ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

Piazza Affari chiude sopra i 28mila punti (+0,7%). Wall Street negativa: Dj -1,07%, Nasdaq -3,34%

Prosegue di slancio il 2022 dei listini. Per le Borse europee è il terzo rialzo di fila. Iveco alla riscossa (+6,2%) supera il prezzo d'esordio. Petrolio sopra i 78 dollari, euro stabile a 1,13 contro il biglietto verde

di Enrico Miele e Stefania Arcudi

Aggiornato alle ore 17:35

La Borsa, gli indici del 5 gennaio 2022

3' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Prosegue di slancio il 2022 delle Borse europee, che archiviano il terzo rialzo di fila e si mettono per ora alle spalle la paura per la diffusione della variante Omicron, più contagiosa ma meno pericolosa. Brilla soprattutto il FTSE MIB di Milano che - con un guadagno nelle prime tre sedute dell’anno superiore al 3% - ha chiuso la seduta sopra i 28mila punti (a 28.162 punti), livelli che non vedeva da 13 anni e al top dal 12 settembre 2008, in pratica pochi giorni prima del crack di Lehman Brothers. Bene anche il CAC 40 di Parigi che aggiorna ulteriormente il suo massimo storico, il DAX 30 a Francoforte e lo spagnolo IBEX 35. Passa così in secondo piano anche il rialzo dell’inflazione, in attesa di indicazioni dalla Federal Reserve: nella serata italiana, infatti, arriveranno i verbali dell’ultima riunione del Fomc e potranno esserci ulteriori indicazioni sulla strategia della Banca centrale americana per contrastare il rialzo dei prezzi.

Per il Ftse Mib ora il nuovo target è 29mila punti

In pratica, dopo due mesi il Ftse Mib ha superato il picco raggiunto a metà novembre scorso, tornando ora ai livelli precedenti l’ultima crisi finanziaria globale. Ma andare ancora più indietro nel tempo non sarà semplice, visto che a inizi settembre del 2008 l’indice principale della Borsa milanese viaggiava ancora al di sopra dei 29mila punti, soglia che al momento appare lontana.

Loading...

Wall Street chiude negativa

Wall Street chiude in calo con la Fed. Il Dow Jones perde l’1,07% a 35.407,30 punti, il Nasdaq cede il 3,34% a 15.100,18 pun ti mentre lo S&P 500 lascia sul terreno l’1,92% a 4.700,17 punti. A frenare gli indici è l'aumento dei rendimenti dei Treasury, segno che gli investitori credono che la Fed si muoverà in modo più aggressivo del previsto per contrastare l'inflazione. A breve, intanto, è attesa la pubblicazione dei verbali dell'ultima riunione della Fed, quando i banchieri centrali hanno annunciato un'accelerazione del processo che porterà alla fine del programma di acquisto di bond entro marzo, che sarà poi presumibilmente seguita dal primo rialzo dei tassi d'interesse dal 2018. Ed è stato pubblicato il rapporto Adp sulle assunzioni nel settore privato, che ha mostrato la creazione di 807mila posti di lavoro a dicembre, più del doppio del previsto.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

A Piazza Affari al top Iveco, bene Pirelli e Stellantis

A Milano nella seduta del 5 gennaio ha ingranato la quarta Iveco Group: la società scorporata da Cnh Industrial ha segnato la performance migliore dopo l'esordio in sordina della prima seduta. Brillante anche Pirelli & C grazie a una raccomandazione positiva degli analisti di Jp Morgan. In evidenza Telecom Italia dove il consiglio di amministrazione di fine gennaio potrebbe rappresentare un passaggio significativo sia per il piano industriale sia per l'offerta di Kkr mentre qualche operatore vede con favore i rumors, riportati da Il Sole 24 Ore, secondo cui i due principali gruppi bancari italiani (Unicredit e Intesa Sanpaolo) potrebbero unirsi al consorzio degli istituti a supporto del fondo Usa. Acquisti nel settore auto anche su Stellantis che ha siglato un accordo con Amazon per accelerare sul fronte della mobilità sostenibile. In fondo al listino Terna, A2a e la compagnia assicurativa Generali.

Il Covid rallenta la crescita, in calo gli indici Pmi

Dopo la breve accelerazione di novembre, l’espansione economica dell’Eurozona di dicembre ha indicato un rallentamento, ai minimi in nove mesi, registrando nuovamente un andamento al ribasso mentre risalgono i contagi da Covid-19. Tutto questo ha avuto un notevole effetto sul settore dei servizi, diminuendo la crescita dell’attività e dei nuovi ordini. Allo stesso tempo, la crescita della produzione manifatturiera è rimasta attenuata mentre i disagi relativi alla fornitura hanno continuato a frenare i piani di produzione. L’Indice IHS Markit Pmi della Produzione Composita dell’Eurozona di dicembre è sceso a 53,3 da 55,4 di novembre, segnalando la più debole espansione della produzione composita manifatturiera e terziaria da marzo.

BTp, richiesta per 55 mld per nuovo benchmark a 30 anni

Chiusi con richieste per 55 miliardi di euro i libri per il collocamento sindacato del nuovo benchmark a 30 anni del BTp (scadenza 1 settembre 2052), annunciato alla vigilia dal ministero dell'Economia. Le richieste includono 2,75 miliardi di euro dei "jont lead manager". L'ammontare dell'offerta di titoli è pari a 7 miliardi di euro. Lo spread è fissato a +6 punti base sul trentennale con scadenza settembre 2051. Prima cedola "short" il 1 marzo 2022.

Euro sopra 1,13 dollari, risale il greggio

Sul mercato valutario, l'euro/dollaro resta agganciato a quota 1,13. I prezzi del petrolio hanno invece invertito la rotta e salgono di nuovo dopo le decisioni dei Paesi Opec+ sui livelli produttivi: il Brent marzo è trattato a 81 dollari al barile, il Wti febbraio poco sopra i 77 dollari al barile. Gas in rialzo in Europa a 94 euro al megawattora.


Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave della settimana? Andrea Franceschi, insieme ai colleghi della redazione Finanza e Risparmio, cura ogni settimana “Market mover”, un podcast disponibile su tutte le piattaforme ogni sabato mattina. Ascolta il podcast Market mover
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti