ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùRICONOSCIMENTI

Un francobollo dedicato al risparmio gestito

di Isabella Della Valle

(Andrey Popov - stock.adobe.com)

2' di lettura

Il risparmio gestito è una grande risorsa nel nostro Paese e lo è da tempo perché a livello culturale le famiglie italiane sono abituate a “mettere da parte”. All’inizio il capitale veniva accantonato principalmente per avere una riserva per il futuro o anche per far fronte a eventuali spese non preventivate. Successivamente il suo ruolo è diventato meno statico e più aperto a soluzioni di investimento che potessero farlo aumentare nel tempo.

Un concetto anticipato già dai padri costituenti che avevano ben chiara l’importanza del risparmio, sottolineata nell’articolo 47 della Costituzione Italiana di cui ricorre il 75esimo anniversario: «La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tuttele sue forme (...) Favorisce l’accesso del risparmio popolare (...) al diretto e indiretto investimento azionario nei grandi complessi produttivi del Paese». Un importante riconoscimento che poneva già le fondamenta sulle quali è costruita l’industria del risparmio gestito. Queste parole sono chiare, esplicite e implicano che chi prende in carico la gestione di questo patrimonio non solo ha il compito di preservarlo e di farlo fruttare al meglio laddove possibile, ma anche di custodire un altro patrimonio di grande valore che una volta perso difficilmente si recupera: la fiducia dei risparmiatori. Ed è seguendo proprio il principio di investimento collettivo basato sulla diversificazione del rischio e sulla gestione professionale che nel 1983 con la legge 77 del 23 marzo sono stati creati i fondi comuni di investimento.

Loading...

Al Salone questo argomento verrà approfondito con una conferenza dal titolo «75 anni di risparmio nella Costituzione. Francobollo celebrativo dell’eccellenza italiana». Il costituzionalista Alfonso Celotto ripercorrerà la storia e le dinamiche che hanno ispirato i Padri Costituenti nella stesura dell’articolo 47, con il chiaro riferimento alla necessità di diffondere, anche in Italia, l’Investment trust–organismo di investimento collettivo nato negli Stati Uniti per mettere a disposizione dei risparmiatori italiani uno strumento «capace di attuare accorti assorbimenti di investimenti e rischi azionari e obbligazionari, pronto a mutare tempestivamente gli investimenti medesimi in rapporto alle variabili tendenze del mercato monetario e finanziario». Per celebrare i 75 anni dalla nascita della Costituzione che sancisce questo riconoscimento al valore sociale dell’industria, verrà presentato appunto il francobollo dedicato al Risparmio Gestito. Seguirà la cerimonia di annullo primo giorno del Francobollo dedicato all’industria del risparmio gestito ed emesso dal Mise nell’ambito della Serie tematica “Le Eccellenze del sistema produttivo ed economico”.

12 MAGGIO
Ore 10:30/11.30
75 anni di risparmio nella Costituzione. Francobollo celebrativo dell'eccellenza italiana
Relatori
Gilberto Pichetto Fratin - Vice ministro
Carlo Trabattoni - Assogestioni
Bianca Maria Farina - Poste
Fabio Galli - Assogestioni
Alfonso Celotto
- costituzionalista
Fabio Tamburini - Sole 24 Ore
Conferenza organizzata da: Assogestioni

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti