La nuova sfida di Leonardo Ghiraldini

Un ex capitano della Nazionale di rugby in campo per la sostenibilità delle aziende

L’ex tallonature azzurro si occuperà di società che gestiscono grandi eventi sportivi, di finanziamenti per lo sport, di aziende che producono materiale “dedicato”, di federazioni e club

di Giacomo Bagnasco

(Federico Proietti Sync / AGF)

2' di lettura

Da capitano della Nazionale di rugby a “Evolution Guide” per Nativa, società che si occupa di accompagnare organizzazioni aziendali lungo il percorso della sostenibilità sociale e ambientale. Leonardo Ghiraldini - 37 anni, 107 presenze in azzurro, una carriera agonistica terminata da poco - si muove nuovamente in coerenza con le proprie caratteristiche e qualità. Se in campo è stato un tallonatore eccellente e sempre affidabile, fuori dal terreno di gioco ha segnato altre mete: una laurea in Economia aziendale e un master in diritto e management dello sport. “Evolution Guide”, dunque, è il suo nuovo ruolo: nello specifico affiancherà le aziende e altre realtà che operano in campo sportivo e che intendono migliorare sul piano della sostenibilità.

Nativa, che si definisce “Regenerative Design Company”, è nata nel 2012, ha sedi a Roma e a Milano, è stata la prima società europea a ottenere la certificazione B-Corp (rilasciata da B-Lab, ente non profit statunitense) e ha contribuito al processo che, con la legge di Stabilità 2016, ha introdotto la possibilità di fruire dello status di “società benefit” per le Spa e Srl interessate. Tra le grandi realtà seguite - nell'evoluzione che può portare a questo status e, ulteriormente, alla certificazione B-Corp - Nativa cita Illycaffè, Geox, Ovs, Intesa Sanpaolo, Bonduelle.

Loading...

L'inserimento di Ghiraldini, dunque, è mirato soprattutto a un coinvolgimento delle società che gestiscono grandi eventi sportivi, degli enti che si occupano di finanziamenti per lo sport, delle aziende che producono materiale “dedicato”, delle federazioni e dei club. «Sono argomenti che ho già affrontato nel corso dei miei studi - dice Leonardo - e condivido l'idea-valore di aggiungere ai fattori economici alti livelli di performance sociali e ambientali. Trovo poi che ci sia una particolare analogia con i traguardi che si raggiungono in campo agonistico: nel senso che, al di là dei risultati che le aziende otterranno, da parte di Nativa non mancherà mai lo stimolo a non fermarsi, a migliorare giorno dopo giorno e ad arrivare a esprimere di volta in volta il loro pieno potenziale».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti