ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùAfrica

Ucraina, ultime notizie. Onu esamina video sui prigionieri russi uccisi in Ucraina. Attacco di Mosca a Zaporizhzhia

Il procuratore svedese Mats Ljungqvist, titolare dell’indagine sulle esplosioni ai gasdotti Nord Stream 1 e 2 del 26 settembre scorso, ha fatto sapere che il gasdotto è stato colpito da un grave sabotaggio, trovate tracce di esplosivi su diversi oggetti estranei rinvenuti. Il consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak ha affermato che la guerra potrebbe finire prima che l’Ucraina liberi tutti i territori con mezzi militari. Il presidente ucraino Zelensky lancia l’allarme per la mancanza di energia elettrica a Kiev: più di 10 milioni di ucraini sono senza elettricità.

Ucraina, l'esplosione dopo il lancio di un missile russo
  • Kiev: attacco russo a Zaporizhzhia

    I russi hanno lanciato un attacco missilistico contro un impianto industriale nella città di Zaporizhzhia. Lo ha reso noto il capo dell’amministrazione militare regionale, Oleksandr Starukh, come riporta l’Ukrainska Pravda. «Il nemico ha lanciato un attacco missilistico su Zaporizhzhia. Un impianto industriale è stato danneggiato. Sul posto stanno lavorando i soccorritori. Dettagli più tardi», si legge nella sua dichiarazione su Telegram.

  • Zelensky, «necessario nuovo pacchetto di sanzioni europee»

    Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha chiesto nuove sanzioni occidentali contro la Russia in risposta al massiccio incremento degli attacchi missilistici contro l’Ucraina. “È necessario un nuovo pacchetto di sanzioni europee”, ha detto oggi Zelensky in un videomessaggio rivolto agli studenti irlandesi. “L’aggressione russa non si ferma per un solo giorno. Proprio come le bugie russe dette al mondo non si fermano mai. Pertanto, la pressione internazionale sulla Russia non dovrebbe fermarsi per un solo giorno”, ha dichiarato. Mosca - ha poi accusato - sta mobilitando tutte le sue risorse “per diventare il più grande stato terrorista della storia”.

  • Blinken, «la Russia non può vincere, si ritiri dall’Ucraina»

    “La Russia deve mettere fine a detenzioni e sparizioni, ritirare le sue forze dall’Ucraina e porre fine a una guerra che non può vincere e non vincerà, non importa quanto brutali siano le sue tattiche”. Lo scrive su Twitter il segretario di Stato americano, Antony Blinken, presentando il nuovo rapporto ’Conflict Observatory’ che documenta nuovi abusi delle truppe di Vladimir Putin in Ucraina.

  • Vescovo Kiev, sono 6,5 milioni gli sfollati interni

    “Ancora una volta stiamo assistendo a una nuova ondata di sfollati interni. Questa ondata è causata, appunto, dall’abbassamento delle temperature e dalle limitate possibilità di fornitura elettrica o di riscaldamento nelle case della nostra gente. Oggi, secondo i dati ufficiali, in Ucraina sono registrati 6,5 milioni di sfollati interni”. Lo afferma in un videomessaggio il capo della Chiesa greco-cattolica ucraina e arcivescovo maggiore di Kiev, monsignor Sviatoslav Shevchuk. “ Noi facciamo di tutto per accoglierli, apriamo loro i nostri cuori, le nostre case, li riscaldiamo, li nutriamo: facciamo di tutto per servire le persone che si sono trovate nella situazione difficile durante la guerra”, aggiunge il presule.

  • Onu esamina video sui prigionieri russi uccisi in Ucraina

    L’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani (Ohchr) sta esaminando il video sui prigionieri russi uccisi in Ucraina. Lo ha dichiarato Marta Hurtado, portavoce dell’ufficio Onu. “Siamo a conoscenza dei video e li stiamo esaminando. Le accuse di esecuzioni sommarie dovrebbero essere prontamente, pienamente ed efficacemente indagate, e tutti gli autori ritenuti responsabili”, ha affermato Hurtado, secondo quanto riporta la Reuters sul proprio sito.

  • Kiev, il 30% del territorio è minato

    Il 30% circa del territorio ucraino risulta minato in conseguenza della guerra sferrata dalla Russia. Si tratta di una superficie pari al doppio di quella dell’Austria, ha annunciato questa sera il servizio di emergenza ucraino sul suo sito. L’area interessata e il numero di mine piazzate sul territorio del paese sono aumentate dieci volte rispetto al periodo precedente la guerra, in particolare rispetto ai territori dell’Ucraina orientale, teatro di conflitto tra forze ucraine e separatisti filorussi, negli anni dal 2014. Nelle regioni di Kherson e Mykolaiv, la rimozione degli ordigni esplosivi sta proseguendo, si legge ancora. L’area da sminare è di 8mila chilometri quadrati.

  • Kiev, «elettricità ripristinata quasi al 100%»

    Le autorità ucraine hanno praticamente ripristinato l’elettricità in tutto il paese dopo che oltre 10 milioni di persone erano rimaste ieri senza luce in seguito agli attacchi missilistici russi contro la rete energetica. Lo ha detto ai giornalisti Oleksandr Kharchenko, direttore dell’Energy Industry Research Center, secondo quanto riferisce la Cnn. “Forse ci sono ancora 300 utenti senza elettricità, ma sono per la maggior parte vicino alla linea del fronte”, ha aggiunto.

  • Polonia nega visti a delegazione russa per prossimo vertice Osce

    La Polonia nega alla delegazione russa l’accesso al prossimo vertice dell’Organizzazione per la sicurezza e cooperazione in Europa, Osce. Il portavoce del ministero degli Esteri, Lukasz Jasina, ha confermato che a Mosca sarebbe stata negata la partecipazione alla riunione in programma per dicembre nella parte centrale della Polonia. “Non daremo loro i visti”, ha dichiarato. L’incontro annuale dei 57 ministri degli esteri dell’Organizzazione, di cui la Polonia detiene la presidenza, è previsto a Lodz tra il primo e il 2 dicembre.

  • Russia: riunione Consiglio sicurezza su difesa civile con Putin

    La difesa civile contro i disastri naturali è stata oggi al centro di una riunione del Consiglio di sicurezza russo a cui ha partecipato il presidente Vladimir Putin. Lo riferisce il sito del Cremlino. “Il ministero per le Situazioni d’emergenza ha proposto di discutere i mezzi per migliorare la difesa civile”, ha fatto sapere lo stesso Putin in apertura dei lavori. La riunione, ha sottolineato l’agenzia Ria Novosti, si è svolta in presenza. Dall’inizio della pandemia da Covid-19 le sedute del Consiglio di Sicurezza si svolgevano normalmente in videoconferenza, con l’eccezione di quelle a cui erano invitati un numero maggiore di dirigenti rispetto ai membri permanenti.

  • Usa, nessun colloquio con Russia senza coinvolgimento Kiev

    Gli Stati Uniti “non avranno discussioni con la Russia sulla pace in Ucraina senza che Kiev ne sia parte”. Lo ha ribadito il portavoce del Consiglio per la Sicurezza Nazionale Usa, John Kirby, in un briefing virtuale con la stampa. “Non stiamo partecipando a discussioni sulla fine della guerra con la Russia”, ha aggiunto, sottolineando che Washington “si affida a Zelensky”. “Spetta a lui decidere quando”.

  • Casa Bianca, serve negoziato ma spetta a Zelensky decidere se e quando

    Il modo “migliore” per mettere fine al conflitto in Ucraina è “il negoziato” e la “diplomazia” ma “spetta a Zelensky stabilire se e quando” sedersi al tavolo dei negoziati e “nessuno” da parte americana “lo sta spingendo” a sedersi al tavolo negoziale. Lo ha detto il portavoce del Consiglio per la Sicurezza nazionale, John Kirby, rispondendo ad una domanda sulle recenti dichiarazioni del generale Mark Milley, capo degli Stati Maggiori Riuniti Usa, riguardo alla necessità di una soluzione politica della guerra e alle scarse possibilità che l’Ucraina possa riconquistare tutti i territori occupati dalla Russia. “Niente sull’UCraina senza l’Ucraina”, ha ribadito Kirby, rilevando che il presidente ucraino Zelensky “ha detto chiaramente di non essere pronto” ai negoziati e “noi non lo biasimiamo”, perché i civili ucraini sono sotto il fuoco dell’artiglieria russa. “Ci affidiamo a lui”, che è il “comandante in capo delle forze armate ucraine”, ha affermato Kirby.

  • Parte oggi primo treno da Kiev a Kherson liberata

    Ad una settimana dall’arrivo dei soldati ucraini a Kherson, riprende oggi il servizio ferroviario da Kiev fino alla città liberata. Sul primo treno in partenza vi sono 200 passeggeri, ha riferito Serhii Khlan, consigliere dell’amministrazione dell’oblast di Kherson, citato da Kyiv Independent.

    Dopo le foto dall'Ucraina, ora Banksy posta anche un video
  • Dombrovksis, spero ok 18 mld Ue a inizio dicembre

    La proposta della Commissione europea sulla nuova assistenza macrofinanziaria all’Ucraina per 18 miliardi di euro nel 2023 “è ora all’esame del Parlamento europeo e degli Stati membri dell’Ue e spero che la sua approvazione finale arrivi all’inizio di dicembre”. Lo ha detto il vice presidente della Commissione Valdis Dombrovskis in un briefing a Kiev dopo l’incontro con il primo ministro ucraino Denys Shmyhal. “Ciò dovrebbe consentirci - ha sottolineato - di concordare il memorandum d’intesa quest’anno e, di conseguenza, la Commissione sarà in grado di effettuare un primo esborso nel gennaio 2023, coprendo giusto in tempo per le pressanti esigenze di finanziamento dell’Ucraina all’inizio del prossimo anno”. Il 22 novembre intanto dovrebbe arrivare un prossimo pagamento dell’Ue per 2,5 miliardi all’Ucraina nell’ambito del piano di assistenza già avviato. Il nuovo programma di assistenza macrofinanziaria “sarà soggetto a determinate condizioni” su “misure volte a rafforzare lo Stato di diritto, migliorare il buon governo e combattere la frode e la corruzione - ha segnalato anche Dombrovksis -. Dobbiamo firmare il memorandum d’intesa il prima possibile per ottenere l’approvazione finale dei colegislatori dell’Ue”.

    Tajani: "Non c'è pace senza giustizia e indipendenza Ucraina"
  • Finlandia inizierà a marzo costruzione barriera al confine con la Russia

    La Finlandia ha riferito che inizierà i lavori per costruire una recinzione di prova di tre chilometri al confine orientale con la Russia entro il prossimo marzo, prima di costruire una barriera lungo l’intero confine fra i due paesi per prevenire l’immigrazione clandestina. Il servizio di frontiera finlandese ha specificato che la costruzione inizierà nella località di Pelkola, nella città di Imatra. La recinzione inizierà sulle rive del fiume Vuoksi e sarà costruita in direzione nord. Le autorità di frontiera hanno indicato che sistemi di videosorveglianza saranno installati lungo tutta la barriera e si stima che la recinzione avrà una lunghezza finale fino 260 chilometri. La sua costruzione è valutata in “centinaia di milioni” di euro e durerà per i prossimi tre o quattro anni. Il governo della socialdemocratica Sanna Marin ha giustificato la necessità di costruire questa recinzione per controllare la possibilità di un aumento degli attraversamenti illegali attraverso un confine di circa 1.340 chilometri, il più lungo tra tutti i Paesi dell’Unione Europea. A fine settembre la Finlandia ha approvato la chiusura delle frontiere ai turisti russi, in piena escalation migratoria derivata dalla parziale mobilitazione annunciata giorni prima dal presidente Vladimir Putin, andando così ad aggiungersi alle restrizioni in tal senso che i Paesi baltici avevano già adottato in precedenza e Polonia.

  • Grano: Zelensky sente Erdogan, Kiev garante stabilità alimentare

    “In una telefonata con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan abbiamo espresso soddisfazione per l’estensione dell’accordo sui cereali. L’ho ringraziato per aver sostenuto la nostra iniziativa ’Grain from Ukraine’ e ho assicurato che l’Ucraina rimarrà un garante della stabilità alimentare. Abbiamo discusso anche di sicurezza e cooperazione energetica”. Lo ha scritto su Twitter il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

  • Mosca, Zelensky dovrà rispondere per ogni prigioniero ucciso

    Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e i suoi “scagnozzi” dovranno rispondere di ogni prigioniero di guerra ucciso. Lo ha annunciato il ministero della Difesa della Federazione Russa, come riporta Tass. “Zelensky e i suoi scagnozzi dovranno rispondere davanti al tribunale della storia, ai popoli della Russia e dell’Ucraina, per tutti e per ogni prigioniero torturato e ucciso”, ha affermato il ministero in una nota. Mosca ha accusato oggi l’esercito di Kiev di aver ucciso deliberatamente 10 prigionieri di guerra russi.

  • Mosca, 10 prigionieri russi uccisi dagli ucraini

    Oltre 10 soldati russi fatti prigionieri sono stati uccisi dagli ucraini con colpi d’arma da fuoco alla testa, secondo quanto afferma il ministero della Difesa di Mosca, citato dall’agenzia Ria Novosti.

  • Kiev, quasi la metà del sistema elettrico fuori uso

    Quasi la metà del sistema energetico ucraino è stato messo fuori uso dagli attacchi missilistici dei russi. Lo ha comunicato il ministro Denys Shmyhal durante un briefing con il vicepresidente esecutivo della Commissione europea Valdis Dombrovskis. “Solo il 15 novembre, la Russia ha lanciato circa 100 missili contro le città ucraine. Quasi la metà del nostro sistema energetico è stato disabilitato”, ha detto Shmyhal, secondo quanto riporta Unian.

  • Kiev su blackout, prepararsi al peggio

    La popolazione ucraina deve “prepararsi al peggio” per quanto riguarda la situazione legata alle forniture energetiche. L’operatore Ukrenergo ha affermato che le interruzioni potrebbero durare diverse ore, a causa delle temperature gelide che esercitano ulteriore pressione sulle reti energetiche, già logorate dagli attacchi mirati delle truppe russe. Gli attacchi di Mosca hanno interrotto le forniture a oltre il 40% della popolazione, ha spiegato Ukrenergo. “Bisogna sempre preparararsi al peggio. Il nemico vuole distruggere il nostro sistema energetico per causare lunghe interruzioni”, ha detto Volodymyr Kudrytskyi, amministratore delegato di Ukrenergo, “dobbiamo prepararci a possibili lunghe interruzioni, ma al momento stiamo introducendo programmi pianificati e faremo di tutto per garantire che le interruzioni non siano molto lunghe”.

  • Mosca, ’verso scambio di prigionieri con Usa che includa ’Mercante di morte’

    La Russia anticipa la possibilità di uno scambio di prigionieri con gli Stati Uniti che includa il trafficante d’armi Viktor Bout, noto come il ’Mercante di morte’. Il vice ministro degli Esteri, Sergei Ryabkov, ha spiegato che le possibilità di uno scambio in questo senso si sono “rafforzate” pur non essendoci ancora “un comune denominatore”. Gli Stati Uniti non hanno nascosto in precedenza di voler rimpatriare, con uno scambio, la cestista Brittney Griner, condannata a nove anni di carcere per possesso di stupefacenti. “E’ innegabile che Bout sia fra coloro di cui si parla per uno scambio e contiamo di arrivare a un risultato positivo”, ha aggiunto Ryabkov. Bout, ex ufficiale dell’aeronautica sovietica, è stato estradato dalla Thailandia agli Usa nel 2010, dopo che era stato catturato in un’operazione sotto copertura della Dea . E’ stato condannato a 25 anni di carcere. Oltre a Greener potrebbe essere incluso nello scambio anche l’ex Marine americano Paul Whelan.

  • Polonia, ci prepariamo per nuova ondata di profughi

    La Polonia si prepara per la probabile nuova ondata di profughi provenienti dall’Ucraina dove i russi stanno distruggendo brutalmente l’infrastruttura energetica. Lo ha detto il presidente polacco Andrzej Duda oggi a Rzeszow, la citta’ nel sud del Paese che a partire da marzo scorso ha accolto in massa gli ucraini in fuga a causa della guerra. “Avete superato il test brillantemente”, ha ringraziato il capo di Stato ribadendo la richiesta di solidarietà. Secondo Duda, la Polonia vedra’ a breve nuovi massicci arrivi di ucraini privati della possibilita’ di vivere d’inverno nelle loro case distrutte, senza la corrente e non riscaldate. Le statistiche della Guardia di frontiera polacca informano che ogni giorno entrano nel territorio polacco circa 20 mila persone dall’Ucraina (22,1 mila nelle ultime 24 ore) mentre dall’inizio della guerra gli ingrssi sono stati 7,8 milioni e mentre sono rientrate in Ucraina 6 milioni di persone. Secondo la ministra polacca per l’integrazione Agnieszka Scigaj attualmente in Polonia risiede circa 1,4 milione di profughi ucraini. A quella cifra si aggiunge pero’ - secondo Oko.press - 1,35 milione di ucraini che risiedevano nel Paese prima dell’inizio della guerra. La maggior parte abita nell grandi citta’, come Varsavia, Katowice, Breslavia, Danzica. Soltanto nella capitale polacca dall’inizio dell’aggressione russa in Ucraina sono nati 289 bambini ucraini; attualmente 18 mila bambini ucraini frequentano scuole e asili nidi, dove sono sostenuti da 300 assistenti di lingua ucraina per aiutarli a comunicare con gli insegnanti polacchi.

    Von der Leyen: "Sostegno e solidarietà a coloro che hanno subito barbari attacchi in Ucraina"
  • Varsavia, «avviati negoziati con Kiev per inchiesta su missile»

    Varsavia e Kiev hanno avviato negoziati per vedere in che modo l’Ucraina può essere coinvolta nelle indagini sul missile caduto il 15 sera in Polonia. Lo ha detto Jacek Siewiera capo dell’Ufficio polacco per la sicurezza nazionale, parlando all’emittente Tvn24. In discussione ci sono due modalità di collaborazione: l’Ucraina potrebbe presentare una richiesta internazionale di assistenza legale alla Polonia, oppure il procuratore generale polacco potrebbe organizzare un gruppo di inquirenti internazionali. “Al momento la parte ucraina non ha chiesto assistenza legale, sono in corso colloqui, forse hanno concluso a favore del gruppo internazionale”, ha affermato Siewiera.

  • Mosca, «Putin-Erdogan per completa attuazione accordo grano»

    L’ufficio stampa del Cremlino afferma che, nel corso della loro conversazione telefonica, i presidenti di Russia e Turchia, Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan, hanno “sottolineato l’importanza di un’attuazione completa e totale” dell’accordo sul grano, di cui è stato da poco annunciato un prolungamento di 120 giorni. “Considerando il rinnovo per i prossimi 120 giorni del periodo effettivo degli accordi di Istanbul del 22 luglio sull’esportazione di grano ucraino dai porti del Mar Nero e la rimozione degli ostacoli all’esportazione di prodotti agricoli e fertilizzanti russi verso il mercato internazionale, Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan hanno sottolineato l’importanza di un’esecuzione completa e totale di questo pacchetto di accordi”, afferma il Cremlino stando a quanto riportato dalla Tass. Nei giorni scorsi Mosca aveva puntato il dito contro Ue e Usa sostenendo che impedissero le forniture “dei fertilizzanti e dei prodotti agricoli” russi e che avrebbe tenuto conto di ciò nel valutare “l’opportunità di estendere l’accordo”. Successivamente ha dichiarato di aver ricevuto rassicurazioni dall’Onu che “il lavoro per garantire l’esportazione di cibo e fertilizzanti russi sarà portato a termine”.

  • Russia lancia nuovi attacchi nel Donetsk e Luhansk

    La Russia ha lanciato nuovi attacchi contro le postazioni ucraine in prima linea nelle regioni orientali di Donetsk e Luhansk. Lo rende noto l’esercito di Kiev. “Il nemico sta concentrando i suoi sforzi per ostacolare le nostre forze di difesa in aree specifiche, lanciando assalti in direzione di Bakhmut, Avdiivka e Novopavlivka”, ha detto Oleksandr Shtupun, portavoce dello stato maggiore delle forze armate ucraine. Bakhmut e Avdiivka sono state ferocemente contese per diversi mesi, ma rimangono in mano agli ucraini. Anche molte altre posizioni ucraine nel Donbass sono state prese di mira ieri, ha aggiunto Shtupun. La Russia “probabilmente” rafforzerà le sue operazioni offensive nell’Ucraina orientale ridistribuendo le truppe dal sud, dopo che sono state costrette a ritirarsi dalla città di Kherson la scorsa settimana, secondo il ministero della Difesa del Regno Unito.

    I tre graffiti di Bansky apparsi a Borodyanka in Ucraina
  • Media, «su Kiev usato un missile nucleare senza testata atomica»

    Uno dei missili lanciati ieri su Kiev e abbattuto dalla contraerea ucraina era un missile da crociera X-55, che può portare testate nucleari ma che stavolta ne era privo: lo scrive il portale di notizie militari open source Defense Express. La notizia è stata rilanciata dai media ucraini. Gli esperti ritengono che le scorte di missili da crociera convenzionali in Russia si stiano esaurendo a un livello critico per il Cremlino. Questo sarebbe il motivo per cui Mosca ha cominciato a utilizzare il missile X-55 dall’arsenale nucleare dotandoli tuttavia di testata convenzionale, sottolinea la pubblicazione.

  • Filorussi Crimea costruiscono fortificazioni

    Il capo dell’amministrazione filorussa della Crimea, Sergey Aksenov, ha annunciato su Telegram di aver ordinato la costruzione di fortificazioni nella penisola. L’attività verrà coordinata con le linee di difesa russa nelle zone occupate della provincia di Kherson. Lo riferisce Ukrainska Pravda. Il Cremlino aveva annunciato in precedenza di voler “rafforzare la sicurezza delle infrastrutture dei trasporti” in Crimea, penisola occupata dai russi nel 2014.

  • Kiev, esperti ucraini già su luogo del missile in Polonia

    “Gli esperti ucraini stanno già lavorando sul luogo della tragedia di Przewodów in Polonia dove un missile ha ucciso due persone. Sono grato alla parte polacca per aver concesso l’accesso. Continueremo la nostra cooperazione in modo aperto e costruttivo, come fanno gli amici più stretti”, ha scritto su Twitter il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba.

  • Kiev, famiglia con due bambini uccisa a Zaporizhzhia

    Secondo la polizia ucraina, la scorsa notte l’esercito russo ha ucciso a colpi di pistola una famiglia con due bambini nella regione di Zaporizhzhia. Le forze dell’ordine hanno diffuso i nomi delle quattro vittime colpite nel villaggio di Kamysh-Zarya, nel distretto di Pology. Secondo le forze dell’ordine ucraine ora la strada, via Poshtovaya, in cui è avvenuto l’omicidio è circondata da personale militare della Federazione Russa. Le informazioni della polizia sono state confermate dai servizi di intelligence di Kiev.

  • G7 Interni, ferma condanna alla Russia, sostegno all’Ucraina

    “Continuiamo a condannare nei termini più forti l’aggressione non provocata all’Ucraina da parte della Russia”. Lo si legge nel comunicato finale del G7 dei ministri degli Interni che si chiude oggi a Eltville, in Germania . “Rimaniamo saldi nel sostegno all’Ucraina”, viene aggiunto.

    Ucraina, Lavrov: "Kiev rifiuta colloqui"
  • Commissione Ue, su aiuti a Kiev contiamo su unità 27

    La Commissione europea si attende l’approvazione del finanziamento per 18 miliardi di euro all’Ucraina per il 2023: L’Ue “è più efficace quando agisce nell’unità e ci aspettiamo questa unità anche ora”, ha detto Veerle Nuyts, portavoce della Commissione, interpellata nel corso del briefing quotidiano con la stampa sulle riserve del Governo ungherese di Victor Orban, orientato a non sostenere la proposta della Commissione in merito. “La proposta del pacchetto fino a 18 miliardi di fabbisogno finanziario a breve termine per l’Ucraina per il prossimo anno è arrivato dopo le richieste del Consiglio europeo, dove se ne è discusso - ha replicato in particolare al riguardo -. Vista l’urgenza della questione la Commissione conta di poter contare sul sostegno di tutti i membri Stati per l’adozione di questo pacchetto molto importante e tanto necessario”.

    Kiev rischia il blackout totale, Kherson senza luce e acqua
  • Riapre linea ferroviaria da Kiev e Kherson

    L’Ucraina ha annunciato di aver ripristinato la linea ferroviaria tra la capitale Kiev e Kherson, una settimana dopo il ritiro delle truppe russe dalla città. “Il primo tragitto avrà luogo oggi dalla capitale e arriverà domani a Kherson”, ha detto un responsabile locale, Serguii Khlan, precisando che “circa 200 passeggeri viaggeranno a bordo del treno”.

    La Russia ha bombardato di nuovo Kiev, bombe anche su Leopoli
  • Orban, politica sanzioni Ue è passo verso la guerra

    “La politica delle sanzioni è un passo verso la guerra”, una guerra in cui “stiamo scivolando passo dopo passo. Non siamo ancora stati attaccati, ma siamo molto vicini a diventare una vera parte in conflitto”. Lo ha detto il premier ungherese, Viktor Orban , nella consueta intervista settimanale a Kossuth Radio, parlando delle misure restrittive imposte dall’Ue contro la Russia. Il premier, che ha bollato come “molto pericolose” le azioni dell’Europa, ha detto inoltre che l’Ungheria non ha mai sostenuto la politica delle sanzioni, ma che non può permettersi di porre il veto su qualsiasi decisione.

    “A volte dobbiamo lasciar andare le cose”, ha spiegato, sottolineando la necessità di “insistere e lottare” per ottenere delle eccezioni che siano “in linea con gli interessi dell’Ungheria”. Orban inoltre ha difeso la decisione del suo governo di non sostenere la proposta della Commissione europea sul pacchetto di assistenza finanziaria da 18 miliardi di euro a favore dell’Ucraina. “L’Ungheria condanna l’aggressione russa e aiuta il popolo ucraino, ma non è disposta a mettere gli interessi dell’Ucraina prima dei propri” ha detto Orban.

    Il premier ungherese, Viktor Orban (Ansa)

  • Russia, modello Cecenia di Kadyrov si è diffuso in tutto il Paese

    “La Cecenia è stata il ’poligono’ per violazioni dei diritti umani che si sono poi diffuse nel resto della Federazione russa. E’ stato nella Repubblica del Caucaso che abbiamo iniziato ad assistere a rapimenti e violenza sessualizzata contro uomini per le loro posizioni politiche e per il loro orientamento sessuale e ora queste pratiche si stanno diffondendo”, denuncia all’Adnkronos Olga Sadovskaya , del Comitato contro la tortura.

    “E’ in atto una “kadyrovizzazione della Russia: quello che è accaduto in Cecenia (dalla seconda guerra all’inizio degli anni Duemila ndr), si sta propagando altrove”, aggiunge Sadovskaya, denunciando che “i kadyrovtsy (i membri delle milizie istituite in Cecenia da Ramzan Kadyrov, ndr) si muovono oramai in tutto il Paese”. E “malgrado il numero mostruoso di denunce da parte dei cittadini, non è stato avviato un solo caso per tortura”.

    Olga Sadovskaya, del Comitato contro la tortura

  • Polonia, funerali di stato per i due morti in attacco missilistico

    La Polonia celebrerà i funerali di stato per le due persone uccise da un missile che ha colpito il loro villaggio al confine con l’Ucraina martedì scorso. Lo ha detto il parroco locale all’agenzia di stampa polacca Pap, aggiungendo che i funerali si svolgeranno separatamente, sabato e domenica. Il missile, che ha colpito una fattoria a Przewodów, a circa 6 chilometri dal confine con l’ Ucraina , ha ucciso un trattorista di 60 anni e un magazziniere di 62 anni. Sia la Polonia che la Nato hanno detto che l’incidente è stato causato da un missile antiaereo ucraino, attribuendo la colpa finale a Mosca per aver messo Kiev in una posizione in cui deve difendersi dagli attacchi russi.

    Blinken: Russia responsabile ultima dell'incidente in Polonia
  • Filorussi, lavori di fortificazione in Crimea

    Sono in corso lavori di fortificazione in Crimea per garantire la sicurezza degli abitanti della penisola. Lo ha detto il capo della repubblica Sergei Aksenov. “Sono in corso lavori di fortificazione sul territorio della Crimea sotto il mio controllo, volti a garantire la sicurezza della Crimea”, ha detto Aksenov citato da Interfax, “le misure adottate oggi” “sono sufficienti a far sentire al sicuro i cittadini”.

    Ucraina, Zelensky punta a liberare il Donbass
  • Mosca, al momento escluso vertice Putin-Biden

    Al momento un vertice tra Vladimir Putin e Joe Biden è escluso. Lo ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, rispondendo ad una domanda dei giornalisti: “No, finora non si parla di un vertice...al momento”.

    Ucraina, pressing Usa su Zelensky per aprire a negoziati
  • Cremlino, mediazione Berlusconi? Accogliamo ogni sforzo per pace

    Il presidente russo Vladimir Putin “ha ripetutamente detto che siamo sempre felici di accogliere ogni sforzo per la pace e di sostenere ogni sforzo di questo tipo”. Così il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov , ha risposto a chi gli chiedeva di un’ipotesi di mediazione per la pace da parte di Silvio Berlusconi, dopo che The Spectator ha riportato che Berlusconi vorrebbe andare a Mosca da Putin, ipotesi già smentita da Forza Italia.

    Il vice premier e ministro degli Esteri Antonio Tajani ha detto, in un’intervista al quotidiano La Stampa, che è “falso” quanto riportato da The Spectator, “non si va a Mosca così liberamente. Io in passato avevo detto che Silvio Berlusconi e Angela Merkel sarebbero stati dei buoni mediatori, magari in ambito Onu, vista la loro conoscenza personale con Putin pur in una chiara collocazione atlantica. Ma questa proposta ormai è superata dai fatti”.

    Silvio Berlusconi e Vladimir Putin (Ansa)

  • Cremlino, rammarico per esclusione da inchiesta su Mh17

    Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov , ha espresso oggi “rammarico” per il fatto che ai rappresentanti della Russia non sia stato consentito di prendere parte all’inchiesta sull’abbattimento del volo MH17 della Malaysia Airlines, per il quale una Corte olandese ha condannato ieri all’ergastolo due russi e un ucraino. Lo riferisce l’agenzia Interfax.

    Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov (Ansa)

  • Erdogan ringrazia Putin, costruttivo su accordo grano

    Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha ringraziato l’omologo russo Vladimir Putin per il suo “atteggiamento costruttivo” riguardo al prolungamento dell’accordo per l’esportazione di grano dai porti ucraini, che ieri è stato esteso per altri 120 giorni. Lo rende noto Anadolu.

    Attentato Istanbul, Erdogan: "Colpevole chi sostiene terroristi"
  • Comune Kiev ai cittadini, fate scorte di acqua e cibo

    Il Comune di Kiev ha avvertito i cittadini di fare rifornimento di cibo e acqua, sullo sfondo degli attacchi russi al sistema energetico ucraino. In particolare, l’amministrazione municipale sottolinea che bisogna prepararsi a periodi lunghi di assenza di elettricità.

    Ucraina, cade la prima neve a Kiev ma continuano i blackout
  • Mosca insoddisfatta per smentita Aiea su bomba sporca Kiev

    La Russia non è soddisfatta di un rapporto dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) secondo il quale non vi sono prove che l’Ucraina possa preparare una bomba sporca, come denunciato da Mosca. Lo ha detto il vice ministro degli Esteri Serghei Ryabkov. Secondo Ryabkov, citato dall’agenzia Tass, Kiev ha le capacità e “costruire un tale ordigno e usarlo a scopi provocatori”. I tre impianti che l’Aiea ha ispezionato, ha aggiunto il vice ministro, “non sono i soli” di cui Kiev dispone.

    Il vice ministro degli Esteri russo Serghei Ryabkov. (Ansa)

  • Medvedev, Congresso Usa metterà fine a sostegno a Kiev

    Con il rafforzamento dei Repubblicani dopo le elezioni di Midterm il Congresso Usa a lungo andare “sospenderà il sostegno senza riserve al regime nazionalista dell’ Ucraina ”, perché “l’America ha sempre abbandonato i suoi amici”. Lo ha detto l’ex presidente russo Dmitry Medvedev citato dall’agenzia Tass. L’atteggiamento tra i cittadini americani comuni “comincerà ad indirizzarsi verso la realtà”, ha aggiunto Medvedev, e ciò “continuerà a crescere fino a che il Congresso sospenderà” appunto il suo sostegno a Kiev.

    L’ex presidente russo Dmitry Medvedev (Ansa)

  • Kiev: avanzata russa respinta in 9 insediamenti

    L’ Ucraina ha respinto l’avanzata russa nei pressi di 9 insediamenti nell’est del Paese. Lo rende noto lo stato maggiore di Kiev, precisando che “nelle ultime 24 ore, l’esercito ucraino ha respinto gli attacchi russi vicino a Novoselivske e Stelmakhivka, nell’oblast di Luhansk e a Bilohorivka, Verkhniokamianske, Spirne, Opytne, Pervomaiske, Vodiane e Novomykhailivka, nell’oblast di Donetsk”.

    L’esercito ucraino ha colpito “quattro centri di comando russi, 22 depositi di equipaggiamento e personale militare, sei depositi di munizioni e altri quattro siti strategici dell’esercito russo - ha aggiunto lo stato maggiore - Ieri le forze russe hanno lanciato 27 missili, cinque attacchi aerei e oltre 50 attacchi con lanciarazzi multipli contro l’Ucraina”.

    Ucraina, Kherson liberata dai russi: cibo distribuito agli abitanti
  • Sale a 9 bilancio vittime a Zaporizhia dopo attacco russo

    È salito a 9 il numero delle vittime dell’attacco missilistico russo di ieri su Vilniansk, nella regione di Zaporizhzhia . Lo riferisce il vice capo dell’ufficio presidenziale Kyrylo Tymoshenko, citato dai media ucraini. “Così nove persone sono già state trovate morte, uccise dai razzi dei terroristi russi che ieri hanno sparato contro edifici residenziali”, ha detto Tymoshenko.

    Grossi (Aiea) incontra Putin: problemi di sicurezza nucleare
  • Svezia, grave sabotaggio a Nord Stream, tracce esplosivi

    “Il gasdotto Nord Stream è stato colpito da un grave sabotaggio, sono stati trovate tracce di esplosivi su diversi oggetti estranei rinvenuti”: è la conclusione del procuratore svedese Mats Ljungqvist, titolare dell’indagine sulle esplosioni ai gasdotti Nord Stream 1 e 2 del 26 settembre scorso. Lo riportano i media svedesi.

    “Durante le indagini sulla scena del crimine condotte nel Mar Baltico sono stati raccolti molti reperti e l’area è stata accuratamente analizzata. Le analisi effettuate mostrano residui di esplosivo su diversi oggetti estranei rinvenuti. Il lavoro di analisi avanzata continua per trarre conclusioni più affidabili sull’incidente”, ha dichiarato il procuratore Ljungqvist in un comunicato stampa. “La collaborazione tra le autorità svedesi e quelle di altri Paesi è eccellente. Per il proseguimento delle indagini preliminari e delle varie collaborazioni in corso è importante poter lavorare in tranquillità”, ha aggiunto. Secondo Ljungqvist, l’indagine preliminare è molto complessa ed estesa e non è ancora chiaro se qualcuno sarà accusato di un reato.

    Le prime immagini del Nord Stream, "enormi esplosioni"
  • Crosetto (Difesa), Russia punta a creare esodi di massa

    Il ministro alla Difesa Guido Crosetto sente il dovere di “seguire una guerra che l’Italia non ha voluto o cercato, e farlo nel modo più serio possibile. L’obiettivo è farla finire e arrivare alla pace” dice in un’intervista al QN. L’attacco russo all’ Ucraina “ha cambiato strategia: ora si rivolge contro le popolazioni civili e punta a provocare esodi di massa di milioni di persone che devono decidere se morire di freddo o lasciare le loro case. Distruggere le infrastrutture ucraine e mettere al buio le città vuol dire puntare a esportare la guerra in Europa, mandandoci migliaia di profughi per punirci di aver voluto aiutare l’Ucraina”.

    Il governo “dovrà fare per forza un passaggio in Parlamento. L’autorizzazione agli invii di armi scade nel 2022 e va prorogata nel 2023. La linea da seguire per un eventuale sesto invio di armi la deciderà il governo, non io da solo”.

    Il ministro alla Difesa Guido Crosetto

  • Kiev, guerra può finire prima liberazione dei territori

    Il consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak ha affermato in un briefing con i giornalisti che la guerra potrebbe finire prima che l’ Ucraina liberi tutti i territori con mezzi militari. Podolyak ha commentato così la dichiarazione del capo di stato maggior americano Mark Milley secondo cui è molto bassa la probabilità di liberazione militare di tutti i territori occupati dai russi, compresa la Crimea.

    Banksy In solidarietà con il popolo ucraino
  • Gb, Russia ridistribuirà parte delle forze per offensiva a Bakhmut

    “La Russia proverà a ridistribuire parte delle forze recuperate da Kherson per rafforzare l’offensiva vicino a Bakhmut, nel Donetsk”. Lo afferma l’intelligence britannica nel suo rapporto quotidiano su Twitter, aggiungendo che, “dopo il ritiro delle sue forze dalla sponda occidentale del fiume Dnipro, la Russia continua a dare la priorità al riequipaggiamento, alla riorganizzazione e alla preparazione delle difese nella maggior in altre aree dell’Ucraina”.

    Secondo il ministero della Difesa di Londra, “le unità russe hanno costruito nuove trincee vicino al confine con la Crimea, nonché vicino al fiume Siverskyi Donets, tra le regioni di Donetsk e Luhansk. Alcuni di questi luoghi si trovano fino a 60 km dall’attuale linea del fronte e prefigurano che la Russia si sta preparando per ulteriori importanti attacchi”.

    Missili in Polonia, von der Leyen: "Pieno supporto per indagini"
  • Sale a 433 il numero dei bambini uccisi da inizio guerra

    Dall’inizio dell’invasione russa, il 24 febbraio, 433 bambini ucraini hanno perso la vita e più di 837 sono rimasti feriti a causa dei bombardamenti russi. Lo rende noto l’ Ufficio del Procuratore Generale di Kiev , come riporta Ukrinform.

    Ucraina, Zelensky al G20: "Russia terrorista, serve risposta rapida"
  • Aiea chiede a Russia ritiro truppe da centrale di Zaporizhia

    Il consiglio dei governatori dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) chiede alla Russia di ritirare i suoi militari e altro personale russo dalla centrale nucleare di Zaporizhzhia , abbandonare le sue “pretese infondate” sulla proprietà dell’impianto e cessare qualsiasi attività negli impianti nucleari ucraini. La risoluzione è stata sostenuta dalla maggioranza del consiglio, che comprende 35 paesi.

    Afferma inoltre che l’Aiea non ha trovato segni di attività nucleare non dichiarata o materiali relativi allo sviluppo di dispositivi di dispersione delle radiazioni (le cosiddette “bombe sporche”) in Ucraina. La risoluzione esprime inoltre profonda preoccupazione per la pressione sul personale ucraino della centrale di Zaporizhzhia, nonché per le ripetute interruzioni dell’approvvigionamento energetico esterno dovute ai bombardamenti.

    Ucraina, cade la prima neve a Kiev ma continuano i blackout
  • Gb: sul Dnipro russi si preparano a nuovi sfondamenti ucraini

    Dopo il ritiro delle sue forze a ovest del fiume Dnipro, le forze russe continuano a dare priorità al riallestimento, alla riorganizzazione e alla preparazione delle difese nella maggior parte dei settori in Ucraina : gli spostamenti suggeriscono che gli strateghi russi si stanno preparando in caso di ulteriori importanti sfondamenti ucraini. Lo scrive su Twitter l’intelligence del ministero della Doifesa britannico nel suo aggiornamento quotidiano sulla situazione in Ucraina.

    Le unità hanno costruito nuovi sistemi di trincee vicino al confine con la Crimea e vicino al fiume Siversky-Donets tra gli Oblast di Donetsk e Lugansk. Alcune di queste posizioni si trovano fino a 60 km dietro l’attuale linea del fronte. È probabile che la Russia tenti alla fine di ridispiegare alcune delle forze recuperate da Kherson per rafforzare ed espandere le sue operazioni offensive vicino alla città di Bakhmut, nell’Oblast’ di Donetsk.

    Ucraina, Kherson liberata dai russi: cibo distribuito agli abitanti
  • Dombrovskis a Kiev, integrazione Ue-Ucraina crescerà

    “Arrivato a Kiev per discutere del sostegno dell’Ue all’ Ucraina , concentrarsi sul sostegno finanziario di emergenza e sui nostri piani per il 2023. Discuterò anche con il presidente Volodymyr Zelensky e il primo ministro Denys Shmyhal misure concrete per una più stretta integrazione economica tra l’Ue e l’Ucraina”. Lo scrive su Twitter il vice presidente della Commissione europea e commissario per il Commercio Valdis Dombrovskis.

    Il vice presidente della Commissione Ue e commissario per il Commercio Valdis Dombrovskis (Ansa)

  • Attacchi nella notte a centrali elettriche di Nikopol

    Nella notte l’esercito russo ha bombardato il distretto meridionale di Nikopol danneggiando tra l’altro una centralina elettrica, una centrale a energia solare e condomini: lo ha riferito il capo dell’amministrazione militare regionale Valentyn Reznichenko, citato dai media ucraini. Durante la notte attacchi russi hanno colpito anche la regione orientale di Dnipropetrovsk.

    Missili in Polonia, Zelensky: "Aggressione russa"
  • Il Papa: la pace è possibile, pronti a mediare

    La pace in Ucraina “è possibile. Però bisogna che tutti si impegnino per smilitarizzare i cuori. Dobbiamo essere tutti pacifisti. Volere la pace, non solo una tregua che magari serva solo per riarmarsi”, Lo dice Papa Francesco in un’intervista alla Stampa alla vigilia della sua visita ad Asti. Il Pontefice conferma poi la disponibilità del Vaticano a “fare tutto il possibile per mediare e porre fine al conflitto in Ucraina”.

    Papa Francesco (Ansa)

  • Maxi-furto a villa oligarca Tinkov Forte dei Marmi, indagini

    Indagini in pieno corso dei Carabinieri per ricercare i ladri che hanno svaligiato a Forte dei Marmi (Lucca) una villa dell’oligarca russo Oleg Tinkov, 54 anni, magnate noto per il suo patrimonio di miliardi di dollari e per aver criticato Putin sull’invasione dell’ Ucraina oltre che per gli ingenti investimenti in Italia. Il furto è avvenuto in un periodo in cui Tinkov non sta soggiornando in Versilia e non si trova in Europa.

    Secondo prime stime il colpo avrebbe fruttato un bottino di centinaia di migliaia di euro in oggetti preziosi e beni di vario pregio conservati nelle casseforti allestite nella dimora versiliese. Hanno agito più malviventi tra il 16 e il 17 novembre e in base alle ricostruzioni hanno operato da professionisti pure neutralizzando sofisticati sistemi di allarme. Al vaglio le immagini riprese dalle telecamere, mentre per la presenza di persone sospette o nella villa, o nei dintorni, i giorni precedenti il furto, le indagini sperano di trovare delle testimonianze utili in merito.

    Nei giorni scorsi c’è stato un altro furto in un’altra villa di magnati dell’Est, anche questo con un bottino ingente, ma mentre all’interno alloggiavano due affittuari, pare due ricchi ucraini, che si sono svegliati. I ladri sono fuggiti ma avevano già svuotato una cassaforte. I due episodi potrebbero essere opera della stessa banda di cui si stanno cercando le tracce lungo tutto il litorale, in particolare per capire di quali appoggi i ladri possono aver fruito nei periodi della preparazione dei colpi che hanno richiesto sopralluoghi e ispezioni sul posto per pianificarli al meglio.

    Ucraina, l'esplosione dopo il lancio di un missile russo
  • Apec: Macron, guerra in Ucraina è anche affare vostro

    Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha lanciato un appello ai Paesi dell’Asia Pacifica di unirsi al “consenso crescente” contro la guerra in Ucraina , sottolineando che questo conflitto è anche un “loro problema”. “La priorità numero uno della Francia è quella di contribuire alla pace in Ucraina e cercare di avere una dinamica mondiale per mettere pressione sulla Russia”, ha detto al vertice Apec. Bisogna “lavorare a stretto contatto con la Cina, l’India, tutte le regioni, il Medio Oriente, l’Africa, l’America Latina - ha concluso -, per creare un consenso crescente dicendo ’questa guerra è anche un vostro problema’”.

    Ucraina, l'esplosione dopo il lancio di un missile russo
  • Zelensky: oltre 10 milioni di ucraini senza elettricità

    Da Kiev arriva l’allarme del presidente, Volodymyr Zelensky, per la mancanza di energia elettrica. Attualmente - ha detto nel discorso di ieri sera -, più di 10 milioni di ucraini sono senza elettricità dopo una nuova ondata di attacchi missilistici da parte della Russia che ha causato la morte di almeno 7 persone. “Stiamo facendo di tutto per normalizzare la fornitura elettrica”, ha detto Zelensky. “La difesa aerea ucraina è riuscita ad abbattere 6 missili da crociera e 5 droni”, ha aggiunto.

    Ieri la Russia ha colpito l’Ucraina colpendo più installazioni energetiche e altri edifici civili meno di due giorni dopo uno dei suoi bombardamenti più pesanti. Sette persone sono morte quando un missile ha colpito il loro condominio a Vilnyansk, vicino alla città meridionale di Zaporizhzhia.

    Un impianto di produzione di gas e una fabbrica di missili a Dnipro sono stati tra gli ultimi obiettivi, secondo quanto riferito da funzionari governativi. Coloro che soffrono di interruzioni di corrente sono principalmente nella capitale, Kiev, la città occidentale di Vinnytsia, la città portuale di Odessa, nel sud-ovest, e Sumy, nel nord-est.

    Ucraina, arriva la prima neve a Kiev

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti