ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùEuropa

Ucraina, ultime notizie. Kiev: 3,5 milioni di ucraini senza casa per la guerra

I russi continuano l’offensiva, con 40 razzi caduti nella notte vicino alla centrale di Zaporizhzhia. Un arsenale ucraino con 45 tonnellate di munizioni ricevute dai Paesi della Nato è stato distrutto dalle forze russe nella regione ucraina di Mykolaiv. Cresce il bilancio delle vittime, con 703 bambini uccisi dall’inizio del conflitto, mentre si aprono degli spiragli commerciali: partite altre quattro navi dai porti ucraino, una diretta in Italia. “Saluto con soddisfazione la partenza”, ha detto all'Angelus il Papa, al lavoro per preparare il viaggio a Kiev

Zelensky: “Russi hanno sparato contro centrale nucleare di Zaporizhzhia"
  • Nunzio a Kiev, “visita Papa in una terra martoriata è un dono”

    “Nessuno può decidere se non Papa Francesco” la data del suo viaggio apostolico in Ucraina. A dirlo all'Adnkronos monsignor Visvaldas Kulbokas, nunzio apostolico a Kiev, specificando che la decisione dipenderà anche dalla valutazione dei medici sul suo stato di salute. “Per ora non ci sono elementi per sapere se questo viaggio verrà fatto a fine agosto o in un altro periodo”, aggiunge. “Papa Francesco ha espresso già da tempo il desiderio di recarsi in Ucraina ma deve valutare le sue condizioni di salute, stiamo aspettando”, ribadisce monsignor Kulbokas.

    “Come sappiamo l'Ucraina è una terra bagnata dal sangue, anche quello di bambini - ricorda il nunzio - Il Papa, qui in Italia, ha incontrato diverse volte bambini e famiglie ucraine rifugiati. Ma per lui visitare una terra martoriata dove c'è un popolo sofferente, è un dono, in tal senso è un luogo che diventa sacro”. Ieri Bergoglio aveva ricevuto in Vaticano l'ambasciatore ucraino presso la Santa Sede, Andrii Yurash, che aveva espresso l'auspicio che il Papa possa recarsi a Kiev prima del suo viaggio in Kazakistan a metà settembre.

  • Governatore Zaporizhzhia, «livello radiazioni nella norma»

    Sono ''nella norma'' i livelli di radiazioni nella zona di Zaporizhzhia, a Enerhodar, dove si trova la centrale nucleare attaccata dai russi nella notte. Lo scrive il Kiev Independent citando il governatore della regione di Zaporizhzhia, Starukh. Nonostante i raid russi abbiano danneggiato i sensori di monitoraggio, il livello delle radiazioni è compreso tra 8 e 12 micro roentgen/ora.

  • Kiev, 5 civili uccisi a Donetsk

    Cinque civili sono stati uccisi nella regione di Donetsk, nell'est dell'Ucraina, e altri otto sono rimasti feriti nei raid aerei sferrati dalla Russia. Lo ha detto il governatore regionale Pavlo Kyrylenko spiegando che tre persone sono state uccise a Bakhmut, una ad Avdiivka e una a Blagodatnu. Bombardamenti sono anche stati segnalati a Dnipropetrovsk. Una cinquantina le case danneggiate nei raid.

  • Prima nave con grano non ancora in Libano, altre in viaggio

    Non è ancora arrivata in Libano la nave 'Razoni', partita lunedì scorso dal porto di Odessa e il cui approdo a Tripoli era previsto per questa mattina. L'ambasciata di Kiev a Beirut ha spiegato che il suo arrivo è stato ''posticipato'', senza fornire spiegazioni. “Informazioni sulla cerimonia verranno fornite più tardi, quando sapremo il giorno e l'ora esatti dell'arrivo della nave”, ha affermato l'ambasciata in una nota. Intanto oggi sono partiti altri quattro mercantili carichi di olio di girasole e mais dai porti ucraini. Una di queste, con un carico di olio di girasole, è diretta in Italia, mentre le altre andranno in Cina e in Turchia. Tutte si fermeranno a Istanbul per essere ispezionate nell'ambito dell'accordo mediato a Istanbul lo scorso 22 luglio, come ha annunciato domenica su Twitter il ministero della Difesa turco. In tutto, sono otto i mercantili partiti dai porti del sud dell'Ucraina dall'entrata in vigore dell'accordo tra Russia e Ucraina mediato dalla Turchia e dall'Onu.

    La nave “Razoni”, carica di grani ucraino . ( REUTERS)

  • Zelensky a Michel, «serve risposta forte per proteggere Zaporizhzhia»

    '«Serve una risposta forte della comunità internazionale» per proteggere la centrale di Zaporizhzhia, nel sud dell'Ucraina, e in particolare per fermare «il terrore nucleare russo». Lo ha detto il presidente ucraino Volodymr Zelensky al presidente del Consiglio europeo Charles Michel. «Gli ho parlato della situazione sul campo di battaglia e in particolare a Zaporizhzhia», ha scritto Zelensky su Twitter chiedendo «sanzioni sull'industria nucleare russa e sull'energia nucleare».

  • Kiev: 3,5 milioni di ucraini senza casa per la guerra

    Oltre tre milioni e mezzo di ucraini sono rimasti senza casa dall'inizio dell'invasione russa. I dati sono stati resi noti dalla piattaforma di raccolta fondi United24 , citata da Ukrinform. “Secondo il Centro per la lotta alla disinformazione del Consiglio nazionale per la sicurezza e la difesa dell'Ucraina, il patrimonio abitativo è stato preso di mira dall'esercito della Federazione 60 volte più spesso degli obiettivi militari”, si legge nel rapporto. Attualmente, oltre il 50% del patrimonio abitativo è stato danneggiato o distrutto a Mariupol, Charkiv, Chernihiv, Bucha, Sievierodonetsk e Lysychansk.

  • Intelligence inglese: rimossi 6 comandanti russi

    «La scarsa prestazione delle forze armate russe durante l’invasione dell’Ucraina è costata cara alla leadership militare russa, molto probabilmente ha comportato il licenziamento di almeno sei comandanti russi dall’inizio delle ostilità nel febbraio 2022». Lo afferma il ministero della Difesa britannico nell’aggiornamento sull’intelligence.

  • Mosca, uccisi 300 soldati ucraini in 24 ore

    Le forze russe hanno lanciato nelle ultime 24 ore raid aerei contro postazioni della Guardia nazionale ucraina e dell’Esercito ad Artemivsk, Dzerzhinsk e Kharkiv, uccidendo oltre di 300 soldati ucraini: lo ha reso noto oggi il ministero della Difesa russo, secondo quanto riporta Interfax. Inoltre, le truppe di Mosca hanno distrutto tre posti di comando dell’esercito di kiev ed hanno messo a segno attacchi contro le truppe e gli equipaggiamenti ucraini in 173 aree del Paese.

  • Filo-russi, bombe ucraine su area centrale Zaporizhzhia

    Le truppe ucraine hanno attaccato ieri sera un’area della centrale nucleare di Zaporizhzhia vicina alla zona di stoccaggio del combustibile nucleare esaurito danneggiando alcuni edifici amministrativi: lo ha reso noto l’ufficio stampa dell’amministrazione di Enerhodar, la città situata nella parte occupata dai russi della regione di Zaporizhzhia. «L’area danneggiata - ha sottolineato l’ufficio stampa - include la stessa zona di stoccaggio del combustibile nucleare esaurito e la stazione di monitoraggio computerizzato della situazione radioattiva».

  • Mosca, distrutte 45 tonnellate di munizioni dei Paesi Nato

    Un arsenale con 45 tonnellate di munizioni che l’esercito ucraino aveva ricevuto dai Paesi membri della Nato è stato distrutto dalle forze russe nella regione ucraina di Mykolaiv (sud): lo ha reso noto il ministero della Difesa russo, secondo quanto riporta Interfax

  • Kiev, truppe nella centrale guidate da un ufficiale del posto

    Il comandante delle forze russe che al momento stazionano a Energograd, sito della centrale nucleare di Zaporizhzhia, sarebbero guidate da Vadym Klymenko, un ufficiale dell’esercito russo di origini ucraine e nato a pochi chilometri dalla centrale, nel villaggio di Prosyana, distretto di Pokrovske. A riportarlo è il capo dell’amministrazione militare della regione di Odessa, Serhiy Bratchuk, sul suo canale Telegram assieme alla minaccia “i partigiani hanno già pronto un pacco per te”. Stando alle informazioni diffuse dall’intelligence ucraina Klymenko sarebbe al momento alla guida dell’unità militare 09332 con base a Gudauta, in Abkhazia. L’ufficiale si sarebbe arruolato nell’esercito russo già nel 1999 distinguendosi nella guerra in Cecenia ed ottenendo il titolo di “Eroe della Russia”.

  • Ucraina: partite altre 4 navi, anche quella per l’Italia

    Quattro navi con prodotti alimentari ucraini, inclusa una con 6mila tonnellate di olio di semi di girasole destinate all’Italia, sono partite oggi da porti ucraini del Mar Nero nell’ambito di un accordo per sbloccare l’export via mare del Paese: lo hanno dichiarato funzionari ucraini e turchi, come riferisce il Guardian. La nave diretta in Italia, a Monopoli, è la Mv Mustafa Necati. Le altre tre sono la Mv Glory, diretta a Istanbul con 66mila tonnellate di grano; la Mv Star Helena, diretta a Nantong/Machong (Cina) con 45mila tonnellate di farina; e la Mv Riva Wind, diretta a Iskenderun (Turchia) con 44mila tonnellate di grano.

    Una nave in partenza dal porto di Chornomorsk (Reuters)

  • Kiev, 42.200 soldati russi uccisi dall’inizio della guerra

    Circa 42.200 soldati russi sono stati uccisi in Ucraina dall’inizio dell’invasione, secondo l’esercito di Kiev. Nel suo aggiornamento sulle perdite subite finora da Mosca, l’esercito ucraino indica che si registrano anche 223 caccia, 191 elicotteri e 750 droni abbattuti. Lo riporta Unian. Inoltre le forze di Kiev affermano di aver distrutto 1.805 carri armati russi, 958 sistemi di artiglieria, 4.055 veicoli blindati per il trasporto delle truppe, 15 navi e 182 missili da crociera.

  • Ucraina: 703 bambini feriti dall’inizio dell’invasione

    È aumentato ad almeno 703, nelle ultime 24 ore, il numero dei bambini feriti in Ucraina dall’inizio dell’invasione russa, mentre il bilancio di quelli morti è rimasto invariato a 361: lo ha reso noto oggi su Telegram l’ufficio del Procuratore generale di Kiev, secondo quanto riporta Ukrinform.

  • Kiev, nella notte 40 razzi vicino a centrale Zaporizhzhia

    «Questa notte circa 60 razzi di tipo ’Grad’ sono caduti sugli insediamenti costieri tra Nikopol e Zaporizhzhia, 40 dei quali sul villaggio di Marhanets», sulla sponda nord del fiume Dnipro, a soli 10 km dalla centrale nucleare di Zaporizhzhia sulla sponda sud. Lo ha reso noto su Telegram Yevhen Yevtushenko, il capo dell’amministrazione militare del distretto della vicina Nikopol. «Sono state danneggiate case, edifici, condutture e reti elettriche. Due persone sono rimaste ferite, una delle quali, un uomo di 64 anni, è in ospedale con ferite gravi», ha aggiunto Yevtushenko.

    Un militare presidia la centrale nucleare di Zaporizhzhia (Reuters)

  • Ucraina: attacchi russi su Kharkiv e Nikopol

    L’allarme aereo è scattato nella notte a Kharkiv e Nikopol, nella regione di Dnipropetrovsk, per nuovi attacchi dei russi in Ucraina. Lo riferisce Ukrinform. I residenti di Kharkiv hanno detto di avere udito almeno tre potenti esplosioni. riporta Channel 24. Secondo Yevhen Yevtushenko, responsabile dell’amministrazione nel distretto di Nikopol, gli invasori hanno anche condotto bombardamenti in direzione della città di Marhanets e dell’insediamento urbano di Chervonohryhorivka.

  • Zelensky, terrore russo a Zaporizhzhia

    Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky ha accusato la Russia di utilizzare la centrale nucleare di Zaporizhzhia «per il terrore» dopo l’accertamento di gravi danni alla struttura. Kiev e Mosca si sono incolpate a vicenda per gli attacchi alla centrale di Zaporizhzhia, il più grande complesso nucleare d’Europa. Zelensky, nel suo discorso serale di sabato, ha accusato ancora una volta Mosca di terrorismo affermando che «i terroristi russi sono diventati i primi al mondo a usare la centrale per il terrore».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti