Occupier Sentiment Index

Uffici, l’ottimismo è solo sul «prime»

Per il Commercial Property Monitor, in Italia, nel IV trimestre 2019, è cresciuta la disponibilità di immobili industriali, retail e uffici ma l’ottimismo degli operatori si concentra tutto sul direzionale di fascia alta

di Laura Cavestri


default onloading pic
(AgfCreative)

3' di lettura

Tra immobili industriali, retail e uffici l’ottimismo di investitori e conduttori cresce. Ma solo se si parla di uffici, rigorosamente di fascia alta. A scattare la fotografia è il Commercial Property Monitor di Rics che a gennaio ha rilevato il sentiment degli operatori sugli immobili commerciali, sia sul fronte della chiusura d’anno sia in prospettiva sul 2020, in Italia e all’estero.

Secondo l’Occupier Sentiment Index, negli ultimi tre mesi del 2019, la percezione sugli immobili commerciali è stata quella di un miglioramento soltanto contenuto dei rendimenti (+10, di poco superiore al +7 del III trimestre). La domanda degli occupier è aumentata sia nel comparto uffici sia nel comparto industriale nel IV trimestre, mentre è rimasta praticamente invariata quella nel retail.
Sebbene la disponibilità di immobili continui a crescere in tutti e tre i comparti, ad un ritmo analogo a quello registrato nel terzo trimestre, per quanto riguarda le proiezioni di crescita dei canoni, quelli relativi agli uffici di fascia prime dovrebbero aumentare del 3% (in diminuzione dal 5% stimato nel III trimestre), mentre i canoni relativi agli immobili industriali e commerciali della stessa fascia dovrebbero crescere del 2 per cento. Per contro, i canoni relativi agli immobili industriali e commerciali di seconda fascia dovrebbero scendere del 2% circa.

Sul fronte degli investitori, la stessa rilevazione mostra una contrazione dell’Isi (Investment Sentiment Index) a quota +4, dal +9 registrato in precedenza e in linea con un mercato degli investimenti al momento relativamente piatto.

I dati aggregati evidenziano che le manifestazioni di interesse degli investitori hanno registrato un modesto rialzo nel comparto industriale e in quello retail, mentre la domanda di uffici è stata interessata da una crescita più robusta.
La domanda di immobili industriali e commerciali in Italia da parte di investitori stranieri è rimasta sostanzialmente invariata rispetto al III trimestre, a differenza della domanda di uffici, la cui crescita, secondo il campione di intervistati, si è confermata solida per il 5° trimestre consecutivo negli ultimi tre mesi dell’anno. Anche sul fronte dei capital value, nei 12 mesi del 2020, ci si attende un apprezzamento degli uffici di fascia prime.
Mentre per quelli di seconda fascia si stima che i valori capitali si mantengano pressoché invariati, mentre quelli del comparto industriale e retail della stessa fascia sono dati in diminuzione nel corso dei prossimi dodici mesi.

«In Italia – ha sottolineato – Claudia Scarcella, Country manager di Rics in Italia – la survey del 4° trimestre continua a registrare un divario tra il settore prime e quello secondario in tutti e tre compati, e la costante crescita della domanda nel settore uffici prime. Le proiezioni sui prossimi 12 mesi consoliderebbero tale tendenza. Gli operatori di mercato sono, dunque, orientati verso investimenti più sicuri, prediligendo il settore uffici sul quale si registra l’attesa di maggiore rendimento dei canoni di locazione. Milano, in tal senso, rappresenta l’esempio di maggiore vivacità e innovazione registrando un aumento significativo degli investimenti nel settore rispetto al 2018, aumento registrato peraltro anche su Roma».

Una delle chiavi per rendere più attraente il nostro Paese e ampliare lo scenario di opportunità di investimento anche in altri segmenti, «è certamente – ha concluso Scarcella – la diffusione di standard condivisi e riconosciuti a livello globale in tutti i settori della professione, che possano rinforzare la fiducia di operatori e investitori. La mission di Rics si muove sempre più in questa direzione per la condivisione delle best practice e la generazione di opportunità per i propri membri e per il Paese».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...