CONTRAFFAZIONE

Ue, dalle frodi sui pesticidi danni per 1,3 miliardi l’anno

di Laura Cavestri


default onloading pic
AgfCreative

2' di lettura

Pesticidi contraffatti, ad alto rischio per la salute dei consumatori perchè finiscono anche nell’agricoltura europea ma a basso impatto mediatico.
A quantificare il fenomeno è l’Euipo (l’Ufficio della Ue nper la Tutela della proprietà intellettuale), che questa mattina renderà noto il 10° studio sullòa contraffazione in Europa, per settori, e che questa volta analizza un segmento preciso e delicato di prodotti chimici destinati all’agricoltura.

Secondo Euipo, le imprese europee perdono, annualmente, circa 1,3 miliardi di euro di vendite, che più o meno equivalgono al 13,8 %del mercato legale. Tali mancate vendite generano, a loro volta, una perdita diretta di 2 600 posti di lavoro.

Se poi si sommano anche le perdite in termini di entrate pubbliche, sempre nellaUe a 28, fra mancati prelievi fiscali e contributi previdenziali vannomaggiunti altri 238 milioni di euro di danni da contraffazione. Spesso si tratta di sostanze provenienti dalla Cina, a bassissimo costo ma la cui composizione è ignota o semplicemente assente. Inswomma, non si sa cosa ci sia dentro e, anche quando vengono intercettati ed esaminati, si riscontrano elementi nocivi in dosi allarmanti e comunque sopra la soglia di quanto consentito in Europa.

A rimetterci, sul mercato legale, quì è soprattutto la Germania: il principale produttore di pesticidi nella Ue, dove questo settore ha un peso economico pari a 4 miliardi di euro, perde ogni anno 300milioni di vendite legali causa contraffazione e 500 posti di lavoro. Circa 240 milioni il “danno” per la Francia che detiene un fatturato legale del settore di 3,5 miliardi Mentre l’Italia subisce una perdita pari a 185 milioni annui .

«La contraffazione non risparmia alcun settore _ ha ricordato il direttore di Euipo, António Campinos –e l’industria dei pesticidi, che conta numerose piccole e medie imprese, non fa eccezione».

Quello odierno, è il decimo di una serie di studi pubblicati dall’Euipo – tramite l’Osservatorio europeo sulle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale – sull’impatto economico della contraffazione nei settori industriali della Ue. Gli studi precedenti hanno analizzato diversi settori: farmaceutico, alcolici e vini, l’industria discografica, borse e valigie, gioielli e orologi, giochi e giocattoli, articoli sportivi, abbigliamento, accessori e calzature, sino ai prodotti cosmetici.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...