tutto il rispetto per la vecchiaia, 44 non sono 70...”, ha aggiunto Zelensky, con probabile riferimento all’età del presidente russo Vladimir Putin.

  • Letta (Pd) a Bbc, sostegno a Kiev a rischio con governo destra

    “Il governo Draghi ha fatto bene durante la crisi in Ucraina, sin dall'inizio l'Italia ha preso una posizione, che il mio partito ha sostenuto con forza, pro-Ucraina e contro Putin. Spero che l'Italia continuerà in quella direzione, ma non è sicuro che andrà così” nel caso di un governo di centrodestra. Lo ha detto il segretario del Pd Enrico Letta in un'intervista alla Bbc, ricordando che “alcuni partiti nella coalizione che appoggiava Draghi hanno avuto un approccio diverso sul tema delle sanzioni e sulle armi”. In ogni caso, “combatterò per evitare” che questo accada, ha aggiunto Letta.

  • Polonia scettica su piano Ue, serve vera solidarietà

    «La Commissione europea propone un meccanismo di solidarietà sul gas perché è in gioco la sicurezza energetica di coloro che sono a corto di gas. Ci sarà lo stesso meccanismo per le tasse Ets (sistema per lo scambio delle quote di emissione dell’Ue, ndr)? Perché in Polonia questa tassa indebolisce il nostro settore energetico. Ci aspettiamo vera solidarietà».

    Lo scrive in un tweet la ministra polacca dell’Ambiente, Anna Moskwa. Il governo polacco, che ha espresso dubbi sul piano d’emergenza presentato ieri dalla Commissione europea, sostiene che l’appello di Bruxelles alla solidarietà sul gas non è controbilanciato su altre questioni, ad esempio sull’Ets. Secondo Varsavia, il sistema per lo scambio delle quote di emissione dell’Ue ha causato l’aumento del prezzo dell’energia in Polonia.

    Gli impianti di stoccaggio del gas in Polonia sono tra i più completi d’Europa, ma il Paese teme che quest’inverno vi sarà una mancanza di carbone. In Polonia il 70% dell’elettricità è generata dal carbone e il 35% delle famiglie lo usa per il riscaldamento.

  • Ministro Salute, 1.431 casi Covid, ma tanti non fanno test

    «La situazione nell’ambito della salute per il nostro Paese è complicata. Ciò a causa delle azioni belliche, della distruzione degli obiettivi civili e degli ospedali. Ad oggi, la Russia ha distrutto o danneggiato 861 strutture mediche, 123 di queste non sono ricostruibili». Lo afferma, in un’intervista esclusiva con l’Adnkronos, il ministro della Salute ucraino Victor Liashko, facendo il punto sulla situazione sanitaria a sei mesi dallo scoppio della guerra in Ucraina su larga scala.

    «Abbiamo 497 farmacie danneggiate o distrutte, 44 non ricostruibili», rivela Liashko all’Adnkronos. Delle strutture mediche del Paese, «1196 si trovano sui territori dove la Russia cerca di imporre il proprio dominio», spiega il ministro, che sottolinea: «In alcune zone, purtroppo, il rischio di morire prevale sulla probabilità di poter diagnosticare le malattie o curarle». Tra le attrezzature, in grande sofferenza sono le ambulanze: «87 ambulanze sono state prese di mira dai russi, danneggiate o distrutte, 241 sequestrate dai soldati della Federazione Russa». La situazione è complessa anche per quanto riguarda la recrudescenza dei casi di Covid, che sono in aumento nel Paese.

    «Stiamo registrando un aumento di casi di Covid -conferma Liashko- La settimana scorsa abbiamo registrato 1431 casi confermati, il 35% in più rispetto alla settimana precedente. Ma non sono dati affidabili, perché nelle zone belliche difficilmente le persone con sintomi vanno a fare il test”, sottolinea il ministro. Questo avviene “essenzialmente per due motivi, per paura di allontanarsi dal rifugio e per paura che non venga fatto il test nella struttura dove si recano. Quindi saranno sicuramente molti di più».

  • MI6, esercito russo farà pausa operativa, Kiev potrà contrattaccare

    È probabile che l’esercito russo si prenda una pausa operativa di qualche tipo in Ucraina nelle prossime settimane, dando a Kiev un’opportunità chiave per contrattaccare. Ad affermarlo è stato Richard Moore, capo del servizio di intelligence MI6, rivolgendosi all’Aspen Security Forum in Colorado. «Penso che stiano perdendo forza. Penso che i russi avranno sempre più difficoltà a fornire materiale nelle prossime settimane», ha dichiarato. «Dovranno fermarsi in qualche modo, e questo darà agli ucraini l’opportunità di contrattaccare».

  • Russia, da raid ucraini su Zaporizhia rischi per mezza Europa

    “Se vengono colpiti i reattori o l’impianto di raffreddamento, rischia di saltare in aria mezza Europa”. Così Yevgeny Balitsky, il capo dell’amministrazione civile-militare russa della regione nel sud dell’Ucraina dove è situata la centrale nucleare di Zaporizhia, ha commentato in un’intervista alla tv russa la situazione del sito, che sempre secondo i russi è stato attaccato ieri dagli ucraini con l'impiego di droni kamikaze che hanno provocato 11 feriti. Lo riferisce la Tass. Kiev accusa invece le forze russe di immagazzinare nella centrale un gran numero di armi, tra cui carri armati e sistemi missilistici.

  • Via libera Ue a nuove sanzioni, embargo a oro e gioielli

    Il Consiglio dell’Ue ha adottato oggi nuove misure intese a rafforzare le sanzioni economiche esistenti nei confronti della Russia, perfezionarne l’attuazione e rafforzarne l’efficacia. Il pacchetto cosiddetto “manutenzione e allineamento” introduce un nuovo divieto di acquistare, importare o trasferire, direttamente o indirettamente, oro, se originario della Russia e successivamente esportato dalla Russia nell’Ue o in qualsiasi paese terzo. Questo divieto riguarda anche i gioielli ma non i diamanti.

    Il pacchetto estende anche l'elenco degli articoli controllati, che possono contribuire al miglioramento militare e tecnologico della Russia o allo sviluppo del suo settore della difesa e della sicurezza, rafforzando così i controlli sulle esportazioni sul duplice uso e sulla tecnologia avanzata.

  • Si aggrava bilancio attacco a Kharkiv, 3 morti e 23 feriti

    Il numero di persone rimaste uccise a seguito del bombardamento russo di stamattina a Kharkiv è aumentato a 3 persone, altre 23 sono rimaste ferite. Lo ha comunicato l’Ufficio del procuratore della regione di Kharkiv, precisando che “alle 9.30 gli occupanti hanno sparato contro una fermata del trasporto pubblico vicino al mercato con lanciarazzi Uragan uccidendo 3 civili e ferendono 23”. “Inoltre - prosegue la procura - l’esercito russo ha effettuato bombardamenti di artiglieria nel distretto di Saltiv della città di Kharkiv. Gli occupanti hanno colpito un edificio residenziale. Tre civili sono rimasti feriti”.

  • Kiev lancia l’allarme, russi fanno referendum per annettere territori

    Le autorità ucraine lanciano l’allarme referendum nei territori occupati dai russi: attraverso presunte consultazioni popolari “si gettano le basi per decidere il destino e lo status dei territori meridionali temporaneamente occupati durante la guerra”, compresi Zaporizhia e Kherson, ha denunciato il portavoce dell’intelligence del ministero dell’Interno, Vadim Skibitski, spiegando che a questo fine la Russia sta rilasciando passaporti “in maniera molto attiva”. Nel tentativo di accelerare il procedimento, il percorso per l’ottenimento dei passaporti russi per Zaporizhia e Kherson è gestito “in modo più semplice” rispetto a quando la stessa procedura è stata eseguita per Donetsk e Luhansk. “Scrivi una domanda e ottieni un passaporto”, ha affermato. “Si stanno

  • Metsola, «guerra continua, Ue non può permettersi stanchezza»

    Poiché l’invasione illegale della Russia sta per giungere al sesto mese, non possiamo permettere che la stanchezza della guerra si faccia sentire. Gli aiuti all’Ucraina non si fermeranno. Continueremo a isolare la Russia e a indebolire le sue finanze. Il pacchetto “mantenimento e allineamento” di oggi rafforza le attuali sanzioni e le rende più efficaci”. Lo scrive in un tweet la presidente del Parlamento Ue Roberta Metsola.

  • Kiev, sale a 26 bilancio vittime attacco a Vinnytsia

    La ventenne Olga Lysenko, che aveva subito gravi ustioni durante l’attacco missilistico russo su Vinnytsia il 14 luglio, è morta oggi in ospedale. Sale dunque a 26 il bilancio delle vittime dell’attacco Vinnytsia, riferise Serhii Borzov, il capo dell’amministrazione militare della regione Vinnytsia, come riporta Ukrainska Pravda.

  • Regno Unito invierà a Kiev decine di cannoni e centinaia di droni

    Il Regno Unito fornirà all’Ucraina decine di cannoni di artiglieria, centinaia di droni e altre centinaia di armi anticarro nelle prossime settimane, come spiegato dal Segretario alla Difesa britannica, Ben Wallace. Più di 20 cannoni semoventi M109 da 155 mm e 36 cannoni di artiglieria L119 da 105 mm arriveranno presto dal Regno Unito, ha annunciato oggi Wallace al Parlamento britannico. Seguiranno anche sistemi radar e oltre 50.000 munizioni per l’artiglieria sovietica esistente in Ucraina, ha aggiunto. Questa attrezzatura rafforzerà la capacità delle forze armate ucraine di difendersi dall’uso indiscriminato dell’artiglieria da parte della Russia.

  • Germania, Habeck annuncia nuove misure di sicurezza energetica

    il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck ha annunciato un altro pacchetto di misure per garantire la sicurezza energetica della Germania alla luce della riduzione delle forniture di gas russe. Le nuove disposizioni includono requisiti più severi per il riempimento degli impianti di stoccaggio del gas e l’attivazione di impianti di riserva di lignite, ha annunciato Habeck. Il pacchetto include anche misure di risparmio energetico negli edifici pubblici

  • Nuovo pacchetto sanzioni Ue in gazzetta ufficiale, è in vigore

    Il nuovo pacchetto di sanzioni Ue denominato di “allineamento e mantenimento” è stato pubblicato sulla gazzetta ufficiale Ue. Le nuove norme sono ufficialmente in vigore.

  • Hackerate radio ucraine, «Zelensky in terapia intensiva»

    Alcune stazioni radio ucraine hanno subito un attacco informatico russo durante il quale sono state diffuse false informazioni su un ricovero del presidente Volodymyr Zelensky in terapia intensiva. Lo riferisce l’agenzia ucraina Unian. “Il nemico - scrive l’agenzia - ha effettuato un attacco informatico ai server e alle reti delle stazioni radio del gruppo TAVR Media (Radio Bayraktar, Melodia FM e altre) e ha diffuso una falsa notizia sul deterioramento della salute del presidente Zelensky”. A dare notizia dell’attacco è stato lo stesso gruppo radiofonico, secondo il quale “i servizi competenti stanno lavorando per risolvere il problema”. “Nessuna delle informazioni sui problemi di salute del presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, è vera”, aggiunge TAVR Media. Ieri in rete era apparso un video in cui si annunciava che alcune stazioni radio avevano dato notizia dei presunti gravi problemi di salute di Zelensky e del trasferimento dei suoi poteri al presidente del Parlamento.

  • Lukashenko, fermare guerra per evitare precipizio nucleare

    L’Occidente, l’Ucraina e la Russia devono porre fine al conflitto per evitare il “precipizio” della “guerra nucleare”. Lo ha affermato il presidente bielorusso Alexander Lukashenko, principale alleato di Mosca, in un’intervista all’AFP. Secondo Lukashenko in ogni caso “dipende tutto dall’Ucraina, perché a questo punto la guerra potrebbe finire in condizioni migliori per loro”. Quindi, il governo di Kiev “deve sedersi al tavolo dei negoziati e accettare di non minacciare mai la Russia”.

  • Ministro Esteri Ungheria è in visita a Mosca

    Il ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto, è a Mosca, ha reso noto l’ambasciata ungherese a Mosca citata dall’agenzia Tass. Szijjarto aveva incontrato Sergei Lavrov a Mosca lo scorso primo febbraio.

  • Kiev, preoccupati per cambiamento Iran riguardo sua neutralità

    Le autorità ucraine hanno dichiarato di essere “preoccupate” per il presunto «cambiamento” dell’Iran» per quanto riguarda la sua neutralità nella guerra, dopo la visita ufficiale del presidente russo Vladimir Putin nel Paese. Il portavoce del ministero degli Esteri ucraino Oleg Nikolenko, secondo quanto riportato dall’agenzia ucraina Ukrinform, ha assicurato che l’Iran giustificherebbe indirettamente la guerra iniziata dalla Russia cinque mesi fa.

    «Dall’inizio della guerra russa - ha affermato Nikolenko - l’Iran ha dichiarato pubblicamente una posizione di neutralità e ha sostenuto un cessate il fuoco e una soluzione politica diplomatica. L’Ucraina è preoccupata per il cambio di retorica della leadership iraniana». Secondo il portavoce, tollerare «le azioni aggressive della Russia» non solo incoraggia Mosca a continuare l’aggressione contro il popolo ucraino, «ma pone anche le basi per destabilizzare la pace e la sicurezza in altre regioni del mondo».

    «Qualsiasi accusa sulla presunta preparazione di un attacco contro la Russia - ha aggiunto - è infondata e manipolativa. Chiediamo alla parte iraniana di astenersi da dichiarazioni o passi che alimentano l’aggressione russa».

  • Borrell, con nuove sanzioni limitiamo finanze Mosca

    «Oggi stiamo compiendo un altro passo per limitare la capacità della Russia di continuare a finanziare la sua aggressione contro l’Ucraina. Stiamo effettivamente vietando la fonte di esportazione più importante della Russia dopo l’energia: l’oro». Lo scrive in un tweet l’Alto rappresentante Ue, Josep Borrell, dopo il via libera formale del Consiglio Ue al nuovo pacchetto di sanzioni anti-russe.

    Con le nuove misure l’Ue estende «l’esenzione» dal divieto di effettuare «transazioni per i prodotti agricoli e il trasferimento di petrolio ai Paesi terzi», aggiunge Borrell, evidenziando che «l’Ue sta facendo la sua parte per garantire che possiamo superare l’incombente crisi alimentare globale. Spetta alla Russia smettere di bombardare i campi e i silos dell’Ucraina e smettere di bloccare i porti». L’Alto rappresentante ricorda poi che Sberbank, la principale banca russa, viene inserita nella blacklist europea, così come «altre persone coinvolte nell’aggressione della Russia contro l’Ucraina, come funzionari militari, il club motociclistico pro-Cremlino «Night Wolves, e attori della disinformazione».

  • Ministro Difesa Londra, «Gb invierà a breve nuove armi»

    Il governo britannico invierà centinaia di droni e armi anticarro e decine di pezzi di artiglieria in Ucraina nelle prossime settimane per aiutare le forze locali a respingere l’invasione russa. Il ministro della Difesa Ben Wallace ha annunciato che seguiranno sistemi radar controbatteria e oltre 50mila proiettili per le armi di cui le forze ucraine sono già in possesso. Queste armi, ha sottolineato il ministero della Difesa, contribuiranno a rafforzare la capacità dell’Ucraina di difendersi dall’uso “indiscriminato” dell’artiglieria da parte delle forze che rispondono agli ordini del presidente russo Vladimir Putin. Più di 20 cannoni semoventi M109 da 155 mm e 36 cannoni di artiglieria L119 da 105 mm arriveranno a breve, ha aggiunto il ministero. Verranno inoltre inviate oltre 1.600 armi anticarro. “Il numero e la gamma di apparecchiature che stiamo fornendo dimostrano la forza della nostra determinazione. Insieme ai nostri partner internazionali, faremo in modo che l’Ucraina abbia gli strumenti per difendere il proprio Paese dall’invasione illegale di Putin”, ha dichiarato Wallace.

    Il ministro della Difesa Ben Wallace

  • Peskov, «Putin sta bene, diffuse notizie false su sua salute»

    Il presidente russo Vladimir Putin sta bene, ’’con la sua salute va tutto bene’’. Le parole del portavoce del Cremlino DmitrY Peskov fanno eco a quelle del direttore della Cia William Burns, secondo il quale Putin ’’sta fin troppo bene’’. Nella sua conferenza stampa quotidiana Peskov ha detto che, come ’’sapete, gli specialisti dell’informazione ucraini, americani e britannici hanno diffuso menzogne sullo stato di salute del presidente negli ultimi mesi. Non sono altro che falsi’’.

  • Zelensky, grazie Draghi, sostegno Italia continuerà

    “Sinceramente grato a Mario Draghi per l’incrollabile sostegno all’Ucraina nel combattere contro l’aggressione russa e difendere i comuni valori europei, la democrazia e la libertà”. Lo scrive su Twitter il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. “Continueremo a lavorare per sviluppare la cooperazione tra Ucraina e Italia, sono convinto che il sostegno attivo dell’Italia al popolo ucraino continuerà”, aggiunge Zelensky.

  • Medvedev, «Biden un nonno con demenza, leader Ue pazzi»

    ’’Uno strano nonno con demenza’’. Così il vice presidente del Consiglio di sicurezza nazionale ed ex presidente russo Dmitry Medvedev ha descritto il presidente americano Joe Biden in un post su Telegram. “La Russia non può essere ritenuta responsabile del fatto che gli americani hanno eletto uno strano nonno con demenza come presidente’’, ha scritto. Medvedev ha poi definito ’’pazzi’’ i leader europei che ’’soffriranno molto freddo a casa loro questo inverno’’. Medvedev ha quindi affermato che la Ue ha “completamente perso il contatto con la realtà” e sta “costringendo gli sfortunati ucraini a sacrificare la propria vita per entrare nell’Unione europea”.

    Il vice presidente del Consiglio di sicurezza nazionale ed ex presidente russo Dmitry Medvedev EPA/KHAM / POOL


  • Polizia, «russi hanno bombardato mercato centrale di Bakhmut»

    Le truppe russe hanno bombardato il mercato centrale di Bakhmut. Lo ha riferito il servizio stampa della Polizia nazionale ucraina, aggiungendo che “a seguito dell’attacco, hanno preso fuoco diversi magazzini commerciali su una superficie totale di 100 mq. L’incendio è stato completamente estinto e sono in corso accertamenti per verificare la presenza di feriti e di morti

  • Sindaco Energodar, «passaporti russi distribuiti a cittadini»

    Nella Energodar temporaneamente occupata lo 0,05% della popolazione ha ricevuto passaporti russi. Lo ha comunicato sulla sua pagina telegram il sindaco Dmytro Orlov.

    "50.000 i militari russi morti o feriti in Ucraina"
  • Mosca, non interferiremo nelle elezioni, lo fanno altri

    La Russia non sosterrà alcun partito nelle elezioni in Italia, come invece fanno Usa e Paesi Ue dichiarandosi a favore di una o l’altra forza politica in occasione di consultazioni in altri Stati. Lo ha detto la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova. “Questo - ha aggiunto - non riguarda solo Washington nei confronti dei Paesi della Nato. Ricordatevi come i Paesi dell’Ue avevano dichiarato che per loro era vantaggiosa la candidatura di Hillary Clinton a presidente negli Usa”. “Per noi in Italia è vantaggioso sviluppare la cooperazione. Ma chi, come e quando arriva al potere in Italia, è affare degli italiani”.

  • Mosca, «che c’entriamo noi con la crisi italiana?»

    “Cosa c’entra la Russia?”. Questa la prima reazione della portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ad una domanda sulle dimissioni del governo Draghi. “Non solo commentatori e blogger, ma anche responsabili politici italiani collegano i cambiamenti politici interni alla Russia e alla politica estera. Questo mi meraviglia, questo ci ha scioccato”, ha aggiunto la portavoce.

  • Mosca, gli attacchi ucraini puntano all’incidente nucleare

    “Gli attacchi dell’esercito ucraino ai siti nucleari mostrano l’intenzione di creare le condizioni per un disastro nucleare in Europa”. Lo ha affermato oggi la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, dopo che ieri fonti russe avevano denunciato un attacco con droni sulla centrale di Zaporizhzhia con un bilancio di 11 feriti. Le stesse fonti avevano detto che erano stati colpiti edifici di servizio ma nessuno dei sei reattori della centrale, che è la più grande d’Europa.

  • Cia, guerra Ucraina non dissuaderà Cina da invadere Taiwan

    La Cina sembra ancora convinta di voler usare la forza contro Taiwan e la guerra in Ucraina non la dissuaderà. Ne è convinto il capo della Cia, Bill Burns. “La nostra sensazione è che non si tratta di ’se’’ la Cina invaderà Taiwan ma quando”, ha detto il numero uno dell’Agenzia parlando all’Aspen Security Forum.

    Moglie Zelensky chiede al Congresso Usa più armi per l'Ucraina
  • Von der Leyen, «accordo Ue su rafforzamento sanzioni Russia»

    Gli Stati membri dell’Ue “hanno concordato sulle nostre sanzioni rafforzate e prolungate contro il Cremlino. Me ne compiaccio. Manda un segnale forte a Mosca: manterremo alta la pressione per tutto il tempo necessario”. Lo dice la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, via social

    La presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen. ANSA/STEPHANIE LECOCQ

  • Oligarchi russi a caccia del passaporto portoghese

    Dopo il ’caso Abramovich’, dal nome dell’ex patron del Chelsea che nell’aprile del 2021 ha ottenuto la nazionalità portoghese, i media del Paese continuano a parlare della corsa degli oligarchi russi al passaporto nazionale. Il quotidiano Público riporta che il re dei diamanti Lev Leviev e il promotore immobiliare God Nisanov sono in lista d’attesa, mentre un altro magnate russo - Andrey Rappoport - è da tempo in possesso del passaporto portoghese. Rappoport, è nato nell’Ucraina sovietica nel 1963 e vanta un curriculum che lo ha visto a capo di diverse società legate all’industria energetica e all’alta finanza. La sua fortuna, nelle stime di Forbes, supererebbe il miliardo di euro. Sia Rappoport sia Abramovich per ottenere la nazionalità hanno sfruttato una sorta di legge di riparazione per le politiche antisemite attuate nei secoli XV e XVI, quando i regni di Spagna e Portogallo scacciarono gli ebrei dalla penisola. La legge prevede infatti la naturalizzazione per tutti gli ebrei capaci di dimostrare la propria origine sefardita (cioè iberica). Tuttavia, secondo i critici, concederebbe troppa autonomia alle comunità ebraiche locali nella ricostruzione di alberi genealogici tutt’altro che lineari. La polemica sulla cosiddetta ’legge dei sefarditi’ (che rischia di diventare ’degli oligarchi russi’) si è riaccesa soprattutto dopo l’invasione dell’Ucraina e la campagna di sanzioni, che un passaporto Ue può consentire di aggirare. I sospetti ricadono in particolare sulla comunità ebraica di Porto (da cui sono passate le pratiche di Abramovich e di Rappoport) e sul rabbino Daniel Litvak, attualmente indagato dalla magistratura perché avrebbe dirottato parte dei 35 milioni in donazioni che la sua comunità ha ricevuto da quando la legge è in vigore.

  • Gas: Eni, Gazprom aumenta forniture in Italia del 71%

    Tornano ad aumentare le forniture del gas dalla Russia verso l’Italia, con una crescita rispetto al giorno precedente del 71,4%. A comunicare il cambiamento del flusso è l’Eni sul proprio sito. “Gazprom ha comunicato per la giornata di oggi la consegna di volumi di gas pari a circa 36 milioni di metri cubi, a fronte di consegne giornaliere pari a circa 21 milioni di metri cubi effettuate nei giorni scorsi - afferma la società energetica italiana - Eni si riserva di comunicare eventuali aggiornamenti nel caso in cui vi fossero ulteriori variazioni significative nelle quantità in consegna comunicate da Gazprom”

  • Kiev, russi bombardano Kharkiv. 2 morti e 19 feriti

    Due persone sono morte e 19 sono rimaste ferite stamane in un bombardamento russo su Kharkiv, nel nord-est dell’Ucraina, secondo quanto ha riferito il capo dell’amministrazione militare regionale, Oleg Sinegubov, citato da Ukrainska Pravda. Il sindaco, Igor Terekhov, ha detto che il bombardamento è avvenuto in un’area densamente popolata.

  • Banca Centrale svaluta la grivna

    La Banca centrale ucraina ha svalutato la grivna per proteggere le sue riserve di valuta estera mentre l’invasione russa ha effetti devastanti l’economia del Paese. Il tasso di cambio della moneta ucraina è stato fissato a 36,5686 per dollaro rispetto a 29,25, valore sul quale era stata congelata negli ultimi cinque mesi La Banca nazionale ucraina - ricorda Bloomberg - ha sospeso le contrattazioni della grivna e ha rafforzato i controlli sui capitali dopo l’attacco della Russia a febbraio per aiutare il governo a importare beni cruciali e a contenere la spirale inflazionistica.

  • Kiev, «svolta prima dell’inverno»

    Il capo dell’ufficio della presidenza ucraina Andriy Yermak ha sottolineato che è importante che i russi non siano in grado di trascinare la guerra contro l’Ucraina fino all’inverno. Sul suo canale Telegram, ha dichiarato che una svolta a favore dell’Ucraina è prevista per fine autunno. “Molto dipende dall’addestramento dei nostri soldati. Invertiremo le sorti di questa guerra. Presto ci saranno molte sorprese”, ha promesso Yermak, aggiungendo che Volodymyr Zelenskyi parla ogni giorno “di Himars, obici M777, sistemi di difesa aerea e delle sanzioni contro la Russia. Fa del suo meglio per aumentare le forniture di armi efficaci”. “Il Presidente sta facendo tutto il possibile per liberare i territori occupati dell’Ucraina il prima possibile - ha detto ancora Yermak - Le autorità sono in costante contatto con il comando militare, che fornisce informazioni esattamente su ciò di cui i difensori hanno bisogno per sconfiggere il nemico”. Ha infine dichiarato di aver già discusso dell’aumento delle forniture di armi con Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale del presidente degli Stati Uniti: “Parlerò presto con lui del nuovo pacchetto di aiuti militari statunitensi. Stiamo aspettando altri quattro Himars e non solo”.

    Funerale di un soldato morto a est

  • Nord Stream, flusso gas torna a 40% come prima di chiusura

    Le forniture di gas russo attraverso il Nord Stream 1, riaperto stamane, sono arrivate al livello del 40%, come prima che il gasdotto fosse chiuso per manutenzione, l’11 luglio scorso. Lo riferisce la Tass citando il consorzio Nord Stream AG. Il gasdotto ha riaperto come previsto alle 07.00 ora di Mosca (le 06.00 ora italiana). Secondo l’operatore ucraino per il trasporto del gas Ogtsu, continuano anche le forniture della Gazprom attraverso l’Ucraina, che oggi dovrebbero arrivare a 42,4 milioni di metri cubi.

  • Kiev, 4 morti per bombardamenti russi a Kharkiv

    I bombardamenti delle truppe russe hanno causato 4 vittime. Lo riferisce il governatore della regione, Oleh Syniehubov, come riporta Kiev Independent. I bombardamenti su Kharkiv hanno provocato la morte di tre civili, tra cui un bambino di 13 anni. Un’altra persona è stata uccisa nel distretto di Bohodukhivskyi vicino al confine con la Russia. Negli attacchi altre 11 persone sono rimaste ferite.

  • Sindaco Kharkiv, «attaccato quartiere ad alta densità abitativa»

    “L’esercito russo sta attaccando uno dei quartieri a più alta densità abitativa di Kharkiv”. Lo ha comunicato il sindaco Terekhov, aggiungendo che “è stato colpito anche un ospedale” e che “ci sono dei feriti”. Secondo il governatore di Kharkiv Synehubov, l’attacco iniziato stamattina avrebbe già fatto 17 feriti

    Un uomo accanto il corpo del figlio colpito da un razzo alla fermata del bus ieri a Kharkiv

  • Medvedev, «Ucraina potrebbe scomparire da mappa del mondo»

    “Come risultato di tutto ciò che sta accadendo, l’Ucraina potrebbe perdere i resti della sua sovranità statale e scomparire dalla mappa del mondo”. Lo scrive in un post su Telegram l’ex presidente russo Dmytri Medvedev, attuale vice capo del Consiglio di sicurezza nazionale.

    PER APPROFONDIRE/ Che cosa significa per l’Occidente la guerra in Ucraina

  • Bombe russe su Kharkiv, appello a restare nei rifugi

    Le forze armate russe stanno bombardando e sparando colpi di artiglieria contro Kharkiv. Lo denuncia il governatore Oleh Synyehubov, che invita gli abitanti a ripararsi nei rifugi perché ’’i russi stanno colpendo Kharkiv’’.

  • Intelligence Uk: i russi avanzano verso la centrale elettrica di Vuhlehriska

    Le forze armate russe si stanno avvicinando alla centrale elettrica di Vuhlehirska, la seconda più grande di tutta l’Ucraina a circa 50 chilometri a nord-est di Donetsk. Lo riferisce l’intelligence britannica nel suo rapporto odierno. «La Russia sta dando la priorità alla cattura di infrastrutture nazionali critiche, come le centrali elettriche», si legge nel rapporto. Il ministero della Difesa britannico ritiene inoltre che le forze russe «probabilmente stanno anche tentando di sfondare a Vuhlehirska, come parte dei suoi sforzi per riprendere slancio nella sua avanzata verso le città chiave di Kramatorsk e Sloviansk».

  • Kiev: 385 bambini uccisi dai russi da inizio invasione

    Le truppe russe hanno ucciso almeno 358 bambini in Ucraina dal 24 febbraio, secondo i dati forniti dall’ufficio del procuratore generale ucraino e riportati dall’agenzia Ukrinform. «A ora, più di 1.039 bambini hanno sofferto in Ucraina a causa dell’aggressione armata russa. Secondo le informazioni ufficiali fornite dai tribunali dei minori: 358 bambini sono stati uccisi e più di 681 hanno riportato ferite di vari livelli di gravità», ha scritto il servizio stampa del Pgu su Telegram. Le cifre - precisa la Procura - non sono definitive, in quanto non considerano diverse aree dove le ostilità sono in atto.

  • Cia: 15mila soldati russi morti e 45mila feriti

    Sono almeno quindicimila i soldati russi uccisi in Ucraina dall’inizio del conflitto lo scorso 24 febbraio e circa 45mila quelli rimasti feriti, secondo le stime degli Stati Uniti. Lo ha detto il direttore della Cia William Burns. «Le ultime stime dell’intelligence statunitense sarebbero di circa 15mila militari russi uccisi e forse tre volte tanto quelli feriti. Quindi una serie di perdite piuttosto significativa», ha detto Burns parlando all’Aspen Security Forum in Colorado. «Anche gli ucraini hanno sofferto, probabilmente un po’ meno. Ma si parla di perdite significative», ha aggiunto.

  • Due scuole distrutte dai bombardamenti a Donetsk

    Bombardamenti russi durante la notte su Donetsk, dove sono state distrutte due scuole a Kramatorsk e Kostiantynivka. Lo denuncia Pavlo Kyrylenko, capo dell’amministrazione militare regionale di Donetsk che ha condiviso le foto della distruzione in un post di Telegram questa mattina presto. «Oggi gli occupanti russi hanno distrutto due scuole a Kramatorsk e Kostiantynivka», ha detto, aggiungendo che anche un’area industriale a Kramatorsk è stata colpita.

  • Cia: Putin non è malato, vuole fare della Russia una grande potenza

    Il presidente Vladimir Putin vuol far diventare la Russia «una grande potenza», ma «non vincerà la guerra di logoramento in Ucraina». Lo ha detto il capo della Cia William Burns in una rara apparizione pubblica. Già ambasciatore degli Stati Uniti in Russia, Burns ha sottolineato quanto Putin sia «convinto che il suo destino come leader è quello di riportare la Russia a essere una grande potenza». Sul fatto che il leader del Cremlino possa essere malato, il capo della Cia ha respinto le speculazioni che circolano e ha affermato che «ci sono molte voci sulla salute del presidente Putin e, per quanto ne sappiamo, apparentemente è fin troppo sano».

  • La Russia ha ripreso le consegne attraverso Nord Stream 1

    La Russia ha ripreso le consegne di gas all’Europa attraverso il gasdotto tedesco-russo Nord Stream 1 dopo i lavori di manutenzione. Lo ha confermato alla Dpa un portavoce della società. La consegna era stata sospesa per dieci giorni e l’11 luglio i flussi erano stati azzerati. Il portavoce di Nord Stream AG ha affermato che ci vorrà del tempo per raggiungere i consueti livelli di trasporto del gas e che ora sono pari al 40 per cento. Secondo quanto scritto su Twitter dal capo della Federal Network Agency, Klaus Müller, le prenotazioni sarebbero però pari solo circa il 30 percento della capacità.

    (Afp)

  • Kiev: Mosca punta mettere l’arsenale nella centrale atomica

    Le forze russe hanno chiesto l’accesso alla sale macchine della centrale nucleare di Zaporizhzhia, dove intendono immagazzinare il loro «intero arsenale militare». Lo ha reso noto Energoatom, l’azienda statale che supervisiona gli impianti nucleari in Ucraina, secondo quanto riporta Ukrainska Pravda. «Le forze militari russe chiedono all’amministrazione della centrale nucleare di Zaporizhzhia di aprire le sale macchine della prima, seconda e terza unità per potervi depositare l’intero arsenale militare. Agli occupanti sembra sicuro, poiché hanno una paura terribile di ricevere “regali” dalle Forze Armate ucraine», commenta Energoatom.

    La centrale atomica di Zaporizhzhia sullo sfondo del fiume Dnipro (Reuters)

  • Forti esplosioni a Mykolaiv

    «Forti esplosioni si sentono a Mykolaiv. La città viene nuovamente bombardata in modo massiccio». Lo ha reso noto su Telegram il sindaco della città nell’Ucraina sudoccidentale, Oleksandr Senkevich, secondo quanto riporta Unian.

    Mykolaiv, la città bombardata (Ansa)

  • Ue conferma quinta tranche di aiuti militari da 500 milioni

    L’Ue ha confermato la quinta tranche, da 500 milioni di euro, di aiuti militari all’Ucraina: lo ha reso noto in un tweet l’Alto Rappresentante per la Politica Estera, Josep Borrell. «Ho partecipato alla riunione del Gruppo di contatto ministeriale sulla difesa dell’Ucraina. Gli Stati membri dell’Ue hanno deciso di mobilitare la quinta tranche di assistenza militare di 500 milioni di euro per sostenere ulteriormente le forze armate ucraine. L’Ue rimane concentrata e ferma nel suo sostegno all’Ucraina, insieme ai partner», ha scritto Borrell.

    Josep Borrell (Afp)

  • Portogallo, oligarchi russi in fila per la cittadinanza

    Dopo il «caso Abramovich», dal nome dell’ex patron del Chelsea che nell’aprile del 2021 ha ottenuto la nazionalità portoghese, i media del Paese continuano a parlare della corsa degli oligarchi russi al passaporto nazionale. Il quotidiano Público riporta che il re dei diamanti Lev Leviev e il promotore immobiliare God Nisanov sono in lista d’attesa, mentre un altro magnate russo - Andrey Rappoport - è da tempo in possesso del passaporto portoghese. Rappoport è nato nell’Ucraina sovietica nel 1963 e vanta un curriculum che lo ha visto a capo di diverse società legate all’industria energetica e all’alta finanza. La sua fortuna, nelle stime di Forbes, supererebbe il miliardo di euro.

    Von der Leyen all'Ucraina: dovete spezzare morsa degli oligarchi

    Sia Rappoport sia Abramovich per ottenere la nazionalità hanno sfruttato una sorta di legge di riparazione per le politiche antisemite attuate nei secoli Quindicesimo e Sedicesimo, quando i regni di Spagna e Portogallo scacciarono gli ebrei dalla penisola. La legge prevede infatti la naturalizzazione per tutti gli ebrei capaci di dimostrare la propria origine sefardita (cioè iberica).

  • Cia: la guerra in Ucraina non dissuaderà la Cina da invadere Taiwan

    La Cina sembra ancora convinta di voler usare la forza contro Taiwan e la guerra in Ucraina non la dissuaderà. Ne è convinto il capo della Cia, Bill Burns. «La nostra sensazione è che non si tratta di “se’” la Cina invaderà Taiwan, ma quando», ha detto il numero uno dell’agenzia parlando all’Aspen Security Forum.

    Carri armati di Taiwan durante un’esercitazione (Reuters)

  • Zelensky: la Russia ci usa per provare quello che può fare ad altri Paesi

    «La Russia sta testando sull’Ucraina tutto ciò che può essere utilizzato contro altri paesi europei». Lo ha dichiarato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel consueto videomessaggio serale. «Ha iniziato con le guerre del gas e si è concluso con un’invasione su vasta scala, il terrore missilistico e le città bruciate dell’Ucraina. E affinché questo non accada a nessun altro, dobbiamo garantire una tangibile vittoria congiunta sulla Russia in Ucraina», ha spiegato. «Prima sarà fatto, meno danni e sofferenze subiranno tutte le famiglie europee e tutti i paesi europei», ha sottolineato Zelensky.

    Zelensky tra i ministri degli Esteri di Repubblica ceca Jan Lipavsky (a destra) e Austria Alexander Schallenberg (Epa)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti