ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa conferenza stampa a Bruxelles

Draghi: «Italia sia al centro del progetto europeo. Reazione mercati al mio addio? Siamo paese forte»

Il premier uscente: «Piano Ue sul gas accoglie tutte le nostre proposte. L’Italia è forte, entra in un periodo difficile con solide basi»

A Bruxelles i leader Ue salutano Draghi con un lungo applauso

2' di lettura

«Questa è la mia ultima conferenza stampa a Bruxelles, e la mia ultima da presidente del Consiglio. Voglio ringraziare tutti voi giornalisti, in particolare voi di base a Bruxelles. Raccontare quello che succede qui è difficile, può richiedere lunghe nottate ma è essenziale». Lo ha detto il premier Mario Draghi in conferenza stampa, al termine del Coniglio europeo. «L’Ue è fondamentale - ha aggiunto -, l’Italia deve essere al centro del progetto europeo con la credibilità, l’autorevolezza, la determinazione che si addice a un grande Paese come il nostro». L’Italia è uno Stato molto forte e ha mostrato un enorme potenza e credibilità. E le performance economiche italiane stanno andando molto bene», ha affermato, rispondendo a chi gli chiedeva di eventuali reazioni dei mercati quando andrà via da Palazzo Chigi. Draghi tornerà a Roma dopo aver raggiunto al fotofinish un’’intesa a livello europeo sul dossier dell’energia.

Con l’accordo in Ue presto bollette più basse

«Il problema del gas - ha spiegato - è il prezzo, non la disponibilità, nostri stock pieni». «La decisione di questa notte ha portato ad un calo del prezzo del gas - ha aggiunto -, dopo l’accordo le quotazioni hanno perso il 10% a dimostrazione che la componente speculativa è rilevante. Questo è il mondo in cui andava affrontata la crisi dall’inizio e si tradurrà presto in bollette più basse».

Loading...

Piano Ue sul gas accoglie tutte le nostre proposte

«Abbiamo sempre detto che la risposta alla crisi deve essere europea, dobbiamo preservare l’unità dei nostri Paesi, essenziale per imporre la massima pressione sulla Russia», ha detto Draghi in conferenza stampa. «Dobbiamo preservare il mercato unico, impedire il rischio di instabilità finanziaria. Una forte risposta europea è essenziale per l’Italia e anche per l’Europa», ha aggiunto il premier, ricordando come le conclusioni del Consiglio «mostrano che l’Ue è unita. Il pacchetto accoglie tutte le proposte dell’Italia».

Presto decisione operativa Ue su energia e fondo

«Ci aspettiamo che nelle prossime settimane i ministri dell’Energia e anche l’Ecofin arrivino a una decisione operativa» sull’energia e «il finanziamento del fondo comune. Questo è l’auspicio che tutto il Consiglio europeo ha espresso», ha detto Draghi.

Non lascio consigli a nuovo governo ma lavoro fatto

Sul piano della politica interna, in queste ore decisive per la nascita del nuovo esecutivo, Draghi ha spiegato: «Non do consigli al nuovo governo, quello che un governo uscente può fare è lasciare la testimonianza di quello che ha fatto, questo è quello che un presidente del Consiglio uscente lascia a quello che arriva». «Abbiamo cercato di lasciare una transizione serena», ha aggiunto, in modo tale che il nuovo governo «possa rapidamente iniziare la propria attività».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti