ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa sentenza

Umiliare l’alunno può costare lo stipendio

Il Tribunale di Venezia ha affrontato la vicenda di un insegnante che si era visto recapitare la pesante sanzione della sospensione dal servizio

di Pietro Alessio Palumbo

(AdobeStock)

1' di lettura

Inveire contro un alunno con disturbi dell'apprendimento con frasi come “minus habens”, “imbecille” “cialtrone”, “stolto”, “infante”, può costare al docente fino a sei mesi di sospensione dall’insegnamento e relativo stipendio. Con una sentenza dell’ 11 maggio scorso il Tribunale di Venezia ha affrontato la vicenda di un insegnante che si era visto recapitare la pesante sanzione della sospensione dal servizio.

Il Tribunale lagunare ha ricordato che i comportamenti ingiuriosi o comunque lesivi dell...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati