il ministro contro il giudice sportivo

Ultrà morto, Salvini: «Sbagliato chiudere gli stadi e vietare le trasferte»

Questore di Milano: "Chiudere curva dell'Inter e stop trasferte"

1' di lettura

«Chiudere gli stadi e vietare le trasferte condanna i tifosi veri, che vanno distinti dai delinquenti, ed è la risposta sbagliata». Lo ha detto il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, in riferimento ai fatti di San Siro, e cioè alla morte dell’ultrà nerazzurro, ai cori anti-napoletani e agli ululati razzisti contro il calciatore Koulibaly prima e durante la partita di Santo Stefano a Milano tra Inter e Napoli e alla conseguente decisione del giudice sportivo che ha imposto alla squadra di casa due gare a porte chiuse (contro Sassuolo in campionato e Benevento in Coppa Italia) più una terza da disputare senza la curva (con il Bologna).

Inter-Napoli, hanno sbagliato tutti: 10 errori che avvelenano il calcio

«Certe partite di calcio non si giocheranno più in notturna, quelle più a rischio si devono giocare alla luce del sole e con elicotteri che possano controllare i delinquenti», ha anche aggiunto il ministro dell’Interno a margine di un appuntamento nella sede della Direzione Anticrimine a Roma. Salvini ha sottolineato che al tavolo sull'argomento, in programma a inizio anno, «proporrò che certe partite non si giochino più in notturna».

Loading...

GUARDA IL VIDEO / Inter batte il Napoli, cori razzisti contro Koulibaly

GUARDA IL VIDEO / Morto tifoso interista investito da suv durante scontri

Intanto «il governo, nella persona del ministro dell'Interno Matteo Salvini, riferisca al Parlamento sui fatti e sulle violenze verificatisi nei giorni scorsi allo stadio San Siro di Milano e nei dintorni di esso, ha chiesto nell'Aula della Camera Roberto Pella di Forza Italia.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti