nonostante abbia ottenuto un iter veloce

Fermo il disegno di legge per garantire ai nonni il diritto di visita ai nipoti

Un provvedimento che ha anche ottenuto a Palazzo Madama l’esame in sede redigente in commissione Giustizia, ma che ancora non ha iniziato il percorso per diventare legge dello Stato. «ma lo farà presto», assicura il senatore

di Nicoletta Cottone


Arrivano i nonni 'coinquilini', Roma punta su cohousing

2' di lettura

Un disegno di legge per garantire ai nonni il diritto di visita ai nipoti. Lo ha proposto lo scorso anno il senatore Antonio De Poli (Forza Italia) per introdurre nel codice civile il diritto di visita dei nonni ai nipoti. Un provvedimento che torna alla ribalta, visto che il 2 ottobre è la festa dei nonni, che ha anche ottenuto a Palazzo Madama un iter più veloce (l’esame in sede redigente in commissione Giustizia) ma che ancora non ha iniziato il percorso per diventare legge dello Stato. «Ma lo farà presto», assicura il senatore. Un concetto, quello del diritto di visita, già espresso in molte sentenze della Cassazione, ma spesso ancora inapplicato.

Garantire al minore di non perdere i contatti con i nonni
«Una figura importante quella dei nonni - spiega al Sole24ore.com il senatore De Poli - che ha diritto ad avere rapporti con i nipoti anche quando intervengono separazioni o divorzi. Occorre garantire un rapporto diretto in modo che il minore non perda rapporti consueti, validi e rassicuranti con i nonni». Il disegno di legge proposto da De Poli - e supportato da altri parlamentari di diversi schieramenti - introduce nel codice civile l’articolo 317-bis del codice civile sul ”Diritto di visita degli ascendenti”.

GUARDA IL VIDEO - Arrivano i nonni 'coinquilini', Roma punta su cohousing

L’intervento del giudice
L’articolo prevede che i genitori abbiano il dovere di consentire e di non ostacolare il rapporto fra nipoti e nonni (ovviamente a meno che ciò non sia in contrasto con l’interesse del minore). In caso di inosservanza sarà il tribunale dei minori a stabilire le modalità di visita. Il testo prevede anche che nel corso dei giudizi di separazione o divorzio il giudice competente ad assumere i provvedimenti di visita sia il giudice che tratta la vicenda. «In Italia - sottolinea De Poli - ci sono 25mila nonni che vedono pregiudicato o distrutto il loro rapporto con i nipoti.

Solo l’11,78% dei bambini frequenta l’asilo nido
Sono figure indispensabili i nonni per molte famiglie, considerando che solo l'11,78% dei piccoli freqenta gli asili nido, che sono in grado di accogliere appena 175mila bambini su una platea potenziale di circa un milione e mezzo di bambini. «Spesso una spesa incompatibile con il bilancio familiare. Gli altri vanno dai nonni, con notevoli vantaggi per l’economia del Paese», spiega De Poli.

L’aiuto dei nonni indispensabile per le mamme che lavorano
Fra le altre una indagine dell’Università Bocconi evidenzia che le mamme che possono contare sull’aiuto dei nonni hanno il 40% in più di possibilità di conciliare la famiglia e il lavoro. Spesso il divorzio dei genitori, dice De Poli, «diventa anche un divorzio dei figli dal genitore che esce di casa, ma anche dai nonni. E i figli per molti genitori diventano un’arma di combattimento, da usare anche contro i nonni del coniuge. Una situazione assolutamente da evitare, nell’interesse di minori e nonni».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...