ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

Le Borse europee tornano a fare i conti con il rischio inflazione, Milano chiude a -0,8%

L'attesa è tutta per la Bce di giovedì e per il dato sull’inflazione Usa in calendario venerdì. Wall Street positiva. Spread in calo a 210 punti base

di Flavia Carletti e Paolo Paronetto

Young Finance, la guida per ragazzi a risparmio e investimenti

3' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Chiusura in rosso le Borse europee mentre Wall Street chiude in territorio positivo, con l'indice dei prezzi al consumo sotto i riflettori (in Italia l'Istat stima +5,8% nel 2022 e +2,6% nel 2023). I mercati tornano a fare i conti con il rischio inflazione, di nuovo alla ribalta fin dalle prime battute della seduta dopo il rialzo dei tassi a sorpresa da parte della banca centrale australiana. Gli investitori hanno così preferito realizzare immediatamente i guadagni della vigilia, alleggerendo le posizioni sull'azionario in vista dell'appuntamento con il consiglio direttivo della Bce di giovedì. A Piazza Affari il Ftse Mib ha chiuso così in calo dello 0,81%, a Parigi il Cac40 dello 0,74% e a Francoforte il Dax40 dello 0,66 per cento. L'attenzione resta concentrata sulle banche centrali, in attesa del Consiglio direttivo della Bce di giovedì.

Il mercato resta poi in attesa dell'inflazione americana di maggio (era a +8,3% in aprile), in calendario venerdì. Il livello dei prezzi sarà osservato per capire le prossime mosse della Federale Reserve: «il dato è atteso all'8,2% ma potrebbe sorprendere ancora una volta al rialzo considerata la corsa dei carburanti e del gas», dicono gli analisti di Mps Capital Services. Il mercato stima con un’elevata probabilità un rialzo dei tassi di interesse di mezzo punto percentuale anche a settembre, oltre che a giugno e a luglio.

Loading...

Wall Street chiude in positivo una seduta nervosa

Gli indici americani mettono a segno una seduta positiva, dopo una giornata contrassegnata dalla volatilità. Il Dow Jones sale dello 0,80% a 32.179,81 punti, il Nasdaq avanza dello 0,94% a 12.175,23 mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,95% a 4.160,54 punti. Resta il contesto di preoccupazione costante per la crescita e l'inflazione. Se sul fronte macro il deficit della bilancia commerciale ad aprile ha segnato -19,1% a 87,1 miliardi di dollari (le stime erano a 90,3 mld), sul fronte azionario occhi puntati sul titolo Target che, dopo aver perso l'8% nel premercato, ha avviato in calo del 7% per poi limitare i danni con una flessione più limitata intorno al punto percentuale. La catena retail ha annunciato una serie di azioni per tagliare il livello delle scorte, tra cui quella di ridurre alcuni prezzi e di cancellare degli ordini. Target ha così tagliato la guidance per il suo margine operativo al 2% per l'attuale trimestre dal 5,3% annunciato appena tre settimane fa, assicurando che si riprenderà e salirà intorno al 6% nella seconda parte dell'anno, una performance per la stagione autunnale migliore di quelle degli anni precedenti alla pandemia. Per l'intero 2022, Target si aspetta ancora una crescita dei ricavi intorno al 3-5% e prevede di mantenere o guadagnare quote di mercato. Dall'inizio dell'anno, il titolo di Target perde oltre il 30 per cento.

A Milano bene Leonardo, in calo i finanziari

Tra i principali titoli milanesi, Leonardo ha guadagnato il 3,28% in controtendenza grazie alle indiscrezioni su una possibile maxi commessa in arrivo dall'Egitto. In rosso Tim (-3,11%) dopo che l'Agcom, secondo quanto anticipato da Radiocor, ha deciso di far ripartire l'esame della proposta di Tim sui co-investimenti nella fibra. Un esito auspicato dalla società, che però rischia di allungare i tempi anche del dossier rete unica. In generale ribasso i titoli finanziari, con Banca Generali a -2,09% e Bper a -2,43 per cento. Al di fuori del paniere principale debole Mfe (-2,75%), che ha rivisto al rialzo l'offerta per il delisting della controllata spagnola.

Gas aggiorna minimi pre-guerra, euro in calo

Sul fronte dei cambi, l'euro ha perso quota a 1,0696 dollari (da 1,0726 ieri in chiusura). Sempre più debole lo yen, sceso ai minimi da 20 anni sul dollaro. La divisa giapponese è indicata a 141,74 per un euro (da 139,59) e 132,53 per un dollaro dopo un minimo a 133. In rialzo il prezzo del petrolio, con il Brent di agosto a 120,36 dollari al barile (+0,71%) e il Wti luglio a 119,40 (+0,76%). Il prezzo del gas aggiorna i minimi pre-guerra e viaggia in calo del 2,9% a 80,2 euro per megawattora dopo essere sceso brevemente sotto la soglia degli 80 euro.

Spread Btp/Bund chiude in calo a 210 punti

Chiusura in calo per lo spread tra BTp e Bund. Il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark e il pari scadenza tedesco è indicato, al termine delle contrattazioni, a 210 punti base dai 220 punti del closing di ieri. Flette sensibilmente anche il rendimento del BTp decennale benchmark che ha segnato un'ultima posizione al 3,40% dal 3,55% di ieri in chiusura.

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave del giorno? Appuntamento quotidiano con la redazione Finanza e Risparmio che cura il podcast quotidiano “Market mover”. Ascolta il podcast
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti